L’albero d’oro: l’incredibile spettacolo del ginkgo biloba vecchio di 1400 anni

MEDICINA ONLINE L'albero d'oro ginkgo biloba di 1400 anni tempio buddista Gu Guanyn Zhongnan Xi'an TAPPETO GIALLO.jpgQuello in foto è un albero ginkgo biloba di 1400 anni. La leggenda narra che fu piantato dal grande imperatore Tai Zong della dinastia Tang, uno dei più grandi imperatori della Cina. Si trova accanto al tempio buddista Gu Guanyn, nelle montagne Zhongnan, a circa 30 km dalla città di Xi’an, la capitale della dinastia Tang.

Ogni anno, con i primi freddi, questo antico albero cambia “abito” e tinge le foglie di un bel color giallo zafferano dando avvio ad una vera e propria “pioggia d’oro” che si riversa nei prati circostanti, formando un affascinante tappeto naturale. E’ un fenomeno che si ripete ogni anno in questo periodo e che, per la sua bellezza, non smette di attrarre migliaia di turisti al giorno, che accorrono per vedere questo spettacolo della natura.

Gli estratti di ginkgo sono stati sperimentati per un grandissimo numero di patologie e per alcune di esse si sono ottenuti notevoli riscontri di efficacia terapeutica. In particolare le maggiori evidenze ci sono per il trattamento del declino cognitivo, della claudicatio intermittens, nel trattamento di alcuni disordini con origini vascolari e sindromi metaboliche.

Gli estratti di ginkgo son contenuti in molti integratori alimentari, ma devono essere usati con cautela in alcuni pazienti, ad esempio quelli che assumono anticoagulanti, acido acetilsalicilico, ticlopidina, diuretici tiazidici, pentossifillina, trombolitici, caffeina, ergotammina. Tali integratori non dovrebbero essere associati a prodotti a base di aglio o derivati dal salice per aumento dei rischi di gastrolesività.
Per approfondire, leggi: Ginkgo biloba: a cosa serve, indicazioni, dosaggio, effetti collaterali

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Noi che amiamo la natura e gli animali, Viaggi e turismo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.