Si sveglia dopo 12 anni di coma: la madre 75enne lo ha accudito giorno e notte

MEDICINA ONLINE Wang Shubao MOTHER Wei Mingying CINA Si sveglia dopo 12 anni di coma la madre 75enne lo ha accudito giorno e notte.jpgL’amore di una madre per i propri figli non ha confini, ne è ulteriore prova questa storia che si svolge a Shouguang, in Cina, dove un uomo si è svegliato dopo 12 anni di coma e al suo capezzale ha trovato la madre 75enne che per oltre un decennio lo aveva accudito giorno e notte. La donna ha pianto di gioia nel vedere gli occhi di suo figlio aprirsi: un sogno insperato diventato realtà. L’anziana, negli anni, aveva speso tutti i suoi averi e aveva contratto un debito di circa 15 mila euro per occuparsi del figlio. Come riporta il Mail Online, l’uomo si chiama Wang Shubao ed era rimasto tetraplegico a 36 anni in seguito ad un incidente automobilistico avvenuto nel 2006. Suo padre era morto quando lui era piccolo, così gli era rimasta solo sua madre, Wei Mingying.

Non lo abbandonerò mai

Per 12 anni, la giornata di Wei è iniziata alle 5 del mattino: lavava il viso di suo figlio, gli dava da mangiare, si prendeva cura dei suoi bisogni igienici, lo massaggiava e riposizionava il corpo per prevenire le piaghe da decubito. L’occuparsi dell’unico figlio era il centro della sua vita, ma non si è mai lamentata, anche nei momenti più difficili. Racconta: “C’è stato un tempo in cui non ho mangiato per un mese intero perché eravamo così poveri. La mia bocca, la mia lingua erano completamente asciutte. Volevo solo bere acqua”. Wei ha perso 20 chili nel corso degli anni e ora ne pesa appena 30, ma è felice per aver ritrovato suo figlio. Wang non riesce ancora a parlare e a muoversi, ma può sentire e sorridere alla madre: “Sono solo felice e spero che si riprenda completamente. Non lo abbandonerò mai. Spero che un giorno possa chiamarmi di nuovo mamma”.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.