Differenza tra infarto ed angina

MEDICINA ONLINE GLICEMIA INSULINA SANGUE DIFFERENZA CONCENTRAZIONE ORMONE PIASTRINE GLOBULI ROSSI BIANCHI GLUCAGONE TESTOSTERONE ESTROGENI PROGESTERONE CUOREL’infarto acuto del miocardio e l’angina pectoris sono due malattie del cuore derivanti da un’alterazione a livello delle arterie cardiache, le quali causano mancanza di ossigeno e scarso afflusso di sangue verso il cuore, producendo varie conseguenze secondo la patologia. Sebbene entrambe siano malattie coronariche e abbiano punti in comune, ci sono divergenze tra di esse.

Infarto del miocardio ed angina pectoris sono entrambe sindromi coronariche ma si distinguono per essere di diverso tipo. Per cominciare l’infarto è acuto, il che significa che avviene in un determinato tempo relativamente ristretto (anche se le cause che lo determinano possono instaurarsi gradatamente nel tempo), invece l’angina pectoris è di tipo cronico.

La causa di entrambe le sindromi coronariche è un’ostruzione delle arterie coronariche. La differenza fra una e l’altra parte dal fatto che nell’infarto l’ostruzione di queste arterie è completa portando alla morte del miocardio (muscolo del cuore) mentre, nel caso dell’angina pectoris troveremo un’ostruzione parziale che porta a un danneggiamento.
Quindi, la morte o necrosi del miocardio negli infarti è prodotta dalla perdita di ossigenazione totale del cuore. Invece nell’angina pectoris la mancanza di ossigeno è transitoria.

L’infarto acuto del miocardio e l’angina pectoris hanno in comune un sintomo: il dolore precordiale che si caratterizza per essere intenso e irradiarsi dallo sterno verso: braccia, colonna vertebrale, collo, mandibola e persino la bocca dello stomaco. Al contempo, il dolore serve per differenziare entrambe le patologie cardiache; nel caso dell’infarto il dolore appare a riposo, ha una durata di 30-45 minuti. Per contro, il dolore dell’angina pectoris compare generalmente con lo sforzo (esercizio, attività sessuale), si allevia con il riposo e non dura più di 2 o 3 minuti. E’ importante però ricordare che esistone un tipo particolare di angina, definita “instabile”, in cui il dolore può comparire anche a riposo.

L’infarto acuto del miocardio è un’emergenza medica: l’intervento tempestivo del medico salva la vita al paziente; l’angina pectoris non è una urgenza medica, tuttavia questo non significa che deve essere sottovalutata.

Leggi anche:

Lo staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cuore, sangue e circolazione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.