Amnesia dissociativa: sistematizzata, circoscritta, selettiva e altri tipi

MEDICINA ONLINE CERVELLO TELENCEFALO MEMORIA EMOZIONI CARATTERE ORMONI EPILESSIA STRESS RABBIA PAURA FOBIA SONNAMBULO ATTACCHI PANICO ANSIA VERTIGINE LIPOTIMIA IPOCONDRIA PSICOLOGIA DEPRESSIONE TRISTE STANCHEZZA PSICOSOMACon “amnesia” si intende un disturbo della memoria a lungo termine episodica che determina incapacità di ricordare eventi della propria vita sia recenti che – nei casi più gravi – remoti, unita unita a volte anche all’incapacità di acquisire stabilmente nuovi ricordi.
Con “amnesia dissociativa” (o amnesia psicogena) si intende un tipo particolare di amnesia con perdita improvvisa di ricordi anche importanti, appartenenti alla propria storia personale. L’amnesia dissociativa, insieme al disturbo dissociativo dell’identità (DDI), alla fuga dissociativa ed al disturbo da depersonalizzazione, appartengono al gruppo dei “disturbi dissociativi“, cioè condizioni che comportano una discontinuità della normale integrazione della coscienza, identità, memoria, emozioni, percezione, comportamento e del controllo motorio del soggetto.
L’amnesia dissociativa può essere di cinque tipi:

  • amnesia generalizzata: il paziente dimentica tutto quanto riguarda la sua intera vita (ma può ad esempio ricordarsi i nome degli ultimi presidenti della Repubblica Italiana);
  • amnesia sistematizzata: il paziente dimentica tutti i ricordi legati ad uno o più persone specifiche;
  • amnesia continuativa: il paziente dimentica tutti gli eventi successivi ad uno specifico momento (ad esempio l’evento traumatico) sino al presente incluso;
  • amnesia selettiva: il paziente dimentica una serie di eventi particolari relativi ad uno specifico periodo di tempo, anche se riesce a ricordarne altri compresi nello stesso periodo;
  • amnesia circoscritta: il paziente dimentica tutti gli avvenimenti relativi ad un periodo circoscritto della propria vita, generalmente relativi alle ore successive all’evento traumatico.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.