Per un anno e mezzo si inietta il proprio sperma per curare il mal di schiena: necessario l’intervento

MEDICINA ONLINE MEDICO PAZIENTE ANAMNESI VISITA ESAME OBIETTIVO IDIOPATICO SINTOMI DOLORE STUDIO OSPEDALE AMBULATORIO CONSIGLIO AIUTO DOTTORE INFERMIERE PRESCRIZIONE FARMACO DIAGNOSIUn individuo britannico si sarebbe iniettato il proprio sperma nel braccio nel tentativo di curare il mal di schiena che lo affliggeva da tempo. Come riportato dall’Independent, L’uomo, di cui non è stata rivelata l’identità, ha 33 anni ed è stato ricoverato a Dublino a causa della singolare “cura” che ha escogitato da solo e portato avanti per un anno e mezzo non ascoltando le normali prescrizioni dei medici. I sanitari si sarebbero insospettiti dopo aver notato una forte eruzione cutanea ed un singolare gonfiore su un braccio causato da un ascesso: a quel punto, incalzato dalle domande dei medici, il 33enne avrebbe rivelato i particolari della propria “terapia”, che ovviamente non solo non ha funzionato, ma ha anche provocato complicanze dermatologiche. L’uomo è stato quindi sottoposto ad un intervento per rimuovere lo sperma all’ospedale Adelaide and Meath Hospital nella capitale irlandese.

Usare come esempio

La dott.ssa Lisa Dunne ha descritto il caso sulla rivista scientifica Irish Medical Journal:

“Il paziente aveva escogitato questa cura indipendentemente da qualsiasi consiglio medico. Ha rivelato di aver iniettato una dose mensile di sperma per 18 mesi consecutivi usando un ago ipodermico che era stato acquistato online. Questo è stato il primo caso segnalato di iniezione di seme da utilizzare come trattamento medico. Il paziente aveva fallito numerosi tentativi di iniettare il proprio fluido corporeo”.

Secondo la dott.ssa Dunne il caso potrebbe essere usato come esempio per dimostrare ai pazienti i rischi associati alle terapie “fai da te”, sempre più diffuse su internet.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Sessualità e storie d'amore, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.