Morso di lucertole velenose: sintomi, segni, cosa fare, terapie

MEDICINA ONLINE mostro di Gila monster (Heloderma suspectum Cope, 1869) LUCERTOLA VELENOSO MORTE MORTO MORSO VELENO COSA FARE PERICOLO ANIMALI SERPENTE LUCERTOLA.jpgLe lucertole velenose per l’uomo sono estremamente rare ed è estremamente poco probabile che una persona che vive in una città venga in contatto con esse. Soltanto il mostro di Gila (Heloderma suspectum), che vedete nella foto in alto e che vive nel Sud Ovest degli USA e in Messico, e la lucertola imperlata (H. horridum) del Messico, sono note come velenose (ed addirittura mortali in alcuni casi).

Componenti del veleno

Il veleno del mostro di Gila e della lucertola imperlata è in qualche modo simile a quello dei crotalidi (serpenti) e contiene: serotonina, arginina esterasi, ialuronidasi, fosfolipasi A2 e una o più callicreine salivari. Esso non possiede componenti neurotossiche o enzimi che interferiscono con la coagulazione.

Sintomi e segni

I sintomi e i segni del morso comprendono dolore, tumefazione ed edema di notevole intensità, ecchimosi, linfangite e linfoadenopatia. Nell’avvelenamento moderato o grave possono comparire manifestazioni sistemiche (p. es., astenia, sudorazione, senso di sete, cefalea, tinnito). Raramente, nei casi gravi si verifica un collasso cardiovascolare. I reperti clinici e il decorso sono generalmente simili a quelli di un caso di avvelenamento di gravità minima o moderata causato da un morso di crotalo dal dorso di diamante dell’Ovest.

Cosa fare e terapia

In commercio non è disponibile alcun antidoto specifico; in caso di morso la ferita deve essere esplorata con un piccolo ago alla ricerca di denti dell’animale rotti o staccatisi, e quindi va pulita. E’ necessario contattare un medico, nel dubbio se il morso sia velenoso o non lo sia. Il trattamento consiste in misure di supporto simili a quelle raccomandate per l’avvelenamento da serpenti, che potete trovare in questo articolo: Morso di serpente velenoso: sintomi, segni, effetti, cosa fare, terapia

Può interessarti anche:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina di laboratorio, chimica, fisica e biologia, Noi che amiamo la natura e gli animali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.