Vende un rene per comprare un iPhone, ma diventa disabile e ora necessita di dialisi

MEDICINA ONLINE Xiao Wang rene iphone ipad kidney sell Vende un rene per comprare un iPhone, ma diventa disabile e ora necessita di dialisi.jpgNel 2011 la sua storia era stata raccontata su tutti i siti del mondo: Xiao Wang, giovane cinese che all’epoca aveva 17 anni, non aveva abbastanza soldi per comprarsi un iPhone ed un iPad, quindi pur di averli aveva deciso di mettere letteralmente in vendita un rene, riuscendo nel suo intendo e recuperando 2600 euro per il suo organo, all’insaputa dei genitori.

Una volta diventata di pubblico dominio la storia, erano state arrestate nove persone implicate nella operazione di rimozione del rene, tra cui il medico che aveva effettuato l’intervento, accusato di lesioni volontarie. I tre intermediari che avevano messo in contatto il giovane con i medici sono stati condannati a pene comprese fra i 3 e i 5 anni di carcere, tre anni per due dei medici presenti durante l’intervento. Alla famiglia del ragazzo la legge cinese ha riconosciuto un risarcimento di circa 170 mila euro.

Ma la parte più drammatica della storia è il racconto di quello che è accaduto dopo: a seguito dell’intervento, eseguito non è chiaro in quali condizioni, le condizioni fisiche del ragazzo erano rapidamente peggiorate, aveva sofferto di insufficienza renale ed oggi – otto anni dopo – è disabile, costretto a stare a letto e attaccato a una macchina per la dialisi, inoltre necessita di assistenza 24 ore su 24. Una storia davvero triste, che deve farci riflettere su cosa una persona è disposta a fare per avere l’ultimo gadget tecnologico alla moda.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Rene ed apparato urinario, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia, Tecno-patologie, social network e smartphone dipendenza e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.