E voi siete pronti ad una nuova abbronzatura?

MEDICINA ONLINE SOLE MARE PAURA DELL ACQUA FEAR OF SWIMMING SPIAGGIA PISCINA MARE DONNA COSTUME SEA SAND GIRL BEACH SWIMMING WALLPAPER HI RES PICS PICTURE PHOTO BEAUTIFUL VETRO UVA UVB UVia i cappotti, abbandonate le sciarpe e i guanti, riposti i maglioni è arrivato l’agognato momento di scoprirsi. L’arrivo di aprile può essere l’occasione giusta per iniziare a perdere il colorito pallido dei mesi invernali e tornare al lavoro e a scuola con una tintarella tutta salute e gioia di vivere. Ecco quindi un piccolo vademecum per preparare al meglio la pelle in vista delle prime esposizioni al sole e tornare senza brutte scottature, fastidiose allergie e antipatiche macchie cutanee.

Sotto la doccia: partire col piede giusto è fondamentale. Togliamo dunque senza indugi le cellule morte accumulate durante l’inverno. Uno scrub, anche naturale, fatto sotto una bel getto d’acqua almeno una volta ci consente di purificare la pelle, che una volta esfoliata deve tornare liscia e pronta all’esposizione. Per evitare il rischio di eritemi e di irritazioni il suggerimento è di sospendere l’esfoliazione almeno un paio di settimane prima di iniziare i nostri bagni di sole. Giochiamo d’anticipo!

A tavola non si invecchia: ormai non è più un mistero per nessuno: una corretta alimentazione è fondamentale per il benessere del nostro organismo. Anche per l’abbronzatura una bella scorta di betacarotene e licopene, sostanze che stimolano in maniera naturale la produzione di melanine, la si può fare a tavola. Iniziamo fin da un mese prima dell’esposizione al sole a mangiare frutta e verdura a buccia e polpa rossa, gialla e arancione. Via libera quindi a carote, peperoni ma soprattutto ai pomodori: ricchi di licopene sono magnifici antiossidanti. Consumati crudi o gustati in insalate, frullati, zuppe e macedonie, tutti questi alimenti sono preziosissimi. Andando verso la bella stagione possiamo aggiungere ciliegie, albicocche, susine, melone, melanzane, pesche e cocomero: vien l’acquolina in bocca solo a parlarne!

Potenza di fuoco: se desideriamo massimizzare i risultati della nostra esposizione al sole, possiamo fare ricorso agli integratori di melanina. Per potenziare l’abbronzatura un salto in farmacia può tornare quindi molto utile; l’accortezza è quella di assumere i prodotti almeno un mese prima della sospirata tintarella, perché stimolano la produzione di pigmento e mantengono un colorito intenso e più a lungo. Fidarsi è bene, ma…

Parola d’ordine: proteggersi! Non ci stancheremo mai di ripeterlo: durante le prime esposizioni non possono mancare nella borsa creme protettive di ogni genere. Dal burro cacao alla crema per il contorno occhi fino ad arrivare al latte per il corpo, è indispensabile proteggere l’epidermide dai raggi UV-B e dai dannosi raggi UV-A. Senza una protezione adeguata, la pelle è a rischio scottature, soprattutto all’inizio della stagione dei bagni di sole, quando l’epidermide è ancora assolutamente impreparata a stare all’aria aperta. Scottarsi ripetutamente o esporsi al sole troppo a lungo causa un invecchiamento precoce e irreversibile della pelle, il cosiddetto effetto del “foto-aging”. La prudenza non è mai troppa.

L’occhio vuole la sua parte: esporsi al sole indossando gli occhiali più adatti a filtrare i raggi ultravioletti è d’obbligo per grandi e piccini. Anche gli appassionati degli sport d’acqua, così come chi trascorre molte ore sulla neve, debbono indossare occhiali e ancor meglio quelli con lenti polarizzate, che riducono il riverbero e proteggono dal riflesso dell’acqua.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

FONTE

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bellezza e cura della persona, Cosmetica, Dermatologia e venereologia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.