Masturbazione compulsiva femminile e dipendenza dal porno online: come capire se ne soffri?

MEDICINA ONLINE MASTURBAZIONE COMPULSIVA DONNA FEMMINILE SESSO SESSUALITA AUTOEROTISMO PC COMPUTER LAVORO CLITORIDE VAGINA SEX TOY DIPENDENZA PORNOGRAFIA PORNO ONLINE INTERNET SITO DOPAMINA.jpgLa masturbazione compulsiva non è una condizione che interessa soltanto gli uomini, anzi, tra i nostri pazienti negli ultimi anni abbiamo notato un netto aumento di donne che riferiscono di comportamenti ossessivi compulsivi relativi alla sessualità, soprattutto all’autoerotismo, con relativi sintomi come spossatezza cronica, calo della libido, ansia e crisi di astinenza quando si è impossibilitati di ottenere piacere sessuale. A dimostrare l’aumentato interesse delle donne per la pornografia online, sono i dati relativi agli accessi ai siti specializzati, che mostrano un aumento degli accessi da parte proprio della platea femminile. Le considerazioni fatte per la masturbazione compulsiva maschile, sono praticamente le stesse anche per le donne.

Molti pazienti chiedono al nostro Staff come fare a capire se soffrono di masturbazione compulsiva. Purtroppo non c’è un sistema di diagnosi “a distanza” che valga per tutti: non c’è un “numero limite di masturbazioni giornaliere” che possa indicare con certezza se si soffre di masturbazione compulsiva ed ogni caso deve essere analizzato singolarmente e dal vivo, ascoltando la paziente. Seguendo il buon senso posso però già anticiparvi che se vi masturbate periodicamente 3 o 4 volte al giorno, la diagnosi è quasi certa, specie se avete più di 20 anni ed avete quindi da molto tempo superato la fase di “tempesta ormonale” tipica della pubertà.

Come avviene per molte patologie appartenenti al campo psichiatrico, anche per la masturbazione compulsiva femminile vale la stessa domanda: questa attività interferisce con la tua vita? Interferisce col tuo rapporto di coppia, col tuo lavoro, col tuo sport, coi tuoi hobby, con la tua… fedina penale? Se a causa della masturbazione compulsiva, e relativa dipendenza dalla pornografia online a cui è quasi sempre legata, ti ritrovi ad avere problemi nell’avere normali rapporti sessuali con il tuo partner o la tua partner, oppure la tua efficienza sportiva o sul lavoro diminuisce, rubi tempo ai tuoi hobby per masturbarti, o ti ritrovi a compiere atti illegali per masturbarti in maniera sempre più eccitante (ad esempio masturbarti in pubblico o usando materiale illegale), allora forse soffri di masturbazione compulsiva.

Leggi anche: I vantaggi del non masturbarsi: le rivelazioni di un ex masturbatore cronico

Capire se soffri di masturbazione compulsiva e dipendenza dal porno online in 10 passi

1) Riconosci che non riesci a smettere quando vuoi

Naturalmente, può essere quasi impossibile per una persona media e sana lo smettere di guardare un video pornografico nel bel mezzo di una scena bollente. Però poniamo il caso che tu ti svegli al mattino determinata a non masturbarti per tutto il giorno e poi la sera ti ritrovi ad esserti masturbata tre o quattro volte: questo fatto già da solo potrebbe indicare che hai un problema di dipendenza. Fate questo piccolo esperimento: da questo momento e per 24 ore voi non vi dovrete masturbare per nessun motivo. Se alla fine delle 24 ore vi sarete comunque masturbate perché non avete potuto farne a meno, probabilmente avete un problema di masturbazione compulsiva. Nota bene: anche il fatto di essere riuscite a resistere per 24 ore, non indica necessariamente l’assenza della patologia: spesso anche la masturbatrice compulsiva decide infatti di “resistere” senza masturbarsi per uno o due giorni per poi avere un orgasmo più intenso alla successiva masturbazione, esattamente lo stesso comportamento di una tossicodipendente.

2) Pensi quasi sempre al porno, qualsiasi cosa tu stia facendo

Se ti trovi a pensare alla pornografia ed a masturbarti ogni volta che sei a lezione, al lavoro, quando esci con gli amici ed arrivi ad organizzare i tempi a cui dedicargli durante la giornata, ciò potrebbe indicare una dipendenza. Se l’unico momento in cui non riesci a pensare a masturbarti è solo subito dopo esserti masturbata, potresti avere un problema. Se occasionalmente guardi un filmato pornografico, va bene, ma se hai la sensazione di pensare alla pornografia ogni volta che hai uno smartphone in mano, oppure ti trovi vicino a un computer, anche quello di un amico o quello pubblico di una biblioteca, forse sei dipendente.

