Tavola periodica degli elementi da stampare e spiegazione semplice

MEDICINA ONLINE TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI HD DA STAMPARE GRANDE LEGGIBILE SPIEGAZIONE SEMPLICE RIASSUNTO PER BAMBINI PRIMARIA SECONDARIA LICEO CLASSICO SCIENTIFICO ELEMENTI METALLI NON SALI MINERALI TEMA.jpgDimitri Mendeleev, scienziato russo, concepì il primo modello di tavola periodica nel 1869, disponendo gli allora 63 elementi noti verticalmente, per poi passare alla schematizzazione orizzontale che è quella odierna che vedete nell’immane in alto, che è ad alta risoluzione e stampabile. La tavola periodica è lo schema secondo il quale sono ordinati gli elementi i quali vengono disposti uno accanto all’atro, secondo il numero atomico (z) che indica il numero dei protoni presenti nel nucleo e conseguentemente quello degli elettroni che orbitano intorno ad esso.

Gli elementi della tavola periodica sono 118, alcuni sono solamente ipotetici, mentre altri sono stati scoperti di recente. Gli elementi sono organizzati in proporzione della legge periodica, del 1868, la quale afferma che le proprietà fisiche e chimiche degli stessi variano in funzione periodica secondo il numero atomico. La periodicità è dovuta alla struttura elettronica degli elementi, che si ripresenta periodicamente a intervalli regolari. In accordo con ciò la tavola periodica è costituita da periodi e gruppi.

Sono dette periodi le 7 righe orizzontali. Il numero di ciascun periodo indica il livello principale di energia sul quale è possibile trovare gli elettroni di valenza di tutti gli elementi del periodo.

Prendono invece il nome di gruppi le colonne verticali. I gruppi hanno una doppia numerazione: la prima in numeri arabi da 1 a 18 e la seconda in numeri arabi da I a VIII. Al numero romano corrisponde il numero degli elettroni di valenza. Gli elementi che si trovano nello stesso gruppo hanno quindi la stessa configurazione elettronica esterna.

I gruppi possiedono proprietà fisiche e chimiche simili e si dividono in due sezioni: gruppo A con elementi significativi e gruppo B con elementi di transizione.

Nel gruppo IA e IIA troviamo i metalli (eccetto l’Idrogeno), nel gruppo IIIA e VIIIA troviamo i non metalli (eccetto l’Elio). Gli elementi dell’VIII gruppo sono i gas nobili, i quali possiedono un’alta stabilità dovuta alla tendenza di non combinarsi con gli altri poiché hanno l’ottetto completo ovvero otto elettroni sull’orbitale esterno. Sono quindi poco reattivi e possono legarsi solo tra di loro.

Gli elementi del VII gruppo sono gli alogeni e tendono a legarsi con i metalli.
La tavola periodica ha una linea di “gradini” rossa che va dal Boro all’Astato e segna i metalli dai non metalli, semi-metalli, metalloidi.

Ai sette periodi sono aggiunte, nella parte inferiore, due righe ch includono gli elementi di transizione interna, dei Lantanidi e Attinidi.

I Lantanidi sono 14 elementi che vanno dal Cerio al Lutezio. Sono piuttosto reattivi ed hanno proprietà chimiche simili tra loro.
Gli Attinidi sono 14 elementi che vanno dall’Orio al Laurenzio e sono quasi tutti di origine artificiale.

Per approfondire, leggi anche:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Medicina di laboratorio, chimica, fisica e biologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.