Una zanzara lo punge e lui si ammala di elefantiasi: la sua gamba ora sembra la zampa di un elefante

MEDICINA ONLINE Una zanzara gli punge la gamba e lui si ammala di una patologia che gli ha deformato l’arto RAIMUNDO ELEFANTIASI man turning into elephant.jpgViene punto da una zanzara e la sua vita cambia radicalmente. Raimundo, un uomo brasiliano, dopo la puntura è stato colpito da una terribile malattia parassitaria che ha portato la sua gamba a gonfiarsi a dismisura. La zanzara infatti gli ha causato una filariasi linfatica, una parassitosi che interessa sia l’uomo sia gli animali, causata da nematodi della famiglia delle Filariidae, detti comunemente “filarie”. La larva di filaria – introducendosi nel suo corpo – gli ha provocato un’ipertrofia dei tessuti sottocutanei alla gamba sinistra che prende il nome di “elefantiasi“.

Tale patologia, anche detta pachidermia acquisita, colpisce specialmente gli arti inferiori e gli organi genitali maschili e femminili. L’arto può essere coinvolto in toto, assumendo così una forma cilindrica, un aspetto massiccio e un enorme volume, come in questo caso, arrivando a sembrare appunto la zampa di un elefante. Gli strati elefantiasici della pelle presentano consistenza varia, ora dura, ora molle; la superficie si presenta liscia oppure scabra; presenta anche ulcerazioni dalle quali scola un liquido lattescente (linforragia).

Come riporta il Daily Mail, l’uomo non ha più potuto camminare e non ha più condotto una vita normale a causa del suo disturbo. Oggi Raimundo si sta sottoponendo a una serie di cure sperimentali nella speranza di poter migliorare la sua condizione e sembra che stia funzionando.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.