Cosa si prova prima di morire? Una ricerca americana prova a spiegarlo

MEDICINA ONLINE MORTE COSA SI PROVA A MORIRE TERMINALE DEAD DEATH CURE PALLIATIVE TERAPIA DEL DOLORE AEROPLANE TURBINE CHOCOLATE AIR BREATH ANNEGATO TURBINA AEREO PRECIPITA GRATTACIELO GLASS WALLPAPER PIC HI RES STRAGE PHOT.jpgCosa succede quando si muore?

Si dice che quando una persona passa a miglior vita nell’attimo prima di morire riveda per un istante moltissime immagini della sua vita, come una lunga pellicola cinematografica che ti passa davanti agli occhi. Ma cosa si prova realmente quando si muore? Quali sono le vere reazioni che si innescano nel nostro cervello? Alcuni ricercatori dell’American Chemical Society hanno cercato di dare una risposta a queste domande. In questa ricerca viene spiegato come reagisce l’uomo difronte alla morte.

Paura, dolore e istinto di sopravvivenza

La prima emozione che si prova è la paura: una risposta cognitiva che scatta come un allarme per far fronte ad una situazione di pericolo. Quando un individuo si spaventa la prima parte del corpo che si attiva è il talamo (un componente del sistema nervoso centrale). Una volta attivato il talamo, quest’ultimo manda segnali, sotto forrma di impulsi, alle altre zone del cervello, mentre nel resto del corpo si diffondono alcune sostanze come l’adrenalina, il glucosio e il cortisolo (un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali). Mentre il talamo avvia tutto questo processo, l’ippotalamo trasmette all’organismo degli impulsi che avviano le reazioni più classiche di fronte ad un episodio di pericolo, come la fuga o l ‘istinto difensivo. Dopo la reazione di paura l’individuo comincia ad urlare, ma al contrario di quanto si pensi, il fatto di emettere delle grida non è la conseguenza di un’azione del lobo temporale (l’area che gestisce il linguaggio), ma bensì dell’amigdala, ovvero un’area del cervello che controlla le emozioni, in particolar modo la paura.

Gli ultimi istanti

Dopo queste situazioni arriva quella più brutta: quella del dolore e della sofferenza. Quando si viene colpiti o feriti, i nocicettori (terminazioni di neuroni sensoriali) inviano degli impulsi al talamo in modo da far capire al cervello che si tratta di una situazione di dolore. In questo modo il nostro cervello cerca di reagire dando dei segnali al corpo in modo da evitare che l’esperienza di dolore si ripeta. Basti pensare a quando si tocca un oggetto rovente, nell’attimo in cui si prova il dolore la prima cosa che fa il corpo è quello di allontanare la mano dalla fonte di calore in modo da evitare di soffrire nuovamente. Tuttavia se il dolore e quindi la ferita è talmente grave da impedire al cervello di dare degli impulsi di “fuga”, si entra nello stato di morte clinica. In questa situazione il cervello resta attivo ancora per pochi secondi entrando in quella fase chiamata: “esperienza pre morte”. Dopo arriva l’ultima fase, quella della morte biologica.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità della medicina e della scienza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.