Le confessioni di un mio paziente masturbatore cronico

MEDICINA ONLINE MASTURBAZIONE CRONICA COMPULSIVA OSSESSIVA VIDEO COOLIDGE PORNO WEB INTERNET ONLINE PORNOGRAFIA PORNOGRAFICO SEX SESSO SESSUALITA DISTURBO RIPETUTO EIACULAZIONE SPERMA TESTOSTERONE CERVELLO ORMONI UOMO DONNE.jpgCome abbiamo visto in altri articoli, il vortice della masturbazione compulsiva spesso porta alla disfunzione erettile a causa dell’effetto Coolidge (clicca qui per scoprire di cosa si tratta). Entrare nel vortice della masturbazione compulsiva non è difficile come qualcuno pensa ed anzi è facile per chiunque rimanervi invischiati, come è facile entrare – e rimanere – in qualsiasi dipendenza che sia il fumo, l’alcol o la cocaina.

Ecco oggi un elenco di quali sono i pensieri di un masturbatore cronico riguardo alla propria “attività” che mi sono stati confessati da un mio paziente trentenne:

1) Che problema c’è a masturbarsi tanto? Che sarà mai! Non faccio male agli altri, non reco fastidio a nessuno quando lo faccio;

2) non faccio male a me stesso, visto che è assodato che la masturbazione non fa male alla salute, anzi fa bene;

3) masturbarsi è una cosa naturale, quindi non potrà mai farmi male: lo faccio ogni giorno da vent’anni e sto benissimo;

4) non ho tanti soldi da spendere in divertimenti: masturbarmi è un piacere che posso ottenere gratis;

5) posso fruire di una quantità di video porno illimitata: se mi “stufo” di un video, passo al successivo;

6) qualsiasi mia voglia recondita, può essere soddisfatta da video sempre più estremi e trasgressivi o addirittura illegali;

7) io non ho alcun problema: se voglio posso smettere di masturbarmi quando voglio, mica sono malato;

8) posso masturbarmi per tutto il tempo che lo desidero, quando e dove voglio;

9) quando mi masturbo, non devo sottostare a quello che la donna vuole;

10) quando mi masturbo, non vengo giudicato da nessuno;

11) non ho successo con le donne, almeno masturbandomi provo quel piacere sessuale che mi manca;

12) mi annoio, masturbandomi il tempo passa divertendomi;

13) quando mi viene voglia di masturbarmi, se non posso farlo mi prende l’ansia;

14) a lavoro mi è capitato di andare in bagno a masturbarmi;

15) subito dopo la masturbazione e l’orgasmo, mi rendo conto che forse mi sto masturbando un po’ troppo: forse è il caso di diminuire le volte;

16) a volte ho provato a non masturbarmi, ho resistito per un po’ ma alla fine l’ho fatto di nuovo;

17) preferisco masturbarmi a fare sesso con la mia ragazza;

18) dopo che mi masturbo, a volte penso che non dovrei farlo più, ma dopo un paio d’ore mi sto già masturbando di nuovo, non riesco a smettere di farlo.

Tutti questi pensieri ricorrenti e giustificatori, simili a quelli di un tossicodipendente, a volte perfino contraddittori (“smetto quando voglio” e “non riesco a smettere”), uniti alle tre componenti elencate all’inizio dell’articolo, rendono il vortice della masturbazione compulsiva con video porno online, difficile da spezzare. Il masturbatore compulsivo non si sente “malato”, perciò non interviene ed il problema peggiora. Se pensi di masturbarti in maniera compulsiva e ti riconosci nei punti sopra elencati, parlane con il tuo medico di fiducia, che saprà consigliarti una terapia adeguata.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.