Le condizioni del piccolo Alex sono stabili dopo il trapianto di staminali al Bambin Gesù

MEDICINA ONLINE Alessandro Maria Montresor Linfoistiocitosi Emofagocitica ospedale Bambin Gesù trapianto di midollo osseo donatori Natale sangue.jpgSono stabili le condizioni di Alex, il bambino di 20 mesi affetto da Linfoistiocitosi Emofagocitica sottoposto il 21 dicembre scorso ad un trapianto di cellule staminali emopoietiche all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, dove era stato trasferito un mese fa dal Great Ormond Street di Londra. Dopo aver effettuato gli esami necessari per identificare chi fosse il donatore migliore tra il padre e la madre, i medici avevano scelto il padre. E’ ora necessario sorvegliare il piccolo paziente, sperare che non insorgano complicanze e che non si manifesti il rigetto delle cellule trapiantate.

Gara di solidarietà

La vicenda del piccolo Alessandro Maria Montresor, chiamato Alex e nato a Londra da genitori italiani, aveva nei giorni scorsi dato il via ad una vera e propria gara di solidarietà: su Facebook i suoi genitori avevano infatti lanciato un appello per trovare un donatore compatibile per il trapianto e centinaia di persone si sono sottoposte a un prelievo di sangue per verificare la propria compatibilità, iscrivendosi nel registro italiano dei donatori di midollo osseo. In mancanza di un donatore compatibile, si è scelto il trapianto di midollo dal padre.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Pediatria e malattie dell'infanzia, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.