Cheilite angolare (boccarola): cause, sintomi, diagnosi, cura, rimedi

MEDICINA ONLINE LINGUA BOCCA FRENULO ANATOMIA FISIOLOGIA ORAL TONGUE LABBRA LEPORINO GENGIVE DENTI MANDIBOLA MASCELLA PAPILLE GUSTATIVE GUSTO CIBO FONAZIONE GLOSSODINIA PALATO SCHISICon “cheilite angolare” (o “stomatite angolare“, spesso in gergo comune chiamata anche “boccarola“) in medicina si intende una cheilite (cioè una infiammazione delle labbra) che colpisce in particolare le “commissure labiali“, cioè i due angoli della bocca. La cheilite angolare si accompagna alla formazione di una fissurazione fastidiosa e dolente. La cheilite angolare può colpire chiunque ed a qualsiasi età, ma si manifesta principalmente nei bambini, negli anziani e nelle persone debilitate o che presentano i fattori predisponenti (in particolare basse difese immunitarie, deficit nutrizionali e candidosi orale).

Patologie associate

La cheilite angolare può essere associata ad altre condizioni e patologie, tra cui:

Zone coinvolte

Nella maggior parte dei casi, la boccarola è limitata ai margini laterali della bocca, nella zona di passaggio dalla mucosa delle labbra alla cute del viso. Generalmente non si estende ad altre zone, tuttavia in alcuni casi può “sconfinare” nelle regioni contigue, come guance e/o mento.

Cause e fattori di rischio

La cheilite angolare è un’infiammazione che può essere causata da cause infettive o non infettive. Tra le cause infettive ricordiamo:

  • herpes labiale;
  • candidosi da candida albicans;
  • infezioni da stafilococchi, streptococchi ed enterococchi;
  • papilloma virus umano;
  • herpes zoster;
  • coxsackie virus;
  • HIV (AIDS).

Tra le cause NON infettive che possono provocare – direttamente o indirettamente – una cheilite, ricordiamo:

  • carenze nutrizionali (deficit di vitamine, specie vitamine del gruppo B, e carenze di minerali, specie di zinco e ferro);
  • malnutrizione per difetto;
  • debilitazione generale dell’organismo da varie cause (ad esempio anziani allettati per lunghi periodi);
  • anoressia nervosa;
  • bulimia nervosa;
  • anemia ferro-carenziale;
  • malassorbimento;
  • qualsiasi condizione o patologia che causi una diminuzione dell’appetito ad esempio cachessia o malattie gastroenteriche);
  • celiachia (intolleranza al glutine);
  • irritazioni croniche da traumi (ad esempio mordersi le labbra o mangiarsi le unghie);
  • abuso di alcolici;
  • xerostomia (secchezza delle fauci);
  • usare tester nei negozi di cosmetici;
  • stress psico-fisico prolungato;
  • ansia;
  • tic nervosi;
  • portarsi le mani sporche in bocca;
  • uso di cosmetici (rossetti, creme idratanti…) di scarsa qualità o contaminati o contenenti sostanze irritanti;
  • esposizione prolungata al sole e a lampade;
  • allergie;
  • intolleranze alimentari;
  • reazioni allergiche a piercing;
  • ingestione di cibi molto caldi e/o molto piccanti;
  • uso di dentifricio, spazzolino o collutorio di scarsa qualità;
  • uso improprio di spazzolino;
  • esposizione agli agenti atmosferici (sole, freddo, caldo, vento, neve…);
  • bere e mangiare bevande e cibi contaminati;
  • immunodeficienza;
  • farmaci immunosoppressori;
  • chemioterapia;
  • dermatite atopica;
  • lupus eritematoso cutaneo;
  • psoriasi;
  • lichen planus;
  • invecchiamento;
  • farmaci come cortisone, antibiotici ed isotretinoina;
  • recenti interventi chirurgici al cavo orale, come la tonsillectomia;
  • malocclusione dentale;
  • mancanza di igiene orale;
  • protesi dentali incongrue o mal posizionate;
  • denti scheggiati;
  • corpi estranei in bocca;
  • scialorrea (eccessiva salivazione);
  • ustioni;
  • vasculiti;
  • diabete;
  • fumare;
  • assumere droghe;
  • tumori.

Leggi anche:

Sintomi e segni

I sintomi di una cheilite angolare dipendono molto dalla causa a monte che ha scatenato l’infiammazione, in ogni caso – come avviene per tutte le infiammazioni – i sintomi e segni principali sono:

  • dolore e bruciore ai lati della bocca;
  • arrossamento ai lati della bocca;
  • tumefazione (labbra gonfie);
  • sensazione di calore ai lati della bocca.

