Emorroidi: terapia del sanguinamento, del prolasso e del dolore

MEDICINA ONLINE FECI CACCA DEFECAZIONE STIPSI FECALOMA BAGNO COSTIPAZIONE NON RIESCO AD ANDARE DOLORE PROLASSO EMORROIDI SANGUE MELENA FECI ROSSE STIPSI POSIZIONE SGABELLO

La posizione che diminuisce il rischio di emorroidi

Con il termine “emorroidi” si identifica un gruppo di strutture vascolari appartenenti al canale anale che proteggono i muscoli dello sfintere anale durante il passaggio delle feci e giocano un ruolo molto importante nella continenza fecale; quando le emorroidi sono gonfie ed infiammate, diventano “patologiche” e causano una sindrome nota come malattia emorroidaria, spesso semplicemente chiamata “emorroidi“. Esistono diverse terapie per la malattia emorroidaria e le sue complicanze:

 

  • terapie mediche:
    • trattamento igienico-sanitario,
    • farmaci per via orale,
    • farmaci per via parenterale,
    • antiemorroidari per uso topico,
  • trattamenti ambulatoriali strumentali:
    • terapia sclerosante,
    • legatura elastica,
    • crioterapia,
    • dilatazione anale, divulsione anale e sfinterotomia,
    • evacuazione di ematoma anale,
    • escissione dei cavoccioli emorroidari ambulatoriale,
    • terapia sclerosante con coagulazione all’infrarosso,
    • diatermoterapia bipolare,
  • terapie chirurgiche.

In questo articolo ci occuperemo di elencare le diverse terapie usate in caso di sanguinamento, prolasso e dolore, cioè tre dei sintomi e segni più diffusi della patologia emorroidaria.

TERAPIA DEL SANGUINAMENTO

In caso di sanguinamento, l’approccio iniziale prevede:

  • terapia medica: diosmina-esperidina (per via orale), vitamina P, unguenti;
  • iniezioni sclerosanti: il risultato è ottimo e immediato;
  • crioterapia: risultati buoni solo se correttamente applicata;
  • coagulazione con raggi infrarossi: risultati buoni;
  • dilatazioni anali: da associare in presenza di ipertono;
  • legatura elastica: in caso di voluminose emorroidi interne. 

In caso di recidive di sanguinamento, c’è da considerare che:

  • l’effetto dei trattamenti sclerosanti ripetuti è molto meno spettacolare della prima volta. Una recidiva dopo 4-6 sedute di trattamento è da considerarsi un insuccesso;
  • nel caso di una anite rossa ribelle, o di emorroidi di primo grado con ipertono molto intenso, sono indicate delle dilatazioni o l’intervento chirurgico;
  • un prolasso localizzato può non essere evidente alla visita non sufficientemente accurata, ma poi manifestarsi con la defecazione e provocare sanguinamento; andrà ricercato e legato o escisso;
  • nel caso di emorroidi di secondo-terzo grado la terapia sclerosante dà un miglioramento solo temporaneo: si può tentare la legatura elastica o procedere all’intervento chirurgico.

TERAPIA DEL PROLASSO

In caso di prolasso, si possono usare varie tecniche:

  • terapia sclerosante: può ridurre un grado lieve di prolasso parziale provocando un’irritazione chimica nella sottomucosa;
  • legatura elastica: è un trattamento ideale purché il quadro non sia complicato da altre affezioni e il prolasso non sia troppo abbondante (secondo o terzo grado lieve e anche quarto grado, ma solo parziale) e non via sia ipertono;
  • crioterapia: risultati buoni se applicata correttamente, soprattutto in forme di prolasso parziale riducibile spontaneamente; non devono venire congelati anche i tessuti della linea pettinea;
  • coagulazione all’infrarosso: i risultati sono simili alle iniezioni sclerosanti;
  • escissione chirurgica in anestesia locale: i risultati di questa tecnica sono molto buoni in caso di prolasso parziale.

TERAPIA DEL DOLORE

Per il dolore da emorroidi patologiche, possono essere usati:

  • anestetici topici: creme da applicare sulla zona interessata a base di benzocaina, lidocaina e pramoxina;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS): assunti per via orale come l’ibuprofene (Brufen), l’acido acetilsalicilico (Aspirina) o ketoprofene (Oki);
  • farmaci steroidei: creme, unguenti e supposte a base di idrocortisone, fluocinolone o fluocortolone.

L’uso di tali farmaci può essere accompagnato dall’applicazione topica di:

  • creme, pomate o gel ad azione emolliente a base di olio di jojoba, burro di karitè ed olio di mandorle dolci;
  • creme, pomate o gel ad azione rinfrescante ad esempio la menta.

Possono anche essere associati rimedi fitoterapici a base di:

  • Rusco (Ruscus aculeatus);
  • Cipresso (Cupressus sempervirens);
  • Amamelide (Hamamelis virgiliana);
  • Iperico (Hypericum perforatum).

TERAPIA DI ALTRE MANIFESTAZIONI

In caso di:

  • anite con ipertono, sono indicati: terapia medica, dilatazioni, sfinterotomia;
  • lesioni associate (come le ragadi), sono indicati: terapia medica, terapia delle singole lesioni;
  • trombosi emorroidaria esterna o ematoma perianale, sono indicati: svuotamento del coagulo, terapia medica;
  • trombosi emorroidaria esterna edematosa, sono indicati: terapia medica, dilatazione o sfinterotomia, escissione chirurgica;
  • trombosi emorroidaria interna localizzata, sono indicati: incisione e svuotamento dei coaguli, terapia medica, dilatazioni o sfinterotomia;
  • prolasso trombizzato irriducibile (strangolamento emorroidario), sono indicati:
    • 1) intervento chirurgico di emorroidectomia: comporta le stesse sequele dell’emorroidectomia eseguita in condizioni elettive e non d’urgenza. La tecnica chirurgica è la stessa. Risolve la sintomatologia dolorosa attuale e ovviamente previene il ripetersi di tali episodi. Infatti elimina radicalmente le emorroidi. Il pericolo di flebite pelvica è inconsistente;
    • 2) sfinterotomia laterale interna in anestesia locale: elimina lo spasmo sfinteriale e consente la riduzione del prolasso; diventa però un intervento inutile se una settimana dopo si decide di procedere alla emorroidectomia;
    • 3) terapia medica conservativa con semicupi caldi e farmaci anti-infiammatori.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.