Si può morire di epilessia?

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Medicina Chirurgia Estetica Benessere Dietologia Sessuologia Ecografie Tabagismo Smettere di fumare Perchè è così difficile smettere di fumare Perchè mi sento depresso dopoMolti soggetti con epilessia vivono una vita piena e hanno un’aspettativa pari a quella di chiunque altro, tuttavia in alcuni esiste un rischio maggiore di morte precoce. Si sa che, con un controllo ottimale delle convulsioni e con le dovute precauzioni, è possibile ridurre i rischi di morte collegati all’epilessia. I fattori che aumentano il rischio di morte precoce sono:

  • Problemi di salute più gravi, come un ictus o un tumore. Queste condizioni aumentano il rischio di morte e possono causare convulsioni.
  • Cadute o altri traumi conseguenti alle convulsioni. I traumi stessi sono potenzialmente mortali.
  • Convulsioni che durano più di 5 minuti. Questa condizione è nota come stato epilettico. Lo stato epilettico talvolta insorge quando un soggetto interrompe improvvisamente l’assunzione dei farmaci anti-convulsivanti.

I soggetti epilettici possono anche, sia pur raramente, andare incontro a morte improvvisa e inattesa, la cosiddetta SUDEP (dall’inglese Sudden Unexpected Death in Epilepsy). Il meccanismo della SUDEP non è ben chiaro e non ne sono note le cause; la comunità scientifica sospetta che sia dovuta a una variazione del ritmo cardiaco durante un episodio convulsivo. la morte improvvisa dovuta ad alterazioni del ritmo cardiaco può avvenire anche in soggetti che non soffrono di convulsioni.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicopatologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.