Morte cerebrale per il bimbo di cinque mesi scosso dalla mamma a Padova

MEDICINA ONLINE NEONATO BIMBO BAMBINO PANNOLINO INFERMIERA NEWBORN SCHIACCIA CADE MORTE TRAUMA CULLANon c’è più nulla da fare per il lattante scosso dalla madre, che l’ha cullato troppo violentemente, stanca, esasperata perché il figlio non riusciva ad addormentarsi. Non presenta infatti più alcuna attività cerebrale il piccolo di cinque mesi che da sabato scorso si trova in coma, ricoverato in terapia intensiva nella Pediatria dell’ospedale di Padova, dopo essere stato scosso violentemente dalla mamma mentre veniva cullato.

Lo si apprende da fonti mediche dell’ospedale. La commissione chiamata a valutarne la morte cerebrale dovrebbe esprimersi sul caso entro qualche ora. Se stabilirà che il piccolo è clinicamente morto verranno staccate le macchine che lo stanno tenendo in vita.

La mamma,  29 anni, era indagata per lesioni gravissime aggravate. Era stata lei stessa a confessare ai carabinieri e al magistrato Roberto Piccione, di aver “cullato troppo forte” il piccolo, che non ne voleva saperne di dormire. Preoccupata il giorno della Vigilia ha chiamato lei il 118 dopo aver visto che il piccolo non respirava più. Se i fatti venissero confermati dalla visita di due esperti delegati dalla Procura, che effettueranno un accertamento venerdì.

Si tratta con molta probabilità della “sindrome del bambino scosso“. Per approfondire l’argomento, leggi: Sindrome del bambino scosso: i gravissimi danni della violenza sul neonato

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina, Pediatria e malattie dell'infanzia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.