La protesi che ha permesso ad una pianista senza un braccio di suonare ancora

Nelle foto pubblicate in questo articolo potete vedere una protesi del braccio e della mano realizzata per una pianista, Elizabeth Burton. Ha la caratteristica di avere dita larghe, oltre ad indice, medio e anulare più corti rispetto ad una mano normale. Sia la punta del pollice che quella del mignolo sono imbottite. Questo design particolare permetteva a chi lo indossava di coprire un’ottava di un pianoforte.

Elizabeth Burton, nata nel 1860, divenne un’insegnante di musica con sede a Northampton, una cittadina inglese, capoluogo della contea inglese del Northamptonshire. La sua mano e gran parte del suo avambraccio le sono state amputate a causa di una grave infezione. Si ritiene che questa protesi abbia permesso ad Elizabeth di continuare la sua carriera musicale. La particolare protesi è stata realizzata da un certo Mr Rowden di Abington St, Northampton, nel 1904.

Fonte delle foto: Science Museum Group Collection Online

Può interessarti anche:

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo
Direttore dello Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram, su YouTube, su LinkedIn, su Tumblr e su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Ortopedia, reumatologia, fisiatria e riabilitazione motoria, Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.