Prolasso rettale: intervento, cure, ginnastica, immagini, pomate

MEDICINA ONLINE PROLASSO RETTALECon prolasso rettale ci si riferisce ad una condizione medica in cui le pareti rettali fuoriescono dall’ano e diventano visibili all’esterno del corpo.

Leggi anche: Differenza tra prolasso rettale ed emorroidi

Diffusione

E’ diffuso soprattutto dai 60 anni in poi, specie tra le donne. Negli uomini tende a presentarsi in età più giovane rispetto alle donne, anche intorno ai 30 anni. Visto che molti dei pazienti che soffrono di prolasso rettale sono anziani che tendono a non parlare del problema, si presume che la prevalenza sia sottostimata. Può coinvolgere anche i bambini, anche se meno frequentemente.

Classificazione

Ci sono tre condizioni principali che ricadono sotto il nome di prolasso rettale:

  • prolasso rettale completo: la parete del retto in toto fuoriesce dall’orifizio anale;
  • prolasso mucoso (o “mucosale”): fuoriesce solo la mucosa rettale e non l’intera parete, ciò si verifica soprattutto nelle emorroidi non trattate e/o di vecchia data;
  • intussuscezione interna: caratterizzata da un prolasso completo o mucoso che però non fuoriesce dall’ano, in pratica il retto collassa ma non esce all’esterno.

Cause e fattori di rischio

Il prolasso rettale è causato dall’indebolimento dei legamenti e dei muscoli che sostengono il retto nella sua posizione naturale. Nella maggioranza delle persone, lo sfintere anale è debole. Il prolasso rettale può essere associato alle seguenti condizioni:

  • età avanzata;
  • stipsi prolungata;
  • diarrea;
  • sforzi prolungati durante la defecazione;
  • ricevere sesso anale;
  • elevati carichi da elminti gastrointestinali;
  • stress da gravidanza e puerperio;
  • interventi chirurgici precedenti;
  • fibrosi cistica;
  • BPCO;
  • tosse frequente;
  • paralisi sfinterica.

Condizioni e patologie predisponenti sono anche:

  • gravidanza;
  • ipertrofia prostatica benigna;
  • obesità;
  • malattie del pavimento pelvico;
  • infestazioni da parassiti come amebiasi e schistosomiasi.

Progressione

Lo stato del prolasso rettale, un tipo di ernia rettale, subisce la seguente progressione: inizia con il prolasso durante i movimenti intestinali, attraverso manovre di Valsalva (starnuti, violenti colpi di tosse, singhiozzi e così via), quindi attraverso le attività quotidiane (come camminare), e infine può diventare cronica, cessando di ritornare alla sua naturale sede.

Leggi anche:

Terapia

Il prolasso rettale parziale può essere trattato indirettamente curando la stitichezza attraverso farmaci e dieta ricca in fibre, o comunque curando/limitando qualsiasi condizione o patologia che causa direttamente o indirettamente il prolasso, ad esempio diminuendo di peso se il paziente è obeso.
Il trattamento del prolasso rettale completo, negli adulti, è invece chirurgico. Le tecniche chirurgiche sono numerose, ma possono essere essenzialmente divise in due grandi famiglie: addominale e perineale.

  • Chirurgia addominale – per pazienti giovani, ma è più pericolosa quando eseguita con tecnica aperta mentre oggi la chirurgia laparoscopica consente risultati sicuri anche in pazienti anziani:
    • Resezione anteriore;
    • Rettopessi con protesi Marlex;
    • Rettopessi con sutura;
    • Rettopessi resettiva;
  • Chirurgia perineale – spesso preferita in pazienti anziani, e meno pericolosa di quella addominale:
    • Accerchiamento anale;
    • Mucosectomia secondo Delorme;
    • Rettosigmoidectomia perineale secondo Altemeier;
    • Emorroidectomia;
  • I bambini sono trattati attraverso la cauterizzazione lineare.

La chirurgia robotica è stata introdotta come opzione di trattamento e si sta rapidamente diffondendo, anche se ancora non è diffusa in tutti gli ospedali.

Prolasso rettale: ginnastica

In alcuni casi alcuni esercizi usati per trattare l’incontinenza fecale, possono essere utili nelle fasi iniziali del prolasso rettale, per impedirne la progressione. Siediti, stai in piedi o sdraiato con le ginocchia leggermente aperte. Lentamente stringi e spingi in alto i muscoli dello sfintere anale più forte che puoi. Tieni stretto per almeno 5 secondi, poi rilassati per almeno 10 secondi. Ripeti la contrazione almeno 5 volte, se possibile anche 8 o 10. Conclusa la prima serie, fai una pausa di un paio di minuti per poi eseguire nuovamente la serie per almeno 4 o 5 volte.

Leggi anche: Come fare gli esercizi di Kegel: la ginnastica pelvica per migliorare il piacere sessuale femminile e aiutare il parto

Prolasso rettale: crema

Un ottimo sistema per contrastare il fastidio delle emorroidi, consigliata dallo Staff, è questo gel: https://amzn.to/3w8XWvD

Per approfondire:

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo
Direttore dello Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram, su YouTube, su LinkedIn e su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Prodotti per il benessere e la salute e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.