Differenza tra esoftalmo e proptosi

MEDICINA ONLINE ESOFTALMO OCCHIO BULBO OCULARE SOPRACCIGLIO MONOLATERALE IMPROVVISA CURA INTERVENTO OFTALMOPATIA TIROIDE IPERTIROIDISMO ORMONI MORBO BASEDOW

Esoftalmo in paziente ipertiroideo

Con “esoftalmo” si intende una protrusione (cioè uno spostamento in avanti) del bulbo oculare oltre la rima palpebrale negli adulti (nei bambini e negli anziani è infatti normale un lieve enoftalmo). L’esoftalmo può essere unilaterale (colpisce solo un occhio) o bilaterale (colpisce entrambi gli occhi; inoltre può essere diretto (l’occhio si presenta semplicemente spinto in avanti, provocato da formazioni di natura traumatica o tumorale) o indiretto (in cui è presente uno spostamento anche laterale del bulbo oculare, comunemente causato da processi malformativi od infiammatori cronici, nonché da patologie che interessano la tiroide, come l’ipertiroidismo che si verifica nel morbo di Basedow).

Differenza con proptosi

Il termine “esoftalmo” è spesso usato – anche dai medici stessi – come sinonimo di “proptosi“; tuttavia l’esoftalmo indica lo spostamento in avanti degli occhi determinato da condizioni endocrino-correlate (ad esempio l’ipertiroidismo che si verifica nel morbo di Graves); il termine “proptosi” dovrebbe essere usato quando lo spostamento dell’occhio avviene per cause NON endocrino-correlate, ad esempio in caso di:

  • masse tumorali;
  • anomalie vascolari come fistole tra carotide e seno cavernoso, aneurisma arterovenoso e trombosi del seno cavernoso);
  • infiammazioni dovute a cause fisiche, infettive o traumatiche;

quindi in tutti quei casi in cui lo spostamento dell’occhio è determinato da alterazioni locali o sistemiche che creano un aumento patologico di volume entro i confini ossei fissi della cavità orbitaria.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina degli organi di senso e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.