Arancia, calorie, valori nutrizionali, indice glicemico e proprietà: aiuta la digestione e diminuisce il rischio di trombosi, ipertensione e diabete

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo DIGESTIONE IMMUNITARIE PROPRIETA ARANCE Dieta Chirurgia Medicina Estetica Roma Cavitazione Pressoterapia Grasso Linfodrenante Dietologo Cellulite Calorie Peso Sessuologia Pene Laser Filler Rughe Botulino 1

Insieme al mandarino ed al limone, l’arancia è sicuramente uno degli agrumi più apprezzati e graditi da grandi e piccini. Ottimo rimedio naturale contro gli stadi d’inappetenza, l’arancia è una vera e propria bomba vitaminica, utilissima non solo per il suo potere antiossidante, ma anche per stimolare l’attività cerebrale, favorire la digestione, alleviare i dolori di stomaco, depurare l’organismo ed assicurare un effetto calmante, a scapito di ansia e stress.
In cosmesi, la buccia d’arancia, tipicamente porosa e ruvida, viene considerata un pretesto ideale per paragonare la tanto odiata, quanto onnipresente, cellulite.
L’arancio, inoltre, per i suoi frutti dalla forma tondeggiante e dal colore brillante, è stato oggetto di numerose opere artistiche, mentre i fiori candidi sono cantati ed esaltati da molti poeti e scrittori.
Anche in cucina l’arancia è un agrume molto apprezzato, che ben si sposa a piatti di carne e pesce, oltre ad arricchire macedonie di frutta e a decorare aperitivi e soft drink.

Generalità e storia dell’arancia
L’arancia dolce si assicura il primato dell’agrume più consumato e diffuso al mondo: a tal proposito, sono coltivate centinaia di varietà differenti. L’Italia si classifica al 5° posto nella graduatoria dei maggiori produttori di arance (secondo le statistiche FAOSTAT, 2005), producendone oltre 2,5 milioni di tonnellate annue; il Brasile si è guadagnato il primo posto, con una produzione stimata attorno ai 18 milioni.
L’arancia dolce è originaria della Cina ma, con ogni probabilità, era già noto al tempo degli antichi romani nel primo secolo d.C.. Fu introdotta nelle Penisola Iberica solo nel 1300. Si narra che gli arabi portarono le arance in territorio siculo nel lontano IX secolo d.C. In Sicilia, l’arancia veniva chiamata melarancia, mentre in letteratura assunse l’appellativo di portogallo fino al 1800.
Ad ogni modo, i nomignoli attribuiti all’arancia sono numerosissimi: purtualli (in siciliano), portogàl (in dialetto ferrarese), partaall (in Abruzzo), naransa (in Veneto), purtiall (sul Gargano), portacallu (nel Salento) ecc.

Descrizione botanica
L’arancio (Citrus aurantium subsp. dulce) è un albero coltivato appartenente alla famiglia delle Rutacee: le foglie, carnose, allungate, lucide e verde scuro, abbelliscono i rami, impreziositi da bellissimi fiori candidi, profumati, a 5 petali. I frutti sono esperidi tondeggianti, costituiti da esocarpo (flavedo) dal colore arancio a piena maturazione, mesocarpo (albedo) bianco e spugnoso dalla nota amarognola. La parte commestibile è l’endocarpo, succulento e carnoso, suddiviso in 8-12 spicchi contenenti pochi semi.
La variante dolce si differenzia dall’arancio amaro per l’assenza di spine verdi caulinari, per il sapore dolce e per le foglie prive di picciolo alato.

Varietà di arance
Vista l’enorme domanda di mercato di arance, in Italia se ne coltivano moltissime varietà. Ad ogni modo, le arance sono generalmente suddivise in due supercategorie, le bionde e le rosse, differenziate sulla base del colore della polpa. Oltre a queste, troviamo le “arance da spremuta”, dalla buccia più sottile ma estremamente succose e dolcissime, e le “arance da tavola”, più grosse, dalla buccia carnosa, generalmente meno succose, ma altrettanto gustose e dolci.
Tra le arance “bionde” si ricorda la navelina, washington navel, ovale, ecc, mentre tra le rosse è d’obbligo menzionare la Rossa Sicilia, tra cui le varietà mora, sanguinello e tarocco: queste ultime assumono una tipica colorazione rossa nella polpa grazie alla presenza di alcune antocianine non figuranti nella varietà bionda.

Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo DIGESTIONE IMMUNITARIE PROPRIETA ARANCE Dieta Chirurgia Medicina Estetica Roma Cavitazione Pressoterapia Grasso Linfodrenante Dietologo Cellulite Calorie Peso Sessuologia Pene Laser Filler Rughe Botulino 2

Arancia: calorie e proprietà nutrizionali
Le arance non fanno ingrassare: apportano solo circa 34 Kcal per 100 grammi, pertanto sono indicate nei regimi dietetici che richiedono poche calorie, preferibilmente lontano dai pasti e lontano dalle ore serali, specie se soffrite di acidità di stomaco. Per 100 grammi di arancia (parte edibile) sono presenti 87 grammi di acqua, circa 8 grammi di carboidrati, 1,6 di fibre, 0,7 di proteine e pochissimi grassi (0,2 g).
Questi agrumi sono apprezzati per il loro contenuto in acido ascorbico, sebbene l’apporto di vitamina C stimato in kiwi, peperoni, spinaci e fragole sia di gran lunga superiore.
L’olio essenziale (o essenza di Portogallo) ricavato da foglie e buccia dell’arancio è ricchissimo in limonene, monoterpene costituente l’80% o il 90% dell’intera essenza. Nell’olio essenziale si riscontrano anche aldeidi, linalolo, geraniale, cumarine, furocumarine e nerale.
Conosciutissima è l’essenza di neroli ma, a differenza di quanto si può pensare, l’arancio dolce non ne rappresenta la matrice di partenza: l’estratto di neroli è ottenuto esclusivamente dai fiori di arancio amaro.
Tra gli altri componenti chimici si ricordano citroflavonoidi, carotenoidi, flavanoni (narirutina ed esperidina), antocianine (cianidin-3-glucoside, tipico delle arance rosse), acidi idrossicinnamici (ferulico, cumarinico, caffeico) ed oli grassi.

Indice glicemico dell’arancia: 35
L’arancia ha un indice glicemico basso (induce un rilascio di insulina basso al momento dell’assimilazione) per cui è particolarmente adatta per l’integrazione di vitamina C a chi ha problemi di diabete e deve sottostare ad un alimentazione a basso indice glicemico.
E’ il frutto maggiormente indicato per queste persone in quanto ha indice glicemico inferiore rispetto all’actinidia.

Impieghi terapeutici
In generale, l’arancia viene impiegata per le virtù antispasmodiche e stomachiche (uno stomachico è un prodotto naturale o farmaceutico in grado di stimolare la digestione) quindi favorisce l’appetito: grazie a queste qualità l’arancia trova impiego soprattutto negli stati di inappetenza. Il consumo abituale di arance favorisce la digestione grazie alle sostanze in grado di stimolare i succhi gastrici ed alleviare eventuali dolori a carico dello stomaco.
I citroflavonoidi assolvono la funzione di rafforzare i capillari: a tal proposito, l’arancia è utile in caso di fragilità capillare.

La vitamina C dell’arancia
La ricchezza in vitamina C assicura una potente attività antiscorbutica, antiradicalica, oltre a potenziare le difese immunitarie dell’organismo (un adeguato consumo di arance nei mesi invernali può essere un ottimo coadiuvante nella prevenzione degli episodi delle malattie da raffreddamento, che colpiscono tipicamente le prime vie aeree). Per potere meglio avvalersi dei benefici legati alla vitamina C sarebbe meglio non eliminare completamente la parte bianca che si trova sotto la buccia: infatti essa contiene una sostanza chiamata rutina in grado di favorire l’assimilazione della vitamina C.
L’arancia previene e può aiutarci in caso di anemia da carenza da ferro: la vitamina C in essa contenuta ha proprietà antianemiche, in quanto in grado di favorire l’assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi. Inserisci nella dieta spremute d’arancia (ed altra frutta) ricche di vitamina C: ciò stimola la produzione di collagene, favorisce il drenaggio e aiuta a combattere la cellulite, previene l’invecchiamento e fa da barriera contro la disidratazione causata dal freddo e dallo smog.

