Bambina di 2 anni sbranata viva dai coccodrilli, il padre trova solo la sua testa

MEDICINA ONLINE Rom Roath Neary Bambina di 2 anni sbranata viva dai coccodrilli, il padre trova solo la sua testa.jpgUna bambina di due anni è stata sbranata viva da coccodrilli presenti in un allevamento di proprietà della sua famiglia dopo essersi allontanata da casa senza che i genitori se ne accorgessero. Il fatto tragico è accaduto oggi, domenica 30 luglio, a Siem Riep, provincia del nord ovest della Cambogia. La piccola si trovava in casa con la madre che però era intenta a badare ad un altro figlio appena nato: la bimba si sarebbe quindi allontanata. La bambina si chiamava Rom Roath Neary e presumibilmente si era allontanata da casa per giocare vicino al recinto degli animali, ma le maglie della rete erano troppo larghe ed è riuscita a entrare nell’allevamento dei coccodrilli.

Solo la testa

È stato il padre della bimba a ritrovarne i resti all’interno dell’allevamento di coccodrilli di famiglia. Il padre ha capito quello che era successo solo una volta tornato a casa, dopo aver finito di lavorare. Ha visto i resti della figlia nel recinto ed ha capito che era stata sbranata viva: ha ritrovato solo il cranio di sua figlia, come conferma il capitano Chamnan della polizia locale di Siem Reap. Un drammatico video che mostra i coccodrilli alle prese con i resti della bambina è circolato online per diverse ore.

Pratica comune

È stata avviata un’indagine sulla vicenda, gli agenti hanno invitato le famiglie della regione a tenere lontano i bambini dagli allevamenti di coccodrilli: in Cambogia è purtroppo pratica comune quella di allevare coccodrilli in zone limitrofe alla propria casa, anche perché la carne di questi animali è particolarmente apprezzata nel Paese, tuttavia spesso non vengono adottate le dovute precauzioni, visto che i coccodrilli sono animali temibili e letali.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.