Scompenso cardiaco (insufficienza cardiaca): cause e fattori di rischio

MEDICINA ONLINE CUORE INFARTO MIOCARDICO ACUTO SCOMPENSO FREQUENZA CARDIACA IPERTENSIONE ARTERIOSA ENZIMI CARDIACI ANGINA PECTORIS ISCHEMIA NECROSI SINDROME CORONARICA CORONARIE STENOSI VALVOLA PROLASSO SANGUELo scompenso cardiaco (o “insufficienza cardiaca“) è una condizione patologica caratterizzata dalla incapacità del cuore a pompare una quantità di sangue sufficiente a fare fronte alle richieste metaboliche dell’organismo: in conseguenza a ciò si verifica uno shock circolatorio (insufficienza circolatoria) che in questo caso viene denominato “cardiogeno”, proprio ad indicare il fatto che lo shock è dovuto a cause cardiache (ricordiamo infatti che esso può essere determinato da molte altre cause extracardiache, come nel caso dello shock settico, di quello ipovolemico o di quello anafilattico). Negli Stati Uniti più di 4 milioni di individui sono affetti da scompenso cardiaco e sue complicanze e circa 400000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno. Circa il 50% dei pazienti affetti da questa patologia muore nei 2 anni successivi alla diagnosi e questo tasso di mortalità è legato al danno multiorgano secondario allo scarso apporto ematico e alla congestione dei vari organi.
Da un punto di vista fisiopatologico il cuore scompensato è incapace di mantenere una adeguata gittata cardiaca. Secondariamente a ciò, compare ipoperfusione e congestione vascolare sistemica e/o polmonare. Le manifestazioni cliniche dipendono dalla sezione cardiaca (cuore sinistro, destro o entrambi) interessata dallo scompenso. Lo scompenso cardiaco può manifestarsi in vario grado, sia come forma acuta che cronica, in conseguenza dell’entità dell’insufficienza e della capacità di compenso.

L’espressione scompenso cardiaco congestizio (CHF) viene frequentemente utilizzata per porre diagnosi di insufficienza cardiaca a partire da una grande quantità di sintomi, derivanti a loro volta da numerose cause differenti. In generale, lo CHF determina l’accumulo di fluidi a livello polmonare (edema polmonare) e delle estremità declivi, secondariamente alla insufficienza delle sezioni cardiache sinistre.

L’espressione cor pulmonale (o “cuore polmonare”), invece, viene utilizzata per descrivere la dilatazione e l’insufficienza delle sezioni destre del cuore in conseguenza di una pneumopatia primitiva che ha determinato ipertensione polmonare.

Cause e fattori di rischio

La cardiopatia ischemica è coinvolta nell’eziopatogenesi dell’insufficienza cardiaca in almeno l’80% dei pazienti, mentre un ulteriore 13% è rappresentato da
pazienti con cardiopatia primitiva. L’ipertensione arteriosa, pur presente nel 45% di questi pazienti, può rappresentare la causa diretta dello scompenso in non più del 7% dei casi. La tabella di seguito riportata elenca i fattori eziologici dello scompenso cardiaco:

  • Patologia coronarica
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiomiopatia dilatativa primitiva o idiopatica
  • Valvulopatie: insufficienza e stenosi
  • Cardiopatie congenite
  • Pneumopatie croniche
  • Patologie farmaco-indotte: amfetamine, cocaina, eroina, associazioni antitubercolari, associazioni chemioterapiche anti-tumorali ad alte dosi
  • Infiammazioni miocardiche su base infettiva:
    • virale (influenza, parotite, rabbia)
    • batterica (streptococco, febbre reumatica)
    • micotica (istoplasmosi)
  • Altre cause
    • Ingestione cronica di alcol
    • Leucemia acuta
    • Avvelenamento da metalli (cobalto, ferro, piombo)
    • Difetti metabolici (mixedema)
    • Disordini neurologici (distrofia muscolare di Duchenne)
    • Trauma (tamponamento cardiaco)

