Annegato nel cioccolato, risucchiato fuori da un aereo, soffocato da un seno siliconato… Le morti più incredibili della storia

MEDICINA ONLINE MORTE DEAD DEATH AERO AEROPLANE TURBINE CHOCOLATE AIR BREATH MORIRE SENO SILICONATO ANNEGATO TURBINA AEREO ATTERRAGGIO PRECIPITA GRATTACIELO GLASS WALLPAPER PIC HI RES STRAGE PHOTO SEA BEACH.jpgOggi vi elenchiamo una raccolta di episodi funesti della serie strano ma vero: episodi realmente accaduti, in alcuni casi totalmente fortuiti e non voluti, in altri casi la stupidità umana ha giocato un ruolo fondamentale

Intera squadra di calcio muore causa fulmini in campo

Il calcio è uno sport pericoloso per quanto riguarda gli infortuni, e in alcuni casi si rischia la vita sia direttamente (per attacchi di cuore e malori in campo), sia indirettamente (alcuni calciatori pagano a fine carriera le conseguenze di medicinali e doping assunti durante gli anni dell’attività agonostica). Ma quanto accaduto in Congo va ben oltre la normale prevenzione dell’atleta. Durante una partita tra il Bena Tshadi a il Basanga, nella provincia del Kasai, tutti gli 11 calciatori della squadra ospite sono rimasti vittime di fulmini per un improvviso temporale, come riportato dalla BBC. Sebbene la morte per fulmine non avvenga con probabilità così remota come si crede (è più probabile morire colpiti da un fulmine piuttosto che in un incidente aereo..), la cosa incredibile di questa notizie è che siano morti tutti i calciatori ospiti, lasciando praticamente indenni quelli della squadra locale. Una delle possibili ipotesi ritengo possa riguardare il l’attrezzatura sportiva indossata dai calciatori colpiti:tessuto particolare? parastinchi con stecche in ferro o altro materiale conduttore?

Per dimostrare la sicurezza delle finestre, uomo sfonda vetrata e vola giù da grattacielo

La surreale scena è avvenuta al Day Wilson Law firm di Toronto, in Canada. Immaginate un avvocato, sicuro di sé, che durante una visita di studenti in leggi mostra orgoglioso il suo ufficio, con grandi finestre che si affacciano sulla città. L’uomo, 38 anni, per dimostrare che i vetri fossero antisfondamento ha volutamente dato una spallata alla parete trasparente, che non si è rotta al primo tentativo. Visto ragazzi? Ma la spavalderia lo ha portato a fare un secondo tentativo: il vetro non si è rotto, ma si è letteralmente staccato verso l’esterno, facendolo volare di sotto, dal 24° piano (oltre 70 metri). Il vetro era sì antisfondamento, ma forse solo dall’esterno verso l’interno. Questo episodio, incredibile ma vero, è stato anche “premiato” dai Darwin Awards, la classifica delle morti più stupide.

Leggi anche:

Hostess risucchiata fuori dall’aereo durante il volo

Sebbene come detto sopra la morte per incidente aereo sia relativamente molto bassa (nel mondo ogni anno muoiono oltre 1 milione e 300 mila persone per incidenti di auto contro le poche migliaia in aereo), questa evenienza nel nostro immaginario è assai più sentita e spaventosa. Quanto accaduto nel 1988, durante il volo Aloha Airlines 243, rappresenta il peggio che possa immaginare per quanto riguarda la paura di volare. Il Boeing 737 subì un forte danno da decompressione, come si può vedere dalla foto, ma i piloti riuscirono comunque ad atterrare portando in salvo i passeggeri (65 feriti). L’unico decesso riguardò la hostess C.B. Lansing: durante l’esplosione da decompressione stava preparando i drinks per i passeggeri, e fu letteralmente risucchiata fuori dall’aereo.

Si uccide controllando la pistola con l’accendino

Il protagonista – in negativo – era un ragazzo di 19 anni di Dunkirk, Jay. Come riportato dall’Indianapolis Star, il giovane stava pulendo un fucile quando si accorse che non funzionava a dovere: non riuscendo a capire dove l’arma fosse ostruita ebbe l’infelice idea di guardarci dentro.. facendosi luce con l’accendino. L’arma tornò a funzionare..