La vitamina A dell’arancia
La vitamina A invece è particolarmente utile al rafforzamento della vista, mentre un flavonoide chiamato esperdina, oltre ad avere proprietà antiallergiche ed antinfiammatorie impedisce ai vasi sanguigni di ispessirsi diminuendo così il rischio trombosi. Contengono la VITAMINA A che protegge e mantiene sana la pelle, i capelli, le mucose, rinforza il fisico contro le infezioni polmonari ed è utile nel trattamento dell’ acne, dei foruncoli, delle ulcere cutanee, è fondamentale per un regolare funzionamento della retina e della vista, inoltre è utile nella prevenzione di infezioni di varia natura.

Rafforza ossa, diminuisce il rischio di diabete ed aterosclerosi
Le arance possono favorire il rafforzamento di ossa, denti, cartilagini, tendini e legamenti, questo perchè hanno un elevato contenuto di bioflavonoidi, sostanze che, assieme alla vitamina C, ricoprono un importante ruolo nella ricostituzione del collagene del tessuto connettivo. Le arance svolgono un controllo attivo contro i radicali acidi, cioè quelle sostanze chimiche tossiche prodotte da un’errata alimentazione. Contengono fibre alimentari utili nel prevenire il diabete e l’arteriosclerosi, e che favoriscono il transito intestinale, riducendo i fenomeni putrefattivi ed il rischio di cancro al colo-retto. Nelle arance sono presenti gli antociani, dei pigmenti che danno loro il colore caratteristico e che hanno proprietà antiossidanti con tutti i benefici che ne conseguono.

Previene calcoli renali ed ipertensione arteriosa
L’acido citrico contenuto nelle arance svolge un’importante funzione nel corpo umano: infatti è in grado di abbassare l’acidità delle urine e prevenire la formazione di calcoli renali. Da segnalare infine la buona quantità di potassio presente nelle arance che aiuta a prevenire l’ipertensione arteriosa: una regolare presenza di potassio (unita ad un basso consumo di sodio), è importante per tenere sotto controllo la pressione sanguigna e per permettere il giusto funzionamento delle trasmissioni nervose, dei muscoli e della sintesi delle proteine.

Foglie e fiori
Le FOGLIE essiccate trovano impiego come blando sedativo, diuretico e stomachico. In dosi più elevate, il decotto di foglie essiccate di arancio dolce rappresenta un buon rimedio naturale per contrastare tosse (di tipo convulsivo) e spasmi.
I FIORI essiccati, invece, sono utilizzati nel trattamento dell’insonnia di lieve entità.
Recentemente sono stati condotti studi sperimentali su piccole cavie (roditori) per testare il potenziale effetto dell’arancia su uricemia (parametro che esprime la quantità di acido urico nel sangue) ed uricosuria: dopo un periodo di somministrazione pari a tre settimane, si è osservata “una riduzione dell’uricemia per uricolisi epatorenale con uricosuria senza alterazioni della diuresi”.
L’ESSENZA estratta dall’arancia viene utilizzata anche dall’industria profumiera, per la realizzazione di acque profumate, shampoo, bagnoschiuma, latti per il corpo e creme profumate. In ambito alimentare, l’essenza di arancio dolce è sfruttata per la preparazione di liquori e distillati, oltre che per realizzare marmellate e gelatine di frutta.
Le furocumarine presenti sono pigmenti fotosensibilizzanti, pertanto sono utilizzate talvolta nella formulazione di prodotti per trattare affezioni cutanee.
In cosmesi, l’estratto di arancio dolce è impiegato nella formulazione di creme anti-aging, depigmentanti e lozioni dopo sole.

Consigli per una spremuta d’arancia salutare
La spremuta d’arancia, in quanto molto ricca di vitamina C, può essere considerato un valido aiuto per mantenere il nostro organismo in salute; oltre ai suoi benefici ne possiamo apprezzare il gusto gradevole e dissetante. Tuttavia, quando si decide di fare una spremuta d’arancia, è bene non filtrare troppo il succo, in quanto la polpa presente al suo interno contiene molte sostanze importanti per la nostra salute alle quali sarebbe un peccato dover rinunciare. A causa della deteriorabilità di queste sostanze e per trarne il massimo beneficio è bene consumare la spremuta fresca appena fatta.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui miei nuovi post, metti like alla mia pagina Facebook o seguimi su Twitter, grazie!

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...