Forte stress: quali sono i campanelli d’allarme?

MEDICINA ONLINE EMILIO ALESSIO LOIACONO MEDICO CHIRURGO DONNA TRISTE STANCA STRESS SONNO TRISTEZZA DEPRESSIONE MARE INFELICE SEROTONINA DOLORE MALE ESTATE MALINCONIALa maggior parte degli italiani soffre di disturbi dovuti allo stress, ovvero una reazione fisiologica di adattamento ai cambiamenti fisici o psichici. In tali situazioni, viene rilasciato nell’organismo il cortisolo, l’ormone dello stress, e il sistema nervoso si infiamma in modo costante. In parole povere, uno stato costante di stress può causare dei disturbi, anche seri, al benessere del proprio organismo.

Problemi gastrointestinali

Lo stress è uno dei problemi principali correlati al metabolismo. Infatti, i ritmi lavorativi frenetici, i pasti fatti in maniera frettolosa e l’alterazione del ciclo del sonno causano un’alterazione del metabolismo, in particolare all’apparato digerente. Il difetto di motilità intestinale altera i processi digestivi e causa patologie come la sindrome dell’intestino irritabile. Inoltre, la digestione lenta può causare stitichezza o, al contrario, diarrea, nonché forti dolori addominali. Se i sintomi si presentano solo saltuariamente, è possibile attenuare le problematiche prestando attenzione all’alimentazione ed evitando gli alimenti che causano bruciore, come le spezie (in particolare quelle piccanti), il caffè e gli alcolici. Tuttavia, può essere utile anche assumere dei prodotti, come Laevolac, a base di lattulosio. Si tratta di uno zucchero indigeribile di origine sintetica che aiuta il riequilibrio dell’organismo.

Pressione alta

Lo stress è correlato anche a problematiche cardiache, poiché aumenta la pressione arteriosa. Inoltre, lo stress riduce gli stimoli ormonali e le placche coronariche potrebbero rompersi più facilmente. In genere le palpitazioni non sono prolungate, e quindi non bisogna preoccuparsi; tuttavia, è necessario organizzare al meglio le giornate ed evitare lo stress. Un ulteriore consiglio è quello di mantenere il peso corporeo nella norma, praticando regolarmente attività fisica e facendo lunghe passeggiate, a piedi oppure in bicicletta. Non bisogna, però, affaticarsi troppo, perché ciò potrebbe avere un effetto contrario e sforzare troppo il cuore. In caso di sintomi prolungati, però, è preferibile rivolgersi a un medico per monitorare la situazione

Altri campanelli d’allarme dello stress

Per capire se si è stressati oppure no è fondamentale essere bravi nel cogliere alcuni campanelli di allarme, come ad esempio la difficoltà ad addormentarsi. In condizioni fisiologiche, infatti, i livelli di cortisolo diminuiscono durante la notte per permettere alle persone di addormentarsi. Se si è sotto stress però, tale processo viene alterato e l’organismo tende a rimanere vigile anche nelle ore notturne. Ancora, un altro aspetto da non sottovalutare è la formazione delle rughe sul proprio corpo, causate dalla crescita dell’ormone dello stress il quale a sua volta provoca una riduzione della produzione di collagene.

Anche l’improvviso aumento del peso è un campanello serio da non sottovalutare. Le persone stressate, infatti, tendono ad accumulare grasso nella zona addominale, nonostante la corretta alimentazione e l’attività fisica costante. Infine un campanello d’allarme molto serio è la difficoltà nel prendere le decisioni. Le persone stressate, infatti, non riescono a prendere decisioni in modo semplice, perché sono attanagliate da mille ansie e preoccupazioni eccessive. Nel caso in cui si dovesse rilevare anche solo uno di questi campanelli di allarme, potrebbe essere il caso di rallentare un po’ e di prendersi una pausa per ricaricare le pile.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram, su Tumblr e su Pinterest, grazie!

 

Informazioni su dott. Emilio Alessio Loiacono

Medico Chirurgo - Direttore dello Staff di Medicina OnLine
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Ormoni ed endocrinologia, Psichiatria e psicoterapia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.