Tali sintomi e segni tendono ad aumentare quando si muove la bocca, ad esempio nel parlare, sorridendo o masticando. Tali sintomi, dalle commissure labiali (cioè dagli angoli della bocca), in alcuni casi si possono estendere a guance, mento, lingua, gengive e mucosa orale. Altri possibili segni e sintomi di cheilite angolare, sono:

  • secchezza;
  • screpolature;
  • fissurazioni (piccoli tagli);
  • dolore durante la masticazione;
  • prurito;
  • desquamazione;
  • gonfiore;
  • suppurazione (presenza di pus, segno di infezione o sovrainfezione da batteri piogeni);
  • bollicine sulle labbra;
  • ulcerazioni;
  • macerazione;
  • atrofia.

Nei casi più gravi, una cheilite angolare severa e non curata, può portare a complicanze anche gravi, tra cui:

  • frequenti recidive;
  • amimia del volto;
  • ragade;
  • maggior rischio di formazione di tumori orali.

Diagnosi

Per la diagnosi di cheilite angolare i fattori più importanti sono l’anamnesi (raccolta dei dati e dei sintomi del paziente) e l’esame obiettivo (visita vera e propria con raccolta dei segni). Per scoprire le cause che l’hanno determinata, si possono eseguire altri test ed esami, tra cui:

  • tampone orale per ricerca microbiologica del patogeno coinvolto;
  • patch test o altri esami allergologici;
  • emocromo completo (esame del sangue) con determinazione della concentrazione di ferro, ferritina, vitamina B12 e folati;
  • esami radiologici o ecografici (raro).

Trattamento

Non esiste un trattamento unico per tutte le cheiliti angolari: ogni infiammazione deve essere curata intervenendo sul fattore a monte che l’ha causato, ad esempio:

  • se la cheilite angolare è determinata da semplice secchezza, si usa un prodotto idratante (burrocacao o pomate) da applicare frequentemente;
  • se la chelite angolare è determinata da allergia, allora si individua il cibo o altra sostanza che determina allergia e si esclude;
  • se la cheilite angolare è determinata da irritazione, allora si individua l’agente irritante e si elimina;
  • se la cheilite angolare è determinata da traumi, allora si elimina il trauma (ad esempio si smette di mangiarsi le unghie o mordersi le labbra);
  • se la cheilite angolare è determinata da apparecchi o protesi dentali incongrue, l’intervento del dentista può risolvere il problema;
  • se la cheilite angolare è determinata da infezione, il medico prescrive farmaci diversi a seconda del patogeno responsabile, ad esempio una pomata antimicotica (utile contro i funghi) o antibiotici (se l’infezione è batterica) o antivirali (se virale);
  • se la cheilite angolare è l’effetto collaterale di un farmaco, esso si sospende (se possibile e SOLO dietro indicazione del medico) oppure si sostituisce con altro farmaco.

Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Leggi anche:

Consigli

Seguire i seguenti consigli diminuisce il rischio di recidive:

  • assumere un integratore alimentare multivitaminico con minerali;
  • evitare carenze nutrizionali seguendo una dieta ricca di frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine e sali minerali;
  • idratarsi in modo corretto;
  • bere e mangiare bevande e cibi NON contaminati;
  • curare l’anoressia nervosa;
  • curare il malassorbimento ;
  • evitare cibi con glutine se celiaci;
  • evitare di mordersi le labbra;
  • evitare di mangiarsi le unghie);
  • evitare stress psico-fisico prolungato;
  • evitare stati ansiosi;
  • non portarsi le mani sporche in bocca;
  • non uso di cosmetici (rossetti, creme idratanti…) di scarsa qualità o contaminati o contenenti sostanze irritanti;
  • non usare tester nei negozi di cosmetici;
  • evitare cibi a cui si è allergici o intolleranti;
  • evitare i piercing;
  • evitare l’ingestione di cibi molto caldi e/o molto piccanti e salati;
  • usare dentifricio, spazzolino o collutorio di alta qualità ed in modo proprio;
  • evitare l’esposizione agli agenti atmosferici (sole, freddo, caldo, vento, neve…);
  • evitare farmaci che possono irritare le labbra;
  • osservare una adeguata igiene orale;
  • curare la malocclusione dentale;
  • mancanza di igiene orale;
  • usare protesi dentali congrue e ben posizionate;
  • curare i denti scheggiati;
  • evitare corpi estranei in bocca;
  • curare la scialorrea (eccessiva salivazione);
  • curare il diabete;
  • non fumare e/o assumere droghe;
  • applicare un burrocacao idratante, specie nei mesi freddi;
  • evitare l’esposizione prolungata al sole e a lampade;
  • evitare di asciugarsi la bocca con fazzoletti o tovaglioli sporchi;
  • condividere con persone infette rossetti o cosmetici per le labbra.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Medicina degli organi di senso, otorinolaringoiatria, odontoiatria e chirurgia maxillo-facciale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.