L’ambulanza perde la barella con il malato

Sembra una scena di un film comico, eppure non è un evento così raro. Nel caso in questione però il paziente non è sopravvissuto. E’ accaduto nel 1991 a a Edward Juchniewicz, 76 anni, come riportato dal NYT. Il personale paramedico, mentre parlava al telefono con lo staff medico, non aveva fissato bene la barella, che si è letteralmente persa per strada. L’uomo ha riportato ferite alla testa che l’hanno fatto spirare poche ore dopo. La beffa è che non si trattava di un ricovero di emergenza: la vittima veniva trasportata da una casa di cura ad uno studio medico privato per una semplicevisita.

Morti strane: si suicida, e accidentalmente uccide passante

Non sono rari i casi di omicidio-suicidio, ma qui la dinamica è inversa: chi sceglie di suicidarsi provoca conseguenze a terzi, senza volerlo come in questo caso, dove una donna è saltata dall’ottavo piano di un palazzo vicino a Barcellona, e dopo un volo di oltre 30 metri ha colpito un ignaro passante che era a passeggio con la moglie. Il poveretto è morto dopo qualche giorno per le ferite riportate. Fonte: Memento24

Soffocato dal cioccolato

La scena ricorda il film Willy Wonka e la fabbrica del cioccolato, ma l’episodio ha avuto conseguenze fatali reali. Un operaio della Cocoa Service Inc, di Camden (Usa), stava caricando il cacao nella grande pentola per miscelarlo con gli altri ingredienti quando è scivolato dentro la cisterna ed è rimasto incastrato tra agitatori e pezzi di cioccolato.

Morire al funerale della propria moglie

Mentre assisteva alla cremazione della moglie morta poche ore prima è stato punto da uno sciame di api ed è morto. La vittima si chiamava Jaam Singh Girdhan Barela, e l’episodio è avvenuto nel villaggio di Madhya Pradesh, in India. Lo sciame di api, disturbato dal fumo della pira funeraria accesa dal marito, come vuole la tradizione locale. I partecipanti sono riusciti a scappare, ma il marito – impegnato nel rituale – non ha fatto in tempo, morendo per le numerose punture. Finché morte non li separi.. per poco.

Leggi anche:

Risucchiato nella turbina di un aereo

Il 17 dicembre del 2015, all’aeroporto internazionale Chhatrapati Shivaji, nei pressi di Mumbai in India, un uomo ha trovato la morte in un modo orribile, dopo essere stato letteralmente risucchiato dal motore di un aereo, un A-319 di Air India prossimo al decollo. Secondo quanto riportato dal Times of India il corpo dell’uomo, un ingegnere quarantenne di nome Ravi Subramanium, è morto per le gravi motilazioni riportate dopo essere stato risucchiato da una turbina.Purtroppo, tragedie di questo tipo non sono casi isolati. Proprio all’aeroporto di Mumbai, nel 1995, un uomo che stata attraversando la pista a bordo di uno scooter trovò la morte in circostanze analoghe, risucchiato dal motore di un aereo in fase di atterraggio. La stessa cosa accadde nel 2006 a El Paso, in Texas, e si è ripetuta nel 2011 in Nuova Zelanda. Secondo la Boeing, dal 1969 in avanti sono stati registrati più di trenta casi di quella che, in termini tecnici, viene chiamata “engine ingestion”.

Strani incidenti: soffocato da mega seno siliconato

Un allegro addio al celibato, in uno strip club americano, si e’ trasformato in una tragedia per il futuro sposo. Un ragazzo 32enne, che si godeva le attenzioni della procacissima stripper, ed e’ stato infatti soffocato dal suo enorme seno: una decima misura al silicone. Secondo la polizia l’uomo, che aveva la faccia completamente sotterrata nel seno della ballerina, ne e’ rimasto soffocato ed e’ morto.
“Chi avrebbe potuto capire che quando ha cominciato a fare grandi cenni con le mani chiedeva aiuto”, hanno detto gli spettatori. Quando si sono accorti che non si muoveva più era ormai troppo tardi.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità della medicina e della scienza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.