Donna rimane schiacciata sullo scivolo del parco acquatico da una donna obesa: rischia la vita

MEDICINA ONLINE Jemma Joslyn scars Turchia acquapark Donna rimane schiacciata sullo scivolo del parco acquatico da una donna obesa rischia la vita.jpgUna donna obesa le cade addosso sugli scivoli dell’acquapark e rischia la vita. Jemma Joslyn era in vacanza in Turchia quando ha deciso di andare in un parco acquatico insieme alla sua famiglia. Voleva passare una giornata di relax e divertimento, ma una donna obesa è scivolata cadendole addosso e causandole diverse lesioni interne. La 32enne ha riportato una lesione al fegato, diverse emorragie interne e uno schiacciamento del rene per cui è stato necessario un intervento chirurgico (in alto la foto delle cicatrici dopo l’intervento, Mirror©).

Secondo quanto riporta il Mirror, la donna è rimasta ricoverata in ospedale per 8 giorni prima di poter tornare a casa sua nell’East Sussex. La sua era la prima vacanza dopo tanto tempo e ha rischiato di finire in tragedia, tanto da spingere Jemma a citare in giudizio l’agenzia di viaggi che le ha venduto la vacanza, accusandola di non aver preso le adeguate misure di sicurezza per i suoi clienti. «Sono stata in Turchia solo per 14 ore quando abbiamo deciso di andare al parco acquatico dell’hotel. Non c’era nessuno che controllasse l’accesso agli scivoli. Mia figlia avrebbe dovuto seguirmi, ma invece una donna sovrappeso è scesa poco dopo di me», ha affermato.

Una volta in ospedale le è stato comunicato dall’agenzia che l’assicurazione non copriva le spese mediche e per potersi curare ha dovuto versare 5 mila sterline, soldi che le sono stati prestati da parenti e amici visto che lei non aveva la possibilità di poterli recuperare in breve tempo. Ora è stata avviata una battaglia legale in cui il legale della donna chiede che possa essere risarcita per il grave trauma subito.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Oltre la medicina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.