Paralisi di Todd (paralisi dopo attacco epilettico) in neurologia

MEDICINA ONLINE SONNO UOMO DIVANO DORMIRE INSONNIA STANCHEZZA STRESS ASTENIA ABBIOCCO SONNELLINO PISOLINO.In neurologia e semeiotica con “paresi di Todd” o “paralisi di Todd” o “paresi/paralisi post-critica” o “paresi/paralisi dopo attacco epilettico” (in inglese “Todd’s paresis”, Todd’s paralysia” o “post-critical paresis/paralysis” o “after seizure paresis/paralysis “) si indica un segno clinico caratterizzato da una debolezza focale ad una parte del corpo che si verifica subito dopo una crisi epilettica, nella fase “post critica”. La condizione deve il suo nome al fisiologo Robert Bentley Todd che per primo la descrisse nel 1849.

Caratteristiche

La debolezza colpisce tipicamente e più frequentemente le parti distali degli arti (in particolare mani e piedi) ed è localizzata sia al lato sinistro che destro del corpo. La paresi di Todd può colpire anche la capacità di parlare, il movimento degli occhi o la vista.

Durata

La paresi ha durata variabile da alcuni minuti ad alcune ore; in genere scompare completamente entro 48 ore.

Frequenza

La paralisi di Todd si verifica in circa il 15% dei casi di crisi epilettica.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.