Leggi anche: Pornografia e masturbazione compulsiva danneggiano il cervello: la Sindrome frontale

3) Hai una esagerata collezione di filmati pornografici

Se sul tuo pc, smartphone o tablet hai una collezione di filmati pornografici sterminata e non riesci a cancellarla perché ti piace averla a disposizione in qualsiasi momento, allora forse hai una dipendenza. Non sto ovviamente parlando di qualche filmato, bensì di centinaia o addirittura migliaia di filmati, magari organizzati in cartelle ben ordinate (classico di una mente ossessivo-compulsiva).

4) La prima cosa che fai appena accendi il pc

Se la prima cosa che fai appena accendi il tuo pc è guardare un filmato pornografico e masturbarti, forse sei dipendente.

5) Guardi pornografia mentre fai altri lavori al pc

Se hai appena acceso il pc e senti il bisogno di aprire una finestra per guardare un video porno, mentre nella finestra accanto stai facendo una ricerca per la scuola o stai lavorando, allora forse sei dipendente.

Leggi anche: Le confessioni di un mio paziente masturbatore cronico

6) Non riesci a smettere

Se ogni mattina ti riproponi di non masturbarti, ma alla sera ti sei masturbata lo stesso varie volte, allora forse sei dipendente.

7) Se sei annoiato pensi subito a masturbarti

Quando una persona è annoiata e non ha nulla da fare, solitamente si dedica ai suoi hobby come suonare uno strumento, correre, fare le parole crociate, dipingere, ascoltare musica… Se invece tu, appena ti annoi, pensi subito solo a masturbarti, forse hai una dipendenza. La stessa cosa vale per l’ansia: se ti senti “ansiosa” e “depressa” e la masturbazione è l’unico modo che hai per alleviare questi sintomi e dimenticarti dei tuoi problemi, potresti soffrire di masturbazione compulsiva.

Leggi anche: Dipendenza dal porno online: ecco perché è così facile cadere nel vortice della masturbazione compulsiva che porta all’impotenza. I pensieri di un mio paziente masturbatore cronico

8) Hai problemi con il tuo partner o la tua partner

La masturbazione compulsiva e la dipendenza dal porno online conducono spesso ad una vita sessuale di coppia insoddisfacente. Addirittura l’avere a disposizione illimitati video pornografici può portare ad avere un calo nella libido e difficoltà a raggiungere l’orgasmo, anche perché – mentre nei video pornografici i partner sono illimitati e spesso fisicamente attraenti e “dotati” – il partner reale magari non lo è ed in ogni caso può apparire una sorta di “minestra riscaldata”, cioè sempre lo stesso, magari da anni, e quindi meno eccitante dalla novità rappresentata da un video diverso ogni giorno. Se sei arrivata a preferire la masturbazione al sesso vero con il tuo partner o la tua partner o se sei costretta a guardare video pornografici assieme al tuo partner mentre fate sesso, altrimenti non riesci ad eccitarti, forse sei dipendente. A tale proposito leggi questo articolo: Masturbazione compulsiva e dipendenza dalla pornografia online causano impotenza anche nei giovani: colpa dell’effetto Coolidge

9) Rubi tempo al tuo lavoro, ai tuoi hobby, ai tuoi cari per masturbarti

Se la masturbazione ti ruba tempo ad altre attività importanti (e ti rende meno efficiente nello studio, nello sport e nel lavoro), forse hai una dipendenza. Molte pazienti ad esempio sentono il bisogno di masturbarsi a scuola, o all’università o quando sono al lavoro; altre pazienti passano ore ed ore al giorno a masturbarsi, raggiungendo varie volte l’orgasmo. Ciò determina spesso un calo nelle attività lavorative e sportive. In questo le donne sono “avvantaggiate” rispetto all’uomo: mentre quest’ultimo per masturbarsi ha bisogno di avere un ambiente dove non può esser visto (ad esempio un bagno), le donne possono invece continuare ad eseguire una sorta di masturbazione perfino mentre sono a lavoro sedute alla propria scrivania in pubblico senza farsi notare, semplicemente accavallando le gambe e premendole periodicamente una contro l’altra o usando un sex toy infilato in vagina.

10) Ti masturbi in modo illegale

Se masturbarti non ti eccita più “come un tempo” e sei costretta a masturbarti in modo illegale per avere una eccitazione maggiore rispetto al solito, ad esempio facendolo in posti pubblici, molestando altre persone o usando spesso materiale pornografico particolare (ad esempio video pornografici fatti con ex partner e conservati) o addirittura illegale, forse hai un problema di masturbazione compulsiva.

Un’ultima importante considerazione è relativa ad altri comportamenti che potrebbero facilitare la diagnosi. Se soffri di comportamenti ossessivi compulsivi e/o tossicodipendenze, gioco d’azzardo patologico, dipendenza da internet, dipendenza da shopping compulsivo o simili, la probabilità che tu soffra effettivamente di masturbazione compulsiva, aumenta.

Se ti ritrovi in uno di questi punti, ti consiglio di leggere questi miei articoli:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicopatologia e malattie della mente, Psicologia e pedagogia, Sessualità e storie d'amore, Tecno-patologie, social network e smartphone dipendenza e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.