Albicocca: proprietà, calorie, e controindicazioni

MEDICINA ONLINE ALBICOCCA FRUTTA NATURA CALORIE DIETA VALORI NUTRIZIONALI CONTROINDICAZIONI CARBOIDRATI DIMAGRIRE MANGIARE CIBOL’albicocca, originario dell’Asia, è il frutto più antico mai esistito. Simbolo della primavera, l’albicocca prepara il nostro corpo e la nostra pelle all’estate.  Non solo il frutto è utile all’uomo: dai noccioli di albicocca si estrae un olio molto usato a livello cosmetico sia per i capelli che per la pelle. Ha infatti un porte potere rinforzante, emolliente, idratante e antirughe; i semi di albicocca sono chiamati armelline, vengono usati in pasticceria per preparare sciroppi e liquori. Essi contengono la vitamina B17 che è in grado di inibire la crescita delle cellule tumorali, tuttavia è presente anche un alto contenuto di cianuro che ne fa limitare il consumo.

Albicocca: proprietà

L’albicocca si compone per l’85% di acqua ed ha una buona quantità di fibre alimentari. Grazie a queste componenti principali le albicocche sono essenziali per regolare l’intestino e aiutare la digestione. Inoltre, elevata è la presenza di vitamine A e C, essenziali per la crescita delle ossa e per combattere i radicali liberi che causano l’invecchiamento delle cellule del corpo. Diversi sono i minerali presenti come potassio, fosforo, sodio, calcio e ferro. Essi sono indispensabili per chi soffre di spossatezza, convalescenza e anemia; particolare la funzione del potassio, utile nell’attività fisica in generale ma soprattutto estiva. La presenza del sorbitolo ha un’ottimo potere per chi soffre di stitichezza. Mentre la presenza di Betacarotene e Licopene aiuta la rimozione del colesterolo cattivo.

VALORI NUTRIZIONALI DELL’ALBICOCCA
Calorie 48
Grassi 0,4 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
Acidi grassi monoinsaturi 0,2 g
Colesterolo 0 mg
Sodio 1 mg
Potassio 259 mg
Carboidrati 11 g
Fibra alimentare 2 g
Zucchero 9 g
Proteine 1,4 g
Vitamina A 1.926 IU Vitamina C 10 mg
Calcio 13 mg Ferro 0,4 mg
Vitamina D 0 IU Vitamina B6 0,1 mg
Vitamina B12 0 µg Magnesio 10 mg

L’insieme di tutte queste componenti fa dell’albicocca uno dei frutti più amati e salutari della stagione primaverile ed estiva: la melanina prodotta dall’elevata concentrazione di vitamina A favorisce un’abbronzatura perfetta!
Il suo gusto delicato, il basso contenuto di calorie e zuccheri fa si che questo frutto possa essere gustato da bambini, da chi vuole iniziare una dieta salutare e anche dai diabetici.

Albicocche: come utilizzarle e consumarle

Per mantenere intatte tutte le proprietà delle albicocche è necessario consumarle fresche, senza tenerle in frigo per più di due-tre giorni e mangiarle ben sode. Possiamo consumarle come spuntino, magari al mare, o nelle crostate di frutta fresca. Possono essere utilizzate anche per preparare rinfrescanti succhi o frullati. In commercio esistono anche albicocche sciroppate, candite o sotto forma di confettura. Inoltre si possono trovare anche in forma essiccata: in questo caso avranno un contenuto in potassio maggiore rispetto al frutto fresco. Questo frutto se integrato in una dieta sana, porta benessere e tanto gusto sulle nostre tavole.

Controindicazioni e potenziali effetti collaterali

Le albicocche non presentano particolari controindicazioni. Il consumo dovrebbe essere moderato da coloro che soffrono di calcoli ai reni. Attenzione ovviamente alle allergie personali. Nonostante i pochissimi effetti collaterali, è bene ricordare che, come gli studi dimostrano, sono spesso coinvolte nelle allergie crociate. Chi è intollerante al polline delle graminacee (aprile-giugno) potrebbe presentare alcuni sintomi allergici anche consumando albicocche. Per quanto riguarda invece i semi dell’albicocca, è bene considerare che essi contengono sostanze potenzialmente tossiche ad alte dosi, pertanto è opportuno ridurne il consumo e comunque mangiarli insieme al frutto.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.