Bambino dichiarato cerebralmente morto sopravvive dopo che i medici gli hanno “staccato la spina”

MEDICINA ONLINE Bambino dichiarato cerebralmente morto sopravvive dopo che i medici gli hanno staccato la spina Baby boy who was declared brain dead miraculously survives after his life support was switched OFF by doctors.jpgUna storia incredibile arriva dall’Inghilterra: un bimbo dichiarato cerebralmente morto dai medici, ha continuato a vivere anche dopo che il suo supporto vitale – senza il quale in teoria non avrebbe potuto più respirare – è stato disattivato. Il bambino si chiama Kaleb Crook ed ora ha 15 mesi.

Senza alcuna speranza

Kaleb aveva 10 giorni di vita quando i medici avevano detto ai suoi genitori, Becki e Phil Crook, di dargli l’ultimo saluto prima di “staccare la spina”: il bimbo era stato infatti dichiarato cerebralmente morto, quindi senza più alcuna speranza di sopravvivere, a causa di una grave ipossia cerebrale che gli aveva danneggiato il sistema nervoso durante il parto. Ma Kaleb è sopravvissuto anche dopo che i macchinari erano stati spenti ed in teoria avrebbe dovuto morire in brevissimo tempo: ora avrà il suo primo Natale a casa con i suoi genitori e sua sorella a Ratby, una città nel Leicestershire (Inghilterra).

Il regalo più grande

Ora il bimbo continua ad aver bisogno di molte cure ed alcune sue lesioni cerebrali rimangono irreversibili, tuttavia è vivo ed ama sorridere, specialmente quando sente la voce di sua sorella maggiore. La madre di Kaleb: “Ci era stato detto che sarebbe vissuto solo per pochi minuti dopo aver staccato le macchine, quindi l’ho tenuto così stretto tra le mie braccia pensando fosse l’ultimo momento in cui abbracciavo mio figlio. Ma poi abbiamo avuto il regalo più grande che due genitori senza più alcuna speranza potessero avere”. Auguriamo buone feste a Kaleb ed alla sua famiglia!

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità di medicina, scienza e tecnologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.