Synthol nei bicipiti: bodybuilder a rischio amputazione delle braccia

MEDICINA ONLINE SYNTHOL BICIPITI GONFIARE OLIO BODYBUILDER APUTAZIONE BRACCIA PALESTRA MUSCOLI INIEZIONI RISCHI DANNO AUMENTARE IPERTROFIA Romario Dos Santos Alves.jpgIl desiderio di un bodybuilder di diventare l’incredibile Hulk umano iniettandosi olio nelle braccia gli ha fatto rischiare la vita. Solamente 3 anni fa Romario Dos Santos Alves di 25 anni era un bodybuilder nella media che viveva a Goiana in Brasile. Andava in palestra per costruirsi i muscoli nel modo più veloce possibile, e per questo ascoltò i suggerimenti degli amici. In un’intervista ha affermato: “Mi hanno fatto conoscere il Synthol e sono stato entusiasta dei risultato. Per questo ho perso il controllo.”

Synthol: cos’è?

Il Synthol è un cocktail di olio, antidolorifici ed alcool che si inietta nei muscoli, in questo caso nei bicipiti, con l’obiettivo di farli apparire più “grossi”. I muscoli, in apparenza, si sono infatti molto ingrossati, ma alla fine Alves è diventato dipendente da esso. “Se si prende una volta ci sarà sicuramente una seconda volta: è coinvolgente”. Per farsi aiutare dalla moglie per le iniezioni in posti che non riusciva a raggiungere da solo, le raccontava che non c’era alcun problema con il liquido, in quanto sarebbe stato espulso naturalmente dopo poco tempo. Cosa che non accadde, e la sua salute cominciò a sgretolarsi.

Leggi anche:

Il corpo si ribella

I suoi bicipiti si erano gonfiati fino a diventare di 62 cm, ma l’olio ha iniziato a procurargli dolore ed una costante insufficienza renale a causa delle tossine. L’inizio di una successiva depressione lo ha anche spinto a tentare il suicidio. La moglie ha quindi minacciato di lasciarlo se avesse continuato ad usare il Synthol. A quel punto il medico gli annuncia che ci sarebbe stato bisogno di amputargli entrambe le braccia in quanto i muscoli erano diventati di pietra. Fortunatamente, però, i medici sono stati in grado di rimuovere tutti i blocchi induriti di Synthol dalle sue braccia senza amputarle. “Ho deciso di non prendere più tutte queste sostanze, per le quali ho vissuto momenti difficili e sono quasi morto di fame” ha continuato Alves nell’Intervista.

Mai più sostanze

Ormai sono due anni che non si inietta più niente, ma la tentazione di utilizzare altri farmaci per migliorare il muscolo è ancora forte. “Due settimane fa ho acquistato una sostanza chiamata Estigor, un ormone per cavalli. Ho messo l’ago nel petto e risucchiato l’aria per vedere se era in vena. Non ne è venuto niente, mi sono bloccato ed ho iniziato a sudare. La mia mente ha cominciato a ricordare le cose che ho vissuto ed ho pensato che non potevo farlo, non potevo cedere alla tentazione di nuovo.” Alves racconta le sue esperienze così che altre persone non cadano nella trappola della dipendenza. Ha ancora l’ambizione di diventare un bodybuilder professionista, ma senza usare farmaci ed aggiunge: “Sarei potuto morire perché volevo muscoli più grandi: non ne vale la pena”.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Malati di palestra e di fitness e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.