Differenza tra spermatorrea, eiaculazione, polluzione

MEDICINA ONLINE ANSIA DA PRESTAZIONE SESSO TRISTE SESSUALE PENE EREZIONE IMPOTENZA DISFUNZIONE ERETTILE PAURA TIMORE COPPIA MENTE PSICOLOGIA LETTO PENETRAZIONE MATRIMONIO FIDANZATI UOMO DONNA LIBIDO SPERMA PIACERE SEX

La spermatorrea avviene a pene flaccido e senza stimolazione sessuale

Eiaculazione

Con “eiaculazione” si intende l’emissione, attraverso l’uretra, di liquido seminale (sperma) causata dalle contrazioni dei muscoli alla base del pene e dell’epididimo, in seguito al raggiungimento volontario di erezione ed orgasmo. L’emissione di sperma che si verifica nell’eiaculazione:

  • dura in genere alcuni secondi;
  • è associata quasi sempre al piacere (orgasmo);
  • è in genere “potente”, nel senso che avviene con alcuni schizzi di sperma (fatto questo che aumenta le possibilità degli spermatozoi di raggiungere utero ed ovulo da fecondare);
  • avviene con paziente sveglio e conscio di cosa sta accadendo;
  • è seguita dal “periodo refrattario”, cioè il tempo necessario a un uomo prima di provare nuovamente desiderio sessuale e/o essere in grado di avere una nuova erezione ed eiaculazione.

Leggi anche: Come avviene l’eiaculazione maschile [VIDEO] Attenzione: immagini sessualmente esplicite

Spermatorrea

Anche nella “spermatorrea” avviene emissione, attraverso l’uretra, di liquido seminale (sperma) ma questa non è causata dalle contrazioni dei muscoli alla base del pene e non avviene in seguito al raggiungimento di erezione ed orgasmo: nella maggioranza dei casi la spermatorrea avviene a pene flaccido e senza che il soggetto se ne accorga. L’emissione di sperma che si verifica nella spermatorrea:

  • può perdurare anche alcuni minuti;
  • non è associata al piacere dell’orgasmo;
  • è in genere “debole”, nel senso che avviene con semplici gocciolamenti dello sperma, senza gli schizzi tipici dell’eiaculazione;
  • avviene con paziente non conscio di cosa sta accadendo;
  • in genere non è seguita dal “periodo refrattario”: subito dopo un episodio di spermatorrea un uomo è capace di provare eccitazione sessuale e di avere una erezione o un orgasmo.

Per approfondire: Spermatorrea: la perdita involontaria di sperma senza eccitazione sessuale

Polluzione

Con “polluzione notturna” o più semplicemente “polluzione” in medicina si indica un’eiaculazione involontaria di liquido seminale (sperma) che avviene durante il sonno. La polluzione notturna di solito accompagna sogni a sfondo erotico che eccitano inconsapevolmente il soggetto; questi sogni, volgarmente chiamati “sogni bagnati” possono essere o meno richiamati alla mente al momento del risveglio, cioè in alcuni casi vengono ricordati dal soggetto mentre in altri casi ciò non avviene ed il paziente può ritrovarsi perplesso a pensare come sia stato possibile avere “un orgasmo da addormentato”. Se la polluzione è avvenuta poco prima di svegliarsi, il soggetto può notare che il suo pene è ancora eretto o parzialmente eretto. L’emissione di sperma che si verifica nella polluzione:

  • è del tutto simile ad una eiaculazione “diurna” che avviene volontariamente;
  • dura in genere alcuni secondi;
  • è associata quasi sempre ad un sogno erotico ed al piacere dell’orgasmo che il paziente avverte come facente parte del suo sogno;
  • è in genere “potente”, nel senso che avviene con alcuni schizzi di sperma;
  • avviene con paziente addormentato e non conscio di cosa sta accadendo;
  • è seguita dal “periodo refrattario”: raramente ad una polluzione segue immediatamente una nuova polluzione.

Per approfondire: Polluzione notturna maschile e femminile: cos’è e perché avviene

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Andrologia, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.