Mamma partorisce un bimbo, un mese dopo nascono altri due gemelli: ecco la spiegazione scientifica

Dott. Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Roma Medicina Chirurgia Estetica Rughe Cavitazione Dieta Peso Dimagrire Pancia Grasso Dietologo Cellulite Cibo Senologo Psicologo Sessuologo Gravidanza ITALIA AUMENTANO NEONATI PREMATURITre figli, di cui il secondo ed il terzo a distanza di quasi un mese dal primo: è la storia di Arifa Sultana, ventenne del Bangladesh che ha dato alla luce due gemelli 26 giorni dopo aver partorito il primo bimbo. Il caso ha colpito i medici di tutto il mondo, come riportato dalla BBC. Il fatto può apparire assurdo, ma c’è una spiegazione razionale: la ragazza di Kulna ha due uteri e non uno come è normale, mentre tre sono stati gli ovuli fecondati.

I tre bambini stanno bene

Arifa ha messo al mondo il primo figlio a fine febbraio (prematuro) e non immaginava di essere ancora incinta quindi alcuni giorni fa, in preda a forti dolori addominali, è corsa all’ospedale e c’è stata la sorpresa della seconda gravidanza dei due gemelli. Arifa non si era sottoposta all’ecografia poiché aveva problemi economici. Sheila Poddar, la ginecologa che ha praticato il taglio cesareo alla giovane, ha riferito: “Non avevo mai visto nulla di simile in vita mia”. I tre ovuli sarebbero stati fecondati contemporaneamente, ma si sarebbero formati tre embrioni. I gemelli sono un maschio e una femmina e stanno bene, come anche il loro fratello maggiore nato prematuro un mese prima.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Gravidanza e maternità, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.