Separate con successo due gemelline siamesi con fegato in comune

MEDICINA ONLINE Bhutan, Nima e Dawa Zagmo gemelle siamesi twin Melbourne.jpgChirurghi dell’ospedale pediatrico di Melbourne hanno separato con successo oggi le gemelline siamesi del Bhutan, Nima e Dawa Zagmo, di 15 mesi, in un intervento durato quasi sei ore. Le due sorelline erano congiunte al torso e condividevano il fegato. Ha guidato l’intervento, in cui era impegnata una squadra di 18 specialisti, il capo chirurgo pediatrico Joe Crameri, L’operazione era inizialmente programmata per ottobre, ma era stata rinviata dopo che i controlli avevano indicato che le piccole necessitavano di un maggiore supporto nutritivo. Prima dell’intervento il dott. Crameri aveva spiegato che l’obiettivo era di separare il fegato, la pelle e i muscoli che le connettono, per poi ricostruire le pareti addominali. “In termini semplici, le ‘tubature’ ci sembrano favorevoli, sappiamo che le estremità degli intestini non sono collegate e riteniamo di poter precedere e di mantenere le piene funzioni per entrambe”, aveva spiegato. Dopo l’operazione, le gemelline resteranno a Melbourne per uno o due mesi per riprendersi, poiché essendo state congiunte alcune parti dei loro corpi non si sono pienamente sviluppate.

Il capo chirurgo pediatrico Joe Crameri ha detto alla radio nazionale Abc che l’operazione è stata meno lunga del previsto e che gemelline “stanno molto bene”. “Non c’era nulla dentro di loro cui non fossimo realmente preparati. Abbiamo visto due bambine che erano pronte per l’operazione, che erano capaci di affrontare molto bene la chirurgia”. “Non abbiamo avuto sorprese, sapevamo che i fegati erano congiunti e sono stati separati con successo, senza grande perdita di sangue. Vi era il timore che potessero condividere parte dell’intestino, ma questo non era il caso. Ora sono in recupero e vanno molto bene”, ha aggiunto lo specialista, che ha ringraziato la squadra chirurgica di 18 persone, aggiungendo che le gemelline “sorridono, molto felici e mostrano riconoscenza”. L’intervento era stato rinviato di circa quattro settimane per migliorare le loro condizioni nutritive e nel frattempo hanno vissuto con la madre in un asilo nido gestito dalla fondazione Children First, che ha finanziato l’intera iniziativa. Una portavoce, Elizabeth Lodge, ha riferito che durante il periodo le piccole si sono mostrate di ottimo umore, giocando e cantando con gli altri bambini. Hanno delle personalità uniche, ha detto. “Nima è la più robusta, tende a mettersi sempre di sopra, mentre Dawa è più placida. Sarà davvero interessante vedere cosa avverrà quando saranno separate. Sono delle buone amiche. Quando Nima dormiva, Dawa le metteva un braccio attorno. Poi la voleva svegliare per giocare”.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pediatria e malattie dell'infanzia, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.