Le tue feci dicono se sei in salute: con la Scala di Bristol impara ad interpretarle

Le scorie prodotte indicano molto della salute di un organismo vivente. Le feci, ad esempio, cambiano colore, odore, struttura e consistenza in base al tipo di alimentazione ed al funzionamento corretto/scorretto del vostro intestino, quindi sarebbe buona norma, dopo l’evacuazione, controllare che le feci siano in un range di normalità.

Come sono le feci “sane”?

Le feci ideali:

  • sono di colore oro scuro/marrone chiaro/marrone scuro;
  • hanno la forma di un cilindro allungato;
  • hanno struttura omogenea o leggermente crepata;
  • hanno consistenza solida ma non eccessivamente dura;
  • galleggiano o vanno a fondo;
  • non sono “verniciate” di sangue rosso vivo;
  • non includono traccie di sangue scuro o pus;
  • hanno il caratteristico odore fecale;
  • non includono elementi non digeriti, anche se è possibile ritrovare fisiologicamente nelle feci alcuni tipi di cibo, come ad esempio il mais ed alcuni legumi: ciò non deve preoccupare.

I 5 segni da tenere in considerazione:

1) frequenza dell’evacuazione;
2) odore delle feci;
3) galleggiamento delle feci;
4) forma e consistenza delle feci;
5) colore delle feci.

1) Frequenza dell’evacuazione

La defecazione dovrebbe avvenire una volta al giorno, solitamente al mattino, dopo aver assunto il caffè caldo, fatto che può stimolare il riflesso gastro- colico  (un impulso nervoso fisiologicamente trasmesso dallo stomaco al colon quando le pareti gastriche sono distese dal cibo e che determina un aumento della motilità intestinale). La regolarità della defecazione è una condizione basilare per una buona salute: una irregolarità nell’evacuazione delle feci potrebbe essere sintomo di problemi intestinali, di patologie o anche di un particolare stress emotivo. Alcune persone riescono ad andare in bagno anche 2 o 3 volte al giorno. Esistono moltissimi fattori che possono influenzare la frequenza delle evacuazioni, tra cui:

  • metabolismo soggettivo;
  • età del soggetto;
  • stato di salute generale del soggetto;
  • ormoni (un aumento degli ormoni tiroidei può aumentare la frequenza delle evacuazioni);
  • ileo paralitico (stato di occlusione intestinale in assenza di una evidente causa di ostruzione);
  • ileo meccanico (occlusione intestinale determinata da molte cause come fecalomi, aderenze, corpi estranei, strangolamento da volvolo, ammassi di elminti, compressione da parte di masse di varia natura…);
  • quantità di batteri contenuti nell’intestino;
  • quantità e qualità del cibo ingerito;
  • assunzione di fibre;
  • stato emotivo del soggetto.

Per approfondire: Frequenza defecazione: quante volte al giorno è normale andare di corpo?

2) Odore delle feci

Un cattivo odore delle feci può essere sintomo di cattiva digestione o di una alimentazione non adeguata, ma anche di malassorbimento (vedi anche l’articolo presente al seguente link: steatorrea).

3) Galleggiamento delle feci

Delle feci particolarmente “pesanti” che affondano nell’acqua, potrebbero essere sintomo di cattiva digestione o di una alimentazione non adeguata, ma anche di una masticazione inefficace. Feci particolarmente leggere e galleggianti sull’acqua, potrebbero indicare malassorbimento dei grassi.

4) Forma delle feci

Per interpretare la corretta forma e consistenza delle feci ci viene in aiuto un pratico riferimento chiamato Bristol Stool Scale o Scala delle feci di Bristol che potete vedere nell’immagine qui sotto:

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma FECI SCALA DI BRISTOL Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Ano Pene Grasso Pancia Nei.jpg

  • Tipo 1: Grumi duri separati tra loro, come noci/nocciole (difficili da espellere); dette anche feci caprine: sono espressione di stipsi severa.
  • Tipo 2: A forma di salsiccia, ma formata da grumi uniti tra loro: indicano stipsi di minore entità rispetto al tipo precedente.
  • Tipo 3: Come un salame, ma con crepe sulla sua superficie: sono feci normali.
  • Tipo 4: Come una salsiccia o un serpente, liscia e morbida: sono feci normali.
  • Tipo 5: Pezzi separati morbidi con bordi come tagliati/spezzati; chiara (facile da evacuare): sono feci normali anche se in alcuni casi potrebbero indicare una mancanza di fibre nell’alimentazione.
  • Tipo 6: Pezzi soffici/flocculari con bordi frastagliati, feci pastose: potrebbero essere sintomo di infiammazione.
  • Tipo 7: Acquosa, nessun pezzo solido, diarrea, feci completamente liquide: indicano malassorbimento e infiammazione.

