Differenza tra sindrome locked-in e stato vegetativo

medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-sclerosi-laterale-amiotrofica-sla-morte-riabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radiofrequenza-ecogStato vegetativo

Lo stato vegetativo è una condizione di possibile evoluzione del coma caratterizzata dalla ripresa della veglia, senza contenuto di coscienza e consapevolezza di sé e dell’ambiente circostante. Lo stato vegetativo viene definito persistente (SVP) se protratto nel tempo, oppure permanente quando si presume che sia irreversibile. Esistono oggi tuttavia ancora molte controversie sia da un punto di vista medico che legale sul fatto che questa condizione sia irreversibile o meno. Il coma è generalmente provocato da ictus cerebrale su base ischemica o emorragica o traumi. Nello stato vegetativo:

  • gli occhi sono aperti, abitualmente presenta una mobilità oculare e delle palpebre, ma non segue con lo sguardo uno stimolo visivo
  • non ha alcuna coscienza di sé né dell’ambiente circostante
  • è presente il ciclo sonno-veglia
  • mostra schemi riflessi di movimento in risposta a stimoli dolorosi, non volontari
  • compie movimenti spontanei stereotipati, non finalistici
  • può presentare alcuni riflessi arcaici tra cui movimenti di masticazione, deglutizione, smorfie del viso, sbadiglio, presa della mano (grasping)
    può riacquisire il respiro autonomo e la deglutizione.

Sindrome Locked-In

La sindrome locked-in (o “sindrome del chiavistello”, “disconnessione cerebromedullospinale”, “stato de-efferentato”, “pseudocoma”, o “sindrome ventrale pontina”) è un insieme di segni e sintomi che descrivono la condizione di un individuo pienamente cosciente e sveglio, ma totalmente impossibilitato a muoversi (tetraplegia) ed a parlare a causa della completa paralisi di tutti i muscoli volontari del corpo, tranne quelli degli occhi. È il risultato di un ictus al tronco encefalico (a livello del ponte), ad esempio da trombosi, che vede danneggiata la parte ventrale del tronco encefalico, corrispondente ai fasci piramidali. A quel livello convergono sia le fibre piramidali provenienti dalla corteccia motoria e, con una proporzione 20 volte maggiore a rispetto a queste ultime, il fascio di fibre che parte da tutta la corteccia cerebrale e raggiunge l’emisfero cerebellare del lato opposto. Colpisce meno di una persona per milione. Esordisce a qualsiasi età, sono molto rari i casi pediatrici.

Differenza tra Sindrome Locked-In e stato vegetativo

Nello stato vegetativo persistente le porzioni superiori del cervello (diencefalo e telencefalo) sono danneggiate mentre le porzioni inferiori (tronco encefalico) sono conservate; nella sindrome locked-in accade invece il contrario: il danno è nel tronco encefalico e non ci sono danni al cervello superiore. Sia il soggetto affetto da locked in che quello affetto da stato vegetativo sono per lo più ad occhi aperti (mentre nel coma questi sono chiusi) e con un repertorio di risposte agli stimoli estremamente ristretto, si può affermare che i due tipi di pazienti “si rassomigliano”, tuttavia le due condizioni sono molto diverse: nello stato vegetativo il paziente non è cosciente (in base alla risonanza magnetica funzionale) e non prova dolore né sensazioni tattili (anche se ha movimenti riflessi a tali stimoli), mentre nella locked in è cosciente e riesce ad avvertire sensazioni tattili e dolorose.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neurologia, psicologia e malattie della mente e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.