Cosa può e non può mangiare il diabetico: cibi per controllare la glicemia

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma COSA PUO MANGIARE DIABETICO CIBI GLICEMIA Riabilitazione Nutrizionista Infrarossi Accompagno Commissioni Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Pene.jpgQuando si parla di diabete mellito, la nostra mente corre ai moltissimi “no” alimentari imposti dal medico al paziente affetto da questa malattia. No a zuccheri e dolci, no a pasta e patate, no ai legumi… Ma è davvero così rigida la dieta del paziente diabetico? Cerchiamo oggi di fare un po’ di chiarezza e di sfatare qualche luogo comune, iniziando da una piccola lezione di chimica.

Leggi anche:

Cosa sono i carboidrati?
Tutti li conoscono ma in pochi sanno cosa siano in realtà. I carboidrati, detti anche glucidi (dal greco “glucos” = dolce) sono sostanze formate da carbonio ed acqua. Hanno forma molecolare (CH2O)n e sono contenuti principalmente negli alimenti di origine vegetale. In media forniscono 4 kcal per grammo, anche se il loro valore energetico oscilla dalle 3,74 kcal del glucosio alle 4,2 Kcal dell’amido. Rappresentano la principale fonte di energia per il nostro organismo: si tratta di energia in grado di essere facilmente utilizzabile da ogni tessuto del corpo, tra cui il cervello; tanto più lo zucchero è chimicamente semplice, tanto prima può essere utilizzato per la creazione di energia.
Dal punto di vista chimico possiamo immaginare i diversi tipi di carboidrati come catene più o meno lunghe, possiamo quindi distinguere:
1) Zuccheri semplici ad assorbimento molto rapido (glucosio, fruttosio, galattosio);
2) Zuccheri semplici ad assorbimento rapido (saccarosio, lattosio, maltosio);
3) Zuccheri complessi o polisaccaridi ad assorbimento lento (amido e glicogeno).
Tutti gli zuccheri, escluse piccole quantità di fruttosio, necessitano dell’insulina per venire utilizzati, questo ne illustra l’importanza nel contesto di una dieta per il diabete.

Leggi anche:

Cos’è l’insulina e cosa influenza la velocità di aumento della glicemia?
L’insulina è un ormone dalle proprietà anaboliche, prodotto dalle cellule beta del pancreas. La sua funzione principale (ma non l’unica) è quella – una volta assunto un pasto ricco di carboidrati – di regolatore dei livelli di glucosio ematico riducendo la glicemia mediante l’attivazione di diversi processi metabolici e cellulari. L’insulina è inoltre uno degli attori principali che porta alla lipogenesi, cioè il deposito di lipidi all’interno del tessuto adiposo. La nostra salute ci chiede espressamente di evitare picchi elevati di insulina, causati da picchi glicemici. Ma come evitare il brusco aumento della glicemia? Seguite il prossimo ragionamento: una volta ingerito un alimento contenente degli zuccheri, siano essi semplici o complessi, per essere assorbiti dall’intestino devono essere demoliti fino alla struttura più semplice del glucosio; questa molecola passa come tale nel sangue, in cui è possibile misurarne la quantità attraverso il valore della glicemia. Essendo la velocità di assorbimento inversamente proporzionale alla complessità dello zucchero, è importante che il paziente con diabete escluda dalla dieta gli zuccheri semplici, per evitare bruschi aumenti di glicemia; al contrario andranno privilegiati gli alimenti contenenti carboidrati complessi.

Leggi anche: Zucchero: il killer del terzo millennio. Ecco i cibi insospettabili dove si nasconde

La dieta del diabetico
A parte l’esclusione degli zuccheri semplici, il diabetico necessita di una dieta molto simile a quella delle persone non affette da diabete, con un uguale apporto calorico; si segnala e si sottolinea che pane, pasta e patate devono essere incluse nell’alimentazione di ogni diabetico, quello che cambia rispetto ad una persona sana è la quantità consumata ed il divieto di sommare durante lo stesso pasto 2 o più fonti di carboidrati complessi. Importante seguire queste tre linee guida:
1) Assumere costantemente alimenti ricchi in fibre, come verdura, frutta ed alimenti integrali; oltre a rallentare nell’intestino la velocità di assorbimento dei carboidrati, essi limitano la quantità di grassi che passano nel sangue, risultando quindi utile anche in caso di ipercolesterolemia e nel contesto di una dieta per il colesterolo.
2) Le proteine devono costituire circa il 15-20% del fabbisogno calorico, avendo cura che una buona parte di esse sia di fonte animale per la presenza di aminoacidi essenziali (quelli cioè che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare).
3) Per quanto riguarda i grassi vanno preferiti quelli di origine vegetale (riducendo od eliminando per esempio il burro) che favoriscono una prevenzione delle malattie cardiovascolari, utile per tutta la popolazione ed a maggior ragione nel paziente diabetico.