5) Colore

Il colore perfetto dovrebbe essere tra il marrone chiaro e il marrone scuro e dovrebbe essere omogeneo.

Nelle feci sane non dovrebbero essere presenti pezzi di cibo intero, anche se in alcuni casi è possibile trovare cibo non digerito o non completamente digerito anche in assenza di malattia (ad esempio il mais).

Feci del neonato

Le feci del neonato dovrebbero essere giallo-arancioni e piuttosto soffici e abbastanza maleodoranti. Per approfondire:

I migliori prodotti per la salute dell’apparato digerente

Qui di seguito trovate una lista di prodotti di varie marche per il benessere del vostro apparato digerente, in grado di combattere stipsi, fecalomi, meteorismo, gonfiore addominale, acidità di stomaco, reflusso, cattiva digestione ed alitosi. Noi NON sponsorizziamo né siamo legati ad alcuna azienda produttrice: per ogni tipologia di prodotto, il nostro Staff seleziona solo il prodotto migliore, a prescindere dalla marca. Ogni prodotto viene inoltre periodicamente aggiornato ed è caratterizzato dal miglior rapporto qualità prezzo e dalla maggior efficacia possibile, oltre ad essere stato selezionato e testato ripetutamente dal nostro Staff di esperti:

Quale contenitore sterile usare per l’esame delle feci?

In caso di un eventuale esame delle feci, per raccogliere e conservare correttamente il campione di feci da inviare in laboratorio, è necessario usare un contenitore sterile apposito, dotato di spatolina. Il prodotto di maggior qualità, che ci sentiamo di consigliare per raccogliere e conservare le feci, è il seguente: http://amzn.to/2C5kKig

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo
Direttore dello Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram, su YouTube, su LinkedIn e su Pinterest, grazie!

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e gastroenterologia, La medicina per tutti, Medicina di laboratorio, chimica, fisica, biologia, genetica e statistica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Le tue feci dicono se sei in salute: con la Scala di Bristol impara ad interpretarle

  1. Giuseppe ha detto:

    Il mio medico curante mi dice di andare da un psichiatra perché sto andando oltre per arrivare a pensare una cosa del genere mi serve aiuto si ma da un specialistica psichiatra.
    Una valutazione da parte vostra dai i miei sintomi affermati anche da lontano mi danno forza mentalmente per voi la percentuale che ho un tumore al colon quale’? E vero Senza visitarmi non una certezza però mi può aiutare mentalmente un vostro parere grazie dottore della pazienza.

    • Una percentuale teoricamente bassa, ma senza visitarla né avere altre informazioni né esami, questa diventa una affermazione che non ha senso e potenzialmente fuorviante. Si fidi dei medici che l’hanno in cura: se hanno escluso il tumore, probabilmente hanno ragione.

      • Giuseppe ha detto:

        Grazie dottore molto gentilissimo vi aggiorno per qualsiasi cosa grazie del vostro supporto si più di 10 medici più il mio curante hanno escluso un tumore. Mi dicono vuoi fare una colonscopia ma se la fai e solo per tranquillizzarti perché x noi non c’è bisogno devi solo stare tranquillo non guardare le feci e internet che ti fanno solo andare in ansia.
        Grazie ancora dottore per la vostra velocità nel rispondere con molta chiarezza vi aggiornerò in caso positivo o negativo ci auguro un buon anno e con un anno sempre migliore.

