Uomo anaffettivo: cosa fare e come comportarsi con lui?

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma UOMO ANAFFETTIVO COME COMPORTARSI FARE  Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Ano Pene.jpgVivete con lui da mesi o – più probabilmente – da anni. Inizialmente era tutto perfetto, poi è iniziato a sorgervi qualche dubbio, ora ne siete quasi certe: il vostro uomo è completamente anaffettivo. Non siete le sole: moltissime donne vivono una situazione simile alla vostra che sembra non portare a nulla di buono nell’immediato futuro. Cosa fare quindi? Se avete l’assoluta certezza che il vostro sia un uomo anaffettivo e che lo è da tanti anni senza accennare a cambiamenti, il mio drastico consiglio è quello di “abbandonare la nave”. Anche se ogni situazione ha soluzioni diverse, ecco alcuni consigli che valgono praticamente sempre:

  • Rendersi subito conto che si stano investendo tutte le energie in un rapporto che – molto probabilmente – non ha i requisiti per funzionare.
  • Capire che cambiare per davvero un uomo annaffettivo è quasi sempre una battaglia persa in partenza.
  • Capire che lui non vi ama perché voi non siete amabili, ma perché probabilmente lui non è capace di amare o perché semplicemente non siete la donna giusta per lui.
  • Cercare delle fonti di realizzazione personale alternative alla coppia, imparando ad investire su di sé e dare valore a ciò che si ha (amicizie, lavoro, hobby, ecc) ed a ciò che si fa.
  • Parlarne con una persona veramente fidata. Raccontagli i comportamenti del partner: dall’esterno saprà più facilmente dirvi se sono comportamenti “normali” o patologici.
  • Chiedere l’aiuto di uno psicoterapeuta o di un medico, qualora questa situazione determini un’ansia insopportabile.

Leggi anche:

Se invece avete la sensazione che ancora “non tutto è perduto”, ecco alcuni consigli per rimanere insieme al vostro uomo anaffettivo cercando di migliorare le cose:

  • Essere indipendenti: con un uomo anaffettivo la prima regola è dargli la netta impressione di vivere a prescindere da lui e di essere forti al punto da sopravvivere ad una ipotetica rottura. Non deve essere solo una “facciata”: dovete realmente lavorare su voi stesse e rendervi davvero indipendenti.
  • Aumentate la vostra autostima: iscrivetevi in palestra, fate una dieta, comprate vestiti che vi fanno sentire belle, andate a teatro, comprate libri nuovi, viaggiate… Fate quello che vi fa stare bene e che può migliorarvi, in maniera autonoma.
  • Provate a proporgli un periodo di distanza.
  • Non sentitevi obbligate ad apparire sempre come lui vi vuole piuttosto che come siete in realtà: se a lui non sta bene, fategli capire che ci sono altri uomini disposti ad apprezzarvi per le vostre reali caratteristiche e non per una maschera che dovete indossare per piacergli.
  • Non contate su di lui: fate affidamento solo sulle vostre capacità.
  • Se minaccia violenza fisica, minacciatelo a vostra volta di chiamare subito le forze dell’ordine.
  • Per nessun motivo al mondo lui può essere legittimato a calpestare la vostra dignità, se continuerà a farlo fategli capire che ciò non rimarrà senza conseguenze: voi lo lascerete per un uomo che vi rispetta.
  • Se dipendete economicamente da lui, sforzatevi di trovare un lavoro in modo di essere indipendenti.
  • Cercate di capire se la sua anaffettività è in realtà una forma di difesa legata ad una sua bassa autostima, in tal caso provate ad aiutarlo.
  • Fate autocritica in maniera oggettiva: a volte è la donna a portare l’uomo ad una certa forma di anaffettività. La maniera migliore per fare autocritica è farsi aiutare da una amica che vi conosce bene. Parlo di una VERA amica, non una di quelle false amiche che sotto sotto non vede l’ora che il vostro rapporto vada a rotoli!
  • Ingelositelo: dagli l’impressione di poterlo sostituire in qualsivoglia momento perché ci sono tanti altri uomini in fila per voi molto più affettuosi di lui.
  • Uscite con le vostre amiche con un bel vestito ed un bel trucco, senza di lui.
  • Andate insieme da un medico o uno psicoterapeuta per una terapia di coppia.
  • Cercate di parlare con lui apertamente di quello che non vi piace dei suoi comportamenti, anche a costo di farlo arrabbiare e di rompere la relazione.
  • Amàtevi. Imparate ad amare e rispettare voi stesse, prima di amare lui o chiunque altro al mondo.