Leggi anche: Stevia: tutta la dolcezza che vuoi a “calorie zero” e senza alterare la glicemia

Zucchero o dolcificanti per il diabetico?
Per la pianificazione della dieta in caso di diabete è come detto essenziale eliminare completamente lo zucchero da cucina (saccarosio); al suo posto è possibile utilizzare saccarina, ciclamato, aspartame o acesulfame.

Leggi anche: Quante calorie ha il pane? Bianco o integrale: per dimagrire quale scegliere?

Il diabetico può mangiare cioccolato?
E’ una domanda tipica. Il cioccolato, se di qualità, fa sicuramente bene alla salute perché – secondo molte recenti ricerche – migliora il metabolismo degli zuccheri, riduce la pressione, riduce il rischio cardiovascolare e aterosclerotico, ha un grande effetto antiossidante grazie alla presenza dei flavonoli. E’ pertanto importante scegliere cioccolato di qualità ad alto contenuto di cacao e quindi di flavonoli, per essere certi di assumere un alimento salutare e non solo grassi e calorie. Però non tutto il cioccolato è ammesso: solo quello fondente ad alte percentuale di cacao. In ogni caso, dato l’elevato apporto di grassi e di calorie, chi introduce il cioccolato nella dieta dovrà fare qualche rinuncia sottraendo una quantità di calorie pari a quelle introdotte con una barretta di cioccolato dalla dieta abituale oppure incrementare l’esercizio fisico o più verosimilmente combinare entrambe le cose.
Ricapitolando:
1) si al cioccolato, ma solo fondente al alta percentuale di cacao,
2) si a cioccolato di qualità e quindi ricco di flavonoidi,
3) no agli eccessi di cioccolato; diabetico o no io consiglio comunque al paziente di moderarne l’assunzione: uno o due dei tipici quadretti piccoli al giorno sono sufficienti per toglierci lo “sfizio” volendo bene alla nostra salute.

Leggi anche: Con la dieta mediterranea ti difendi dal diabete

Alimenti particolari
Esistono alcuni cibi in grado di determinare un effetto positivo nel controllo dei valori di glicemia: oltre ai cereali integrali, leguminose ed in generale i cibi ricchi di fibre, risultano particolarmente utili il grano integrale, le mele (per la pectina contenuta), peperoni verdi, rape, carciofi, aglio, topinambur.

Leggi anche: Zucchero o aspartame: quali sono le differenze?

Alimenti vietati

  • Vino dolce (moscato, …), vini liquorosi (vinsanto, porto, …) e liquori dolci.
  • Bevande gassate artificiali.
  • Mascarpone e Pecorino stagionato.
  • Parti grassi o semi-grasse di tutte le carni e del pollame.
  • Coppa, mortadella, pancetta di maiale, capocollo, prosciutto grasso, salami suini, salsiccia.
  • Frutta candita e/o sciroppata, mostarda di frutta, miele, marmellata, gelatina di frutta, melassa, frutta secca ed oleosa (noci, nocciole, arachidi, …), castagne, fichi, cachi, uva, banane.
  • Zucchero da cucina, caramelle, cioccolato, creme e budini, dolciumi in genere (torte, pasticcini, …), gelati.

Leggi anche: Emoglobina glicata alta, valori normali, IFCC e diabete

Alcuni alimenti ammessi, in quantità variabile

  • Acqua minerale, caffè, thè, moderate dosi di birra.
  • Succo di limone, aceto, aglio, cipolla, sedano, basilico, origano e spezie in genere.
  • Mozzarella, caciotta, ricotta di mucca, groviera e stracchino in dosi moderate.
  • Nasello, sogliola, tonno fresco, trota, pesce azzurro, moderate dosi di crostacei.
  • Insalata verde, carote e finocchi crudi, pomodori, spinaci, carciofi, piccole porzioni di patate.
  • Ciliegie, fragole, arance, mele e pere.

Leggi anche: Polifenoli, erbe medicinali e staminali: funzionano realmente contro il diabete?

Dieta e diabete: ricapitoliamo!
1) Da evitare tutti gli zuccheri semplici (dolci, bevande dolci, …).
2) Assumere fibra alimentare sotto forma di verdura, frutta ed alimenti integrali.
3) Privilegiare i grassi vegetali (olio) a quelli animali (burro, carni grasse, insaccati, formaggi stagionati, …).
4) Non dimenticare MAI una adeguata attività fisica.

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Informazioni su Dott. Emilio Alessio Loiacono

https://medicinaonline.co/about/
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, La medicina per tutti, Ormoni ed endocrinologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cosa può e non può mangiare il diabetico: cibi per controllare la glicemia

  1. Anonimo ha detto:

    mi piace

  2. Pingback: Cosa può e non può mangiare il paziente diabetico: i cibi per tenere sotto controllo la glicemia | kenzokymura

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...