Invasività microbica: la capacità di invadere l’organismo ospite

MEDICINA ONLINE INVASIVITA VIRUS BATTERI FUNGHI PATOGENI MICROBIOLOGIA MICROORGANISMI CLINICA BIOLOGICA BIOLOGIA MICROBI LABORATORIO ANALISI PARETE INFEZIONE ORGANISMO PATOGENESIL’invasività è un parametro che viene utilizzato in medicina per descrivere la capacità di un esame clinico o di un microrganismo patogeno di penetrare le difese naturali dell’organismo umano. Si possono pertanto distinguere due tipi di invasività:

  • invasività clinica: riferita agli esami della pratica medica chirurgica;
  • invasività microbica: riferita ai microrganismi che colonizzano il corpo umano.

La patogenicità di ogni microorganismo deriva dalla sua invasività e dalla tossigenicità: i vari microbi patogeni hanno infatti un diverso grado di invasività, cioè di capacità di invadere l’organismo ospite, che dipendono principalmente dalle caratteristiche e dai meccanismi di azione del patogeno. Alcuni dopo essere penetrati ed essersi diffusi esplicano la loro azione solo su alcuni organi o apparati, come ad esempio i virus dell’epatite, altri interessano tutto l’organismo causando danni generalizzati (rosolia, varicella).

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina di laboratorio, chimica, fisica e biologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.