Differenza tra mastectomia semplice, radicale, con conservazione del capezzolo e bilaterale

MEDICINA ONLINE SURGEON SURGERY EMERGENCY ROOM CHIRURGIA OPERAZIONE CHIRURGO TEAM TRAPIANTO SANGUE BISTURI EMERGENZA CUORE CERVELLO OSPEDALE MORTE ERRORE FERRI VASCOLARELa mastectomia è un intervento chirurgico che prevede l’exeresi (l’asportazione) del seno, terapia fondamentale di gran parte dei tumori maligni che colpiscono la mammella, sia femminile che maschile. E’ un intervento molto demolitivo e più invasivo rispetto alla tumorectomia ed alla quadrantectomia, in quando prevede l’asportazione di tutto il seno compreso il capezzolo, anche se a volte quest’ultimo può essere preservato. Fino alla diffusione della quadrantectomia, la mastectomia era la tecnica più usata per la terapia del cancro mammario. Oggi, se possibile, si esegue una quadrantectomia, intervento meno demolitivo e che si presta a risultati estetici migliori.
La mastectomia offre maggiori certezze che il tumore venga interamente eradicato. Una mastectomia può essere indicata nei casi seguenti:

  • il seno della paziente è piccolo e il tessuto rimanente avrebbe un brutto aspetto dopo l’intervento conservativo;
  • il tumore occupa una zona ampia del seno;
  • il tumore interessa più zone del seno (multicentrico).

Esistono diversi tipi di mastectomia:

  • mastectomia semplice: consiste nella rimozione di tutto il seno, compresa la pelle, mentre le ghiandole linfatiche (linfonodi) e i muscoli sotto il seno non vengono asportati. Tuttavia, alcuni linfonodi potrebbero essere tolti con il tessuto mammario rimosso durante l’operazione. Una mastectomia semplice è un trattamento adatto per es. per un DCIS (carcinoma duttale in situ) o un LCIS (carcinoma lobulare in situ)  quando sono presenti in diverse parti del seno;
  • mastectomia radicale modificata (secondo Patey): asporta l’intero seno e i linfonodi dell’ascella;
  • mastectomia con conservazione della pelle (skin sparing mastectomy o SSM): consiste nell’asportazione della ghiandola mammaria conservando la pelle ma asportando areola e capezzolo. È seguita da ricostruzione immediata sia mediante protesi definitiva o espansore o lembo. Consente di ottenere il risultato cosmetico migliore nei casi dove non è possibile una chirurgia conservativa ma la perdita del capezzolo rappresenta ancora una mutilazione importante per la donna anche se questo si può ricostruire in un secondo tempo;
  • mastectomia con conservazione dell’areola e del capezzolo (Nipple sparing mastectomy o NSM): consiste nell’asportazione di tutta la ghiandola mammaria, conservando la pelle e il complesso areola-capezzolo.  Richiede l’esame istologico di almeno 1 centimetro del tessuto localizzato sotto l’areola durante l’intervento (detto esame estemporaneo). Solo se questo prelievo non contiene cellule tumorali, si può evitare di asportare l’areola e il capezzolo. Questo tipo di intervento può essere proposto nelle mastectomie profilattiche in pazienti portatrici di mutazioni genetiche (per esempio, BRCA 1 e 2). La possibilità di effettuare la mastectomia conservando il capezzolo e l’areola permette di migliorare notevolmente il risultato estetico. La scelta di questa tecnica presuppone alcune condizioni: il tumore invasivo o in situ non deve coinvolgere il capezzolo, inoltre il seno deve essere di dimensioni medio – piccole e con moderata ptosi (seno cadente). Controindicazioni assolute sono: 1) evidenza clinica o istologica di interessamento del capezzolo; 2) presenza di secrezioni patologiche dal capezzolo; 3) malattia di Paget; 4) carcinomi infiammatori,
  • Mastectomia bilaterale: è una possibilità per ridurre il rischio di tumore al seno ed è di solito discussa con donne sane a rischio moderato/alto o portatrici di una mutazione genetica ma anche in donne con diagnosi di tumore al seno ad alto rischio di ricomparsa della malattia (per es. in caso di mutazione genetica). Una ricostruzione immediata è di solito discussa quando vi è indicazione ad una mastectomia profilattica. La mastectomia bilaterale riduce del 90-95% il rischio di sviluppare un tumore del seno ma non può annullarlo completamente. Alla paziente che si deve sottoporre ad una mastectomia verrà spiegata la possibilità di ricostruzione del seno. Essa può essere fatta contemporaneamente alla mastectomia (ricostruzione immediata), oppure dopo mesi o anni (ricostruzione ritardata). La ricostruzione ritardata può essere proposta se vi sono dei motivi medici o personali che rendono impossibile o non proponibile un intervento immediato.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senologia e prevenzione del tumore alla mammella e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.