Leggi anche:

Il mio consiglio, come accennato all’inizio dell’articolo, è comunque quello di lasciare questo tipo di uomo e di cercarne un altro più adatto a voi: l’uomo anaffettivo nella maggioranza dei casi non cambierà mai, anzi probabilmente peggiorerà. E non pensate che il vostro marito o compagno faccia eccezione o che voi – rispetto ad altre donne nella vostra condizione – sarete più brave e riuscirete a cambiarlo. Mi dispiace disilludervi ma questa è la realtà e prima ne prendiamo atto e meglio è. Tra le mie pazienti ce ne sono decine che si sono ritrovate a sprecare anni di vita, circondate da una assuefazione che pian piano le ha spente, anno dopo anno, nella convinzione di riuscire a cambiare il proprio uomo. Può essere apparentemente più facile lasciare le cose come stanno e molto più faticoso e difficile rivoluzionare la vostra vita – specie se avete dei figli – ma meglio cambiare al più presto piuttosto che sprecare la vostra vita in un rapporto apatico ed a senso unico, per paura di cambiare le cose. Trovate la forza nel rispetto per voi stesse e per la vostra dignità di donna e di persona. Trovate la forza nel buon esempio che volete dare ai vostri figli, specie se femmine.

Sforzatevi: la vostra vita vi ringrazierà!

Se pensi che il tuo partner sia un uomo anaffettivo ed hai bisogno di supporto, prenota la tua visita e, grazie ad una serie di colloqui riservati, riuscirai a superare questo momento difficile.
MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma PRENOTA UNA VISITA CONTATTI Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata Macchie Capillari Ano Pene

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Uomo anaffettivo: cosa fare e come comportarsi con lui?

  1. Anonimo ha detto:

    Leggendo questo articolo ho capito tanti perché del comportamento del mio quasi ex marito. Lo giustificano e mi facevo bastare il poco che mi dava, fino a quando non ho retto e chiesto qualcosa di più. La risposta è stata: sono fatto così, non intendo cambiare. Sono fatti tuoi Se a te non va bene”. Poi mi dice “non ti amo, voglio conoscere altre persone”… e ha conosciuto una donna in chat che ha pure incontrato e vuole continuare a frequentare.
    23 anni di attesa che si accorgesse di me. 23 anni di attesa che maturasse . Abbiamo 2 figli di cui uno disabile. Non si fa sentire se non quando lo decide lui….
    Devastante per tutti.
    Lui è felice. A noi il compito di ricostruire dalle ceneri…

  2. Alice ha detto:

    Scusate ma perché dipingete un uomo anaffattivo come uno psicopatico contro il quale mettere in atto una sorta di battaglia? Io vivo con una persona che potremmo decinire anaffettiva, ma il nostro rapporto funziona. Non siamo tutti uguali e non abbiamo bisogno tutti di avere accanto persone che fanno le stesse cose. Anaffettivo non vuol dire egoista e violento, anche se forse stiamo parlando di due livelli di anafettività diversi!

    • Ogni situazione è diversa dall’altra, quando si scrive un articolo di questo tipo è ovvio che si deve generalizzare. In ogni caso le posso assicurare che per un rapporto con un uomo anaffettivo che funziona, ce ne sono almeno dieci che non funzionano affatto

  3. Minervina ha detto:

    Buongiorno,
    credo di aver sposato un uomo anafettivo. stiamo insieme da 11 anni (ne ho 40) e solo dopo 4 anni siamo convolati a nozze e lui è uscito dal nido della sua famiglia a cui peraltro è molto legato. dopo un anno è nato nostro figlio e da allora il suo comportamento è cambiato: ha semptre viaggiato molto per lavoro e la qualità della vita quando era a casa con noi è diventata sempre peggio. Critiche, uscite alla sera, finché abbiamo fatto un anno di terapia che è servito un pochino. Lui molto dedito al suo lavoro, pieno di problemi, viaggia costantemente all’estero. A casa vita sessuale inesistente si estranea da tutto e rimbrotta continuamente nostro figlio di 5 anni che “non fa il bravo”. Io sono un fantasma: non mi cerca non mi ama i miei problemi sono nulla in confronto ai suoi. se non mi conformo minaccia “rappresaglie”. Soffro di crisi di ansia e mi curo per questo ma i miei occhi sono tristi e vivo lo stare a casa come un timore nell’esplosiano di qualche bomba.
    che posso fare?

    • Da qui è difficile dirle un sistema sicuro per risolvere tutto, anche perché non esiste alcun sistema sicuro. Purtroppo un uomo di questo tipo difficilmente cambia in positivo, anzi tende a peggiorare con gli anni. Da quello che mi dice le consiglierei di lasciarlo.

  4. L'uomo senza speranza ha detto:

    Ho capito da poco di essere anaffettivo.
    Grazie mille per il suo articolo, adesso sì che mi sento una meraviglia…
    secondo lei posso solo peggiorare…
    grandioso…
    Se mi dicevano che avevo un cancro in fase terminale mi sarei sentito più ottimista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...