Tumore al polmone: quali sono i sintomi e quando andare dal medico

MEDICINA ONLINE TOSSE SECCA GRASSA PRODUTTIVA PERSISTENTE CONTINUA CRONICA DOLORE INFLUENZA FEBBRE RAFFREDDORE NASO CHIUSO PETTO RIMEDI CURE TEMPERATURA TOSSIRE FARMACI MUCOLITICO RESPIRO DISPNEAI segni e sintomi che potenzialmente indicano la presenza di un tumore al polmone sono estremamente vari e, in alcuni casi aspecifici. Inoltre questa temibile patologia, specie nelle fasi precoci, può essere del tutto asintomatica (cioè non fornisce alcun sintomo). Nonostante questa premessa, cerchiamo di elencare alcuni dei segni e sintomi più diffusi ricordandovi che ovviamente, la loro presenza, non indica necessariamente cancro polmonare.

Tosse

La secca o con catarro, talvolta striato di sangue, costituisce il più comune sintomo  associato al tumore polmonare (70%). Essa è presente anche nella maggior parte dei soggetti bronchitici cronici, dei fumatori o dei lavoratori esposti ad agenti irritanti le vie aeree. Tale sintomo tende, pertanto, a non essere associato alla comparsa di un tumore del polmone, mentre ne andrebbero rilevate le modificazioni di intensità e durata, e le caratteristiche (ad esempio tosse grassa o secca).

Emottisi

L’emottisi è la perdita di piccole perdite di sangue con i colpi di tosse, che può essere saltuaria (a volte intervallata da periodi di mesi) e, purtroppo, tende ad essere sottovalutata o attribuita ad altre patologie.

Emoftoe

L’emoftoe, cioè l’emissione di espettorato di colore rosato, schiumoso e misto a muco, può essere causato da tumore polmonare ma anche associarsi ad altre malattie non tumorali come la tubercolosi, la bronchite cronica, la stenosi della valvola mitralica del cuore, le bronchiettasie (dilatazioni anomale dei bronchioli), l’infarto polmonare.

Dolore al torace persistente

Il dolore al torace persistente può intensificarsi con gli atti respiratori e con il variare della posizione assunta dall’individuo. Può essere dovuto anche a pleurite neoplastica o infettiva, a interessamento metastatico osseo o delle radici nervose (Sindrome di Claude Bernard- Horner).

Bronchiti e polmoniti

Le infezioni respiratorie ricorrenti come bronchiti o polmoniti sono diffuse tra i pazienti con cancro al polmone. Qualsiasi episodio di polmonite recidivante oppure una sua lenta guarigione deve indurre il paziente e il medico ad ulteriori approfondimenti diagnostici di tipo specialistico.

Febbre

La febbre è quasi sempre conseguenza di una polmonite post-ostruttiva (conseguente a infiammazione o lesione che ha ostruito una via aerea): infezione batterica secondaria alla presenza del tumore, quando questo ostruisce parzialmente o completamente un bronco causando il collasso del polmone o di una sua parte (atelettasia). La febbre può accompagnarsi a tosse produttiva, perdite di sangue dalla bocca, e dolore toracico.

Dispnea e rumori respiratori

Difficoltà respiratorie (dispnea), respiro corto con strani fischi o rantoli possono indicare la presenza di tumore polmonare, ma anche di altre malattie respiratorie. Dipende dalla ridotta capacità dei polmoni a svolgere la normale attività di scambio respiratorio ed è percepita dal paziente come difficoltà del respiro, senso di oppressione, fame d’aria più o meno intensa, sensazione di soffocamento: il respiro è difficile e forzato, affannoso, accelerato o rallentato, spesso irregolare nel ritmo.

Raucedine e disfonia

La raucedine è l’alterazione della voce che diventa stridula e acuta, mentre la disfonia è l’alterazione che porta la voce ad essere voce rauca o bitonale.

Disfagia

La disfagia è la difficoltà a deglutire solidi e/o liquidi: è in genere un segno di malattia avanzata in quanto consegue alla crescita di una massa tumorale che preme sull’esofago che per un tratto è adiacente alle vie aeree principali. All’inizio si manifesta in modo intermittente, con una deglutizione dolorosa dei cibi solidi; successivamente diventa persistente e può manifestarsi anche bevendo dei liquidi. Può essere anche sintomo di patologie nervose o relative all’apparato digerente.

Altri sintomi

Altri sintomi possono essere il gonfiore del viso o del collo, il dolore e la debolezza delle spalle, braccia, mani ed infine, la perdita ingiustificata dell’appetito generalmente associata ad un calo ponderale (dimagrimento) non altrimenti spiegabile: sono segni sistemici spesso indirettamente correlati al tumore.

Sintomi da metastasi

Ai segni e sintomi appena elencati, se ne possono associare altri che possono apparire totalmente “distanti” dall’apparato respiratorio. Quando il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo tramite metastasi (per via ematica, linfatica o contiguità) i sintomi possono infatti non presentare alcun legame diretto con i polmoni. A seconda degli organi e dei tessuti dove le metastasi si sono propagate, i sintomi possono variare enormemente, ad esempio:

  • mal di testa;
  • emorragie frequenti;
  • dolore osseo associato o meno a frattura;
  • debolezza;
  • formazione di coaguli di sangue (trombi).

Le sedi privilegiate delle metastasi ad origine polmonari, sono tutti quegli organi e tessuti fortemente vascolarizzati (dal momento che una delle vie per la diffusione delle metastasi passa proprio dal circolo sanguigno) come ad esempio il fegato. Una sede frequente di metastasi a partenza dal polmone sono le ossa.

Leggi anche:

Quando andare dal medico?

Se presentate uno o più tra i segni e sintomi prima elencati (specie se sono persistenti) e possedete uno o più fattori di rischio, è necessario rivolgersi ad un medico per approfondimenti.

Tra i fattori di rischio, elenchiamo:

  • età avanzata;
  • fumo di sigaretta (il rischio aumenta in modo direttamente proporzionale al numero di sigarette fumate);
  • sesso maschile;
  • inquinamento ambientale;
  • esposizione cronica ad amianto;
  • professione che espone il soggetto ad alte fonti di inquinamento;
  • famigliari con tumore al polmone (genitori, fratelli, nonni…).

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Polmoni ed apparato respiratorio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.