Come riconoscere un tossicodipendente eroinomane?

MEDICINA ONLINE ALCOL ALCOOL ALCOLICI BIRRA VINO VODKA ETILICO METABOLISMO ETANOLO DROGA DIPENDENZA ALCOLISTA BERE TOSSICODIPENDENZA AIUTO ANONIMI SUPERALCOLICI RUM COCKTAIL CONSIGLI MARITO FEGATO CIRROSI EPATICALe persone che usano droghe nella maggioranza dei casi mentono ad amici e famigliari: gli unici con cui il tossicodipendente riesce ad essere onesto sono in genere i “compagni di tossicodipendenza“. Fino ad alcuni anni fa sarebbe forse bastato guardare le braccia di una persona, vedere se ci fossero dei segni particolari (le “piste”) per capire se la persona che avevamo davanti faceva o no uso di eroina, o vedere alcuni comportamenti “caratteristici”. Ma oggi non è più così semplice dal momento che le modalità d’assunzione delle droghe sono cambiate e in particolare l’eroina viene assunta non soltanto per via iniettiva, inoltre tanti eroinomani non rispecchiano più il vecchio stereotipo di 30 anni fa, cioè quello del “tossico da strada” che vive di espedienti, ai margini della società a fare l’elemosina o furti per racimolare i soldi necessari per acquistare una dose.

Quindi è impossibile riconoscere una persona che fa uso di eroina?

No: esistono vari indicatori che – seppur non necessariamente collegati all’uso della sostanza – possono comunque aiutarci ad intuire se una persona fa uso di eroina.

Come riconoscere un eroinomane

Sono molti gli indicatori che tradiscono l’uso di eroina. L’eroinomane infatti:

  • appare spesso “assente” nei suoi comportamenti: potrebbe essere di fronte a voi e magari parlare con voi, ma apparirà come se la sua mente fosse da tutt’altra parte che lì con voi;
  • ha spesso cambiamenti d’umore inaspettati e non coerenti con la situazione che vive in quel momento.
  • potrebbe avere scatti d’ira incomprensibili anche con amici e parenti a cui in realtà vuole bene, usando anche violenza su di loro;
  • in genere non fa molto caso alle proprie cose ed a come si veste, per cui potrebbe apparire “sciatto” e non curante degli oggetti che possiede, ad esempio potrebbe lasciare la casa sporca e in disordine o non lavare i piatti, oppure avere vestiti sgualciti e maleodoranti perché non li lava né stira;
  • ha un aspetto “disordinato”: non si cura di radersi, pettinarsi o truccarsi;
  • non si cura della propria igiene: può apparire sporco, avere un cattivo odore, avere alito cattivo ed i denti giallastri;
  • all’improvviso “scompare” assentandosi dal gruppo o sul lavoro senza alcuna giustificazione;
  • appare solitamente malnutrito per difetto e sottopeso: il dimagrimento di questi soggetti è caratteristicamente molto rapido. Spesso non ha neanche appetito e mangia molto poco;
  • non si prende cura delle persone che dipendono da lui, come ad esempio genitori anziani e figli molto piccoli, lasciati a loro stessi;
  • ha uno scarso livello di attenzione e può addormentarsi durante attività che richiedono concentrazione anche se semplici, come seguire un programma alla TV. Qualora svolga un lavoro pericoloso, tale addormentamento improvviso può rappresentare un grave problema e mettere a rischio la sua vita;
  • è sempre a corto di soldi e li chiede spesso in prestito agli amici o parenti. I pochi soldi che ha li impiega per la dose e non per i beni primari (ad esempio rimane letteralmente senza cibo in casa);
  • spinto dall’astinenza, potrebbe – quando i soldi “finiscono” – iniziare a commettere reati prima impensabili per lui, ad esempio rubare o spacciare, pur di ottenere il denaro necessario per drogarsi. L’eroina determina cambiamenti irreversibili a livello della corteccia prefrontale del cervello, quella che regola ed inibisce i comportamenti più “estremi” dell’individuo: tale danno “toglie il freno” all’inibizione verso comportamenti antisociali, come appunto il rubare.

Cambiamento rapido

Tutti i segni elencati nel paragrafo precedente sono tanto più indicativi di dipendenza da eroina (o altre droghe) quanto siano comparsi velocemente e siano in contrasto con la normale personalità dell’individuo. Ad esempio:

  • una persona da anni normopeso o sovrappeso diventa improvvisamente sottopeso;
  • una persona generalmente dolce, solare, vivace, diventa improvvisamente irosa e apatica;
  • una persona generalmente attenta al vestire e all’igiene, appare improvvisamente sciatta e maleodorante.

La droga è generalmente un “catalizzatore di cambiamenti negativi”: li fa apparire spesso in modo estremamente rapido.

Leggi anche:

Eroina e segni fisici

A livello fisico una persona che usa abitualmente eroina:

  • è molto magra;
  • ha la voce roca e cantalenante;
  • ha miosi (pupilla a spillo);
  • può avere evidenti segni di iniezioni in varie parti del corpo, specie braccia e gambe;
  • ha spesso le occhiaie;
  • ha una sorta di “acne” sul corpo, in particolare il viso;
  • si gratta spesso il corpo, in particolare il viso.

Una persona a me cara forse usa eroina: cosa faccio?

Se hai il dubbio che una persona a te cara stia usando eroina a tua insaputa la cosa migliore che puoi fare è parlarne con lui, fargli capire che non lo vuoi giudicare ma vuoi cercare di aiutarlo, ascoltare le sue motivazioni e trovare insieme una soluzione. Nel caso in cui neghi di parlarne, prova a discutere sul da farsi coi suoi amici e famigliari e se necessario – per il suo bene – con le forze dell’ordine.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Farmaci, terapie e sostanze d'abuso, Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.