Gli episodi acuti di insufficienza cardiaca sono causati da uno o più fattori precipitanti. Questi fattori interferiscono con uno o più meccanismi compensatori che mantengono un’adeguata funzionalità cardiovascolare. La consapevolezza dell’esistenza di questi fattori precipitanti può enormemente aumentare le capacità di riconoscimento e trattamento dell’insufficienza cardiaca. I fattori precipitanti più comunemente riscontrati sono elencati nella seguente tabella:

  • Indotti dal paziente:
    • mancata adesione alla terapia,
    • eccessivo consumo di sodio,
    • elevata ingestione di alcol,
    • inattività o iperattività fisica,
    • stress emozionale,
  • Infezioni:
    • infezione virale
    • infezione batterica
  • Aritmie:
    • contrazioni premature ventricolari (PVC),
    • blocco atrio-ventricolare,
    • bradicardia,
    • tachicardia,
  • Eccessiva somministrazione di fluidi
  • Embolia polmonare
  • Elevate richieste funzionali cardiache: febbre, anemia, gravidanza, ipermetabolismo
  • Infarto miocardico acuto o ischemia miocardica
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza respiratoria
  • Epatopatie
  • Insufficienza indotta da farmaci
  • Stress ambientali:
    • ipertermia,
    • ipotermia.

Il cor pulmonale acuto (cuore polmonare acuto) è più frequentemente associato ad una improvvisa elevazione della pressione nell’arteria polmonare che può essere legata ad un’embolia polmonare massiva, ad una severa vasocostrizione polmonare ipossiemica da ipoventilazione acuta e/o alla sindrome da distress respiratorio dell’adulto, oltre che alla ostruzione meccanica della vascolarizzazione polmonare. Il cor pulmonale cronico (cuore polmonare cronico) è responsabile del 10-30% dei ricoveri ospedalieri per “scompenso cardiaco congestizio” ed è principalmente causato dall’ipossiemia determinata da pneumopatie croniche ostruttive come la bronchite cronica, l’enfisema polmonare e la fibrosi cistica.

Fattori di rischio per l’insufficienza cardiaca

Fattori di rischio cardiovascolari diffusi che concausano o peggiorano l’insufficienza cardiaca, sono:

  • cardiopatia ischemica (infarto del miocardio);
  • fumo di sigaretta, alcol, droghe;
  • cardiomiopatia dilatativa;
  • aritmie (tachicardia ventricolare o fibrillazione atriale);
  • ipertensione arteriosa, specie se non trattata;
  • obesità, specie se di 2° o 3° grado;
  • diabete mellito;
  • vita sedentaria;
  • valvulopatia (insufficienza mitralica ed aortica);
  • familiarità.

Fattori di rischio cardiovascolari meno diffusi, includono:

  • miocardite da malattia infiammatoria o virale;
  • disordini tiroidei quali l’ipotiroidismo e l’ipertiroidismo;
  • deficit di tiamina o Beriberi;
  • anemia;
  • Morbo di Paget;
  • cardiomiopatie ereditarie (Malattia di Fabry, distrofia di Duchenne e Distrofia miotonica);
  • agenti cardiotossici (Chemioterapici come le Antracicline);
  • Displasia ventricolare destra aritmogena;
  • Anomalia di Uhl (Cuore a pergamena).

Fattori di rischio per l’insufficienza cardiaca acuta

I pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico possono andare incontro a fasi di instabilizzazione della malattia in seguito a diversi fattori precipitanti, capaci di determinare anche insufficienza cardiaca acuta in individui precedentemente sani:

  • cardiopatia ischemia miocardica (infarto del miocardio);
  • edema polmonare;
  • miocardite acuta;
  • trauma diretto al miocardio;
  • valvulopatia acuta, come la rottura delle corde tendinee;
  • aritmie (tachicardia ventricolare o fibrillazione atriale);
  • embolia polmonare con tipico scompenso del ventricolo sinistro;
  • tamponamento cardiaco;
  • polmoniti;
  • eccessi alimentari o assimilazione di dosi elevate di sodio;
  • mancato rispetto della terapia assegnata dal medico.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Cuore, sangue e circolazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.