      • Giuseppe ha detto:

        Salve dottore mi e capitato una cosa dato che ieri avevo un po’ di stimolo di evacuare e non sono andato oggi ho fatto una peretta e ho notato che la prima scarica ho fatto feci un po’ sottili e lungo tipo come un serpente più o meno larghezza di un dito ed erano molle poi ho continuato con un po’ di diarrea. Sono preoccupato perché su internet dice fece a matita e non dice nulla di buono e mi ha messo in agitazione. Il colore era marrone scuro non c’erano ne muchi e ne sangue un vostro conforto c’è da preoccuparsi anche perché ho le emmarroide interne voglio un vostro consiglio sennò vado in paranoia grazie per la vostra disponibilità.

  2. Giuseppe ha detto:

    Salve a tutti sono molto ansioso e ho paura di avere un tumore al colon ho 38 anni sono stitico da sempre ho fatto ecografia addome completo tutto ok analisi del sangue tutto ok ho problemi di andare nel bagno avvolte vado stitico e avvolte più con fece morbido sono 7 o 8 mesi che ho cominciato questo in problema che uscì un po’ di sangue rosso vivo sulle feci il mio dottore disse sono emmarroide anche perché mi ha visitato un chirurgo e mi ha detto che è tutto nella norma solo emmarroide all’interno per il resto tutto normale per il colon nessuna preoccupazione perché non ho si sintomo che portano a nessun dubbio.
    Vorrei un aiuto da voi mi hanno sconsigliato una colonscopia perché dicono non e necessario ma io ho problemi di stitichezza ci vogliono giorni ad andare in bagno non nego che sono sempre stato storico ma da quel episodio mi e venuto il panico per voi esperienza potrei avere un tumore al colon vi prego aiutatemi vivo nel terrore e ho paura.

    • Ovviamente non posso dirlo con certezza, ma dalle sue parole credo si possa escludere il tumore al colon. In assenza di segni rilevati all’ecografia, di sangue occulto nelle feci e di altri sintomi e fattori di rischio (come la familiarità), sarebbe meglio evitare una colonscopia, che rimane comunque un esame invasivo, fastidioso, costoso e rischioso. Provi a bere più acqua, assumere più fibre, evitare la vita sedentaria ed eventualmente si faccia consigliare dal suo medico un integratore e/o un farmaco contro la stitichezza

      • Giuseppe ha detto:

        Il mio dottore mi ha dato onligol una bustina a sera prima di cenare. Sono ritornato all ospedale per paura ho fatto sempre poche feci molli verde scure il dottore al pronto soccorso mi ha detto il colore e normale non e nero mi hanno fatto un prelievo di sangue tutto perfetto mi hanno visitato l’addome e tutto nella norma mi hanno detto di stare tranquillo non c’è nessun sintomo o dubbio di avere un tumore mi hanno consigliato di non fare questi brutti pensieri e di Fare solo una visita gastrologico per questa stitichezza e di stare tranquillo il mio curante mi consiglia invece di spendere soldi inutili di farmi una visita psichiatrica per queste paure dottore credetemi più di 10 dottore escludono un tumore al colon e dicono che è una cosa che mi faccio io di testa e non devo pensare AA questa cosa che ha 38 anni devo vivere bene anche perché hanno detto di salute sono abbastanza bene e non vivere nelle paure perché così non si vive e hanno ragione. Il fatto che la mia testa viaggia sempre nelle brutte cose e vivo nel panico e più vado nel panico e più mi blocco di andare nel bagno per paura. Un vostro consiglio come se fossi vostro fratello dottore vi prego e vero Senza visitarmi non potete darmi una garanzia al 100 x 100 ma un vostro parere almeno di darmi forza mentalmente voi al mio posto cosa faresti perché non posso andare sempre all ospedale e mi dicono sempre la stessa cosa…. Quindi una vostra valutazione grazie della disponibilità e la gentilezza che avete avuto nella risposta.

        • Se più medici hanno verificato la situazione e non esiste alcun motivo razionale per sospettare la presenza di un tumore e nonostante ciò permane in lei la forte paura di avere la malattia, il problema potrebbe essere psicologico, quindi potrebbe essere utile consultare uno psicologo, uno psicoterapeuta o uno psichiatra. Parli di questa possibilità al suo medico curante e vediamo lui che ne pensa.

  3. interessante questo articolo,è dettagliato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.