Differenza tra bronchite virale e batterica

MEDICINA ONLINE MEDICO PAZIENTE CONSULTO DIAGNOSI MEDICO DI BASE FAMIGLIA ANAMNESI OPZIONI TERAPIE STUDIO OSPEDALE AMBULATORIO CONSIGLIO PARERE IDEA RICHIESTA ESAME LABORATORIO ISTOLOGICO TUMORE CANCROLa bronchite si intende è una patologia caratterizzata dall’infiammazione della mucosa che riveste i bronchi. Il suo sintomo più rilevante è la difficoltà respiratoria, che si manifesta con un respiro sibilante, tosse, fiato corto, disturbi del sonno e senso di oppressione al torace. A volte può coesistere un grado variabile di enfisema polmonare, lento processo di degenerazione del tessuto polmonare. La bronchite può essere acuta (causata da infezione batterica o, più frequentemente, virale) che nel giro di alcuni giorni guarisce, a meno che non sopravvengano complicazioni. La bronchite può essere anche cronica, ma in questo caso è determinata da un danno cronico alle vie respiratorie da fumo di sigaretta o inquinanti ambientali, può durare per anni e condurre ad un’insufficienza respiratoria. Distinguere il fatto che la bronchite acute sia di origine virale o batterica è fondamentale per impostare la diagnosi. Per cominciare è importante ricordare che nella maggior parte dei casi (il 90% delle volte) la bronchite acute è di origine virale, mentre solo il 10% dei casi ha eziologia batterica. In alcuni casi, tuttavia, su una infezione virale può anche instaurarsi una sovrainfezione batterica

Quali sono i sintomi della bronchite acuta (sia virale che batterica)?

I sintomi della bronchite acuta, sia batterica che virale, includono:

  • malessere generale;
  • respiro sibilante;
  • fiato corto;
  • febbre;
  • brividi di freddo;
  • difficoltà a respirare (dispnea);
  • tosse persistente;
  • dolore durante la deglutizione
  • produzione eccessiva di muco, con catarro bianco o giallastro, con piccole perdite di sangue;
  • dolori articolari;
  • faringite;
  • raucedine;
  • oppressione al torace;
  • debolezza;
  • disturbi del sonno.

Sintomi della bronchite acuta virale

I sintomi della forma virale sono principalmente problemi respiratori come respiro affannato, dolore al petto o alla gabbia toracica che si può estendere fino alla schiena, mal di testa, febbre bassa e una tosse persistente che, in genere, non è associata alla produzione di catarro. Molti di questi disturbi – come appena visto – sono anche sintomi della bronchite batterica, che, però, ha anche delle caratteristiche specifiche che permettono di distinguerla dalla forma virale.

Sintomi della bronchite acuta batterica

Se la bronchite acuta è causata invece da un batterio la febbre è più alta e la tosse, oltre ad essere persistente, è accompagnata dalla presenza di catarro. Quest’ultimo è scuro e denso. Questi sintomi indicano che la patologia è più grave rispetto a una bronchite virale che, spesso, può essere sconfitta con medicinali da banco e un po’ di pazienza. Solo in alcuni casi il medico potrebbe pensare di prescrivere dei farmaci antivirali. Nel caso della bronchite batterica, invece, rivolgersi al medico è fondamentale per potersi far prescrivere l’antibiotico migliore per trattare l’infezione in corso.

Leggi anche:

Diagnosi di bronchite acuta virale e batterica

La diagnosi differenziale di bronchite acuta virale e batterica, include diversi tipi di esami:

  • Esami del sangue, per la conta leucocitaria e per la ricerca di stati infettivi;
  • Esami di coltura sull’espettorato, per determinare la presenza di batteri/virus nel muco ed escludere altre infezioni;
  • Radiografia del torace (Rx Torace), per valutare la presenza di segni di infezioni più estese (polmonite);
  • TAC, nei casi in cui sia necessario individuare eventuali anomalie dei polmoni e delle vie aeree in generale;
  • Spirometria, per misurare la quantità di aria che si immette nei polmoni;
  • Test di provocazione bronchiale, per la misura dell’ossido nitrico presente nell’aria emessa (espirata) che indica il livello di infiammazione.

Trattamento della bronchite acuta: antibiotici inefficaci e controproducenti nella forma virale

Il trattamento della bronchite acuta è principalmente sintomatico. Farmaci antinfiammatori non-steroidei (FANS) possono essere utilizzati per trattare la febbre ed il mal di gola. Si tenga comunque presente che anche senza alcun trattamento, la maggior parte dei casi di bronchite acuta si risolve rapidamente. Nella maggior parte dei casi (90% circa) la bronchite acuta è causata da virus. Per questo motivo un trattamento antibiotico non può essere raccomandato, in quanto inutile ed inefficace (gli antibiotici agiscono solo contro i batteri e quindi sono utili se la bronchite è invece di origine batterica). Inoltre ricorrere ad un trattamento antibiotico nei casi di bronchite ad eziologia virale promuove lo sviluppo di resistenza batterica contro gli antibiotici, il che può paradossalmente risultare pericoloso e, potenzialmente, comportare una maggiore morbilità e mortalità. Tuttavia, anche nel caso si sospetti una bronchite virale, in alcuni casi selezionati gli antibiotici possono trovare comunque indicazione, in genere al fine di evitare l’insorgenza di infezioni batteriche secondarie. L’evidenza suggerisce che il declino della funzione polmonare osservabile nei soggetti affetti da bronchite cronica può essere rallentata con la cessazione del fumo di sigaretta.

Consigli comunque validi

Indipendentemente da se si abbia a che fare con una forma virale o con un’infezione batterica, rivolgersi al medico è particolarmente importante per chi soffre di altri disturbi che coinvolgono i polmoni, come l’asma o la broncopatia cronica ostruttiva. Il consiglio più valido in questi casi è rinunciare al fumo di sigaretta almeno per una settimana o, ancor meglio, scegliere di smettere del tutto: la prima prevenzione di qualsiasi tipo di bronchite si attua infatti non fumando. Il fumo di tabacco, sigaretta, sigari o pipa, irrita le mucose e favorisce l’instaurarsi dei processi infiammatori. Ugualmente bisognerebbe ridurre l’esposizione all’inquinamento e a sostanze tossiche, ad esempio mediante l’uso di mascherine nelle condizioni più a rischio. È necessario che gli ambienti domestici e lavorativi siano umidificati. In tutti i casi è importante osservare regole di igiene quali lavare bene e con frequenza le mani, seguire un’alimentazione equilibrata e bere a sufficienza.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Polmoni ed apparato respiratorio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.