Una donna si è ritrovata nell’occhio 14 vermi vivi di un centimetro l’uno

MEDICINA ONLINE ABBY BECKLEY Thelazia gulosa Una donna si è ritrovata nell'occhio 14 vermi vivi di un centimetro l'uno parassiti oculari occhi.jpgAbby Beckley, una donna di 28 anni che vive in Oregon (USA), si è ritrovata 14 vermi vivi nell’occhio sinistro, come racconta la CNN. L’infezione parassitaria si era manifestata nell’agosto del 2016, ma solo recentemente i medici hanno diffuso i dettagli della notizia.

Due anni fa a Beckley era stata diagnosticata un’infezione da Thelazia gulosa, un tipo di verme che colpisce il bestiame e non aveva mai infettato un essere umano. Nell’estate del 2016 Beckley era infatti stata in Alaska per lavorare su una barca da pesca di salmoni e dopo circa due settimane dopo aveva cominciato ad avvertire un fastidio all’occhio sinistro.

La donna ha riferito: “Il mio occhio sinistro era diventato davvero irritato e rosso, e la mia palpebra era cadente. Ho tirato giù la parte inferiore del mio occhio e ho notato che la mia pelle sembrava strana lì”. Dopo essersi infilata un dito nell’occhio per capire di cosa si trattasse, ha tirato fuori un verme che si muoveva e successivamente altri tredici, ognuno lungo circa un centimetro.

I vermi sono stati mandati al laboratorio diagnostico del CDC (Centers for Disease Control and Prevention) e gli scienziati si aspettavano di trovare una specie del parassita Thelazia chiamato californiensis, che in precedenza aveva già infettato dieci persone negli Stati Uniti, ma invece il dott. Richard Bradbury del CDC, ha riferito che la Thelazia gulosa trovata nell’occhio di Beckley fosse una specie che infetta unicamente il bestiame e non era mai stata vista prima in un occhio umano. La Thelazia gulosa è soprannominata “mosca del viso” perché si nutre delle lacrime degli occhi.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.