Coma da emorragia cerebrale: quanto può durare?

MEDICINA ONLINE MORTE COSA SI PROVA A MORIRE TERMINALE DEAD DEATH CURE PALLIATIVE TERAPIA DEL DOLORE AEROPLANE TURBINE CHOCOLATE AIR BREATH ANNEGATO TURBINA AEREO PRECIPITA GRATTACIELO GLe classificazioni di un coma sono numerose; una delle più pratiche che fa riferimento alla sua “profondità” è la seguente:

  • coma vigile (di primo grado);
  • coma superficiale (di secondo grado);
  • coma profondo (di terzo grado);
  • coma irreversibile (di quarto grado).

Una delle scale più utilizzate per classificare la profondità e la gravità dello stato comatoso è la cosiddetta Glascow Coma Scale (GCS); la GCS definisce vari gradi che vanno da 3 (il coma profondo) a 15 (soggetto sveglio e cosciente).

Quanto tempo può durare un coma conseguente ad emorragia cerebrale? Nessuno può conoscere né prevederlo, specie senza conoscere il paziente e la sua storia clinica. Lo stato comatoso può durare giorni, settimane, mesi o addirittura anni; il risveglio, quando si verifica, può essere comunque accompagnato da diversi problemi che rendono difficile il ritorno ad una vita normale: spesso infatti si possono avere deficit di tipo motorio, sensoriale e cognitivo non sempre reversibili. Il risveglio può avvenire da tutti gli stati tranne che dal quarto (coma irreversibile), lo stato di coma irreversibile. La diagnosi di quest’ultimo stato non viene mai fatta a cuor leggero, viste le implicazioni cliniche, ma anche etiche che essa potrebbe comportare.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.