Inibitori della pompa protonica: effetti collaterali e meccanismo d’azione

MEDICINA ONLINE FARMACO FARMACI EFFETTI COLLATERALI INDICAZIONI CONTROINDICAZIONI EFFETTO DOSE DOSAGGIO PILLOLE CREMA PASTIGLIE SUPPOSTE SIRINGA INIEZIONE EMIVITA FARMACOCINETICAGli inibitori della pompa protonica (IPP), impropriamente noti anche come Prazoli, sono un gruppo di molecole la cui azione principale è una pronunciata riduzione di lunga durata (dalle 18 alle 24 ore) dell’acidità dei succhi gastrici. Il gruppo degli IPP è il successore degli antistaminici H2 (come la ranitidina) e sono largamente più diffusi di questi ultimi per la loro maggiore efficacia.

Utilizzo

Gli IPP sono usati nel trattamento sintomatico ed eziologico di diverse sindromi, come:

  • dispepsia;
  • ulcera gastro-duodenale;
  • sindrome di Zollinger-Ellison;
  • malattia da reflusso gastroesofageo.

Gli IPP sono anche utilizzati in pazienti trattati con acido acetilsalicilico o altri FANS a lungo termine. Tali farmaci, inibendo la funzione dell’enzima ciclossigenasi 1 (COX 1), hanno come effetto collaterale una riduzione della sintesi di prostaglandine, processo che dipende dallo stesso enzima. Poiché tra le funzioni delle prostaglandine c’è la protezione della mucosa gastrica dall’acidità, si utilizzano gli IPP al fine di ridurre l’acidità e proteggere la mucosa gastrica. Nonostante alcune differenze a livello di farmacocinetica, tutte le diverse molecole degli IPP non sembrano avere profili di efficacia clinica significativamente diversi tra loro, anche nei protocolli per l’eradicazione dell’Helicobacter Pylori; in ambito di sanità pubblica e farmacoeconomia, la scelta tra i diversi IPP dovrebbe quindi tenere conto anche del rapporto costi/benefici, orientandola in direzione delle molecole più economiche a parità di efficacia (come il lansoprazolo).

Leggi anche:

Meccanismo d’azione

Questo tipo di medicinale inibisce l’enzima gastrico H+/K+-ATPasi (la pompa a protoni), catalizzatore dello scambio degli ioni H+ e K+. Questo crea un’inibizione efficace sulla secrezione acida. Nel micro-canale dove il pH è basso, vicino al 2, questi inibitori vengono ionizzati e trasformati in molecole che stabiliscono dei legami covalenti col gruppo tiolico (SH) della cisteina della sotto-unità della pompa. Così facendo la pompa è inibita in modo irreversibile. La ripresa dell’attività di pompaggio necessita la produzione di nuove pompe. Mediamente il tempo per la sintesi di nuove pompe è tra le 18 e le 24 ore, un’unica dose permette un’inibizione di circa 24 ore. Il fatto che gli inibitori siano attivi solo in ambiente acido, prima della protonazione, spiega che hanno un effetto minimo sulla H+/K+-ATPasi extra-gastrica situata al livello del retto e del colon. Se questi inibitori fossero amministrati per scopo non gastrico, si trasformerebbero in metaboliti attivi nello stomaco, poiché nei micro-canali si raggiunge una concentrazione tale da inibire la pompa a protoni. La secrezione di Cl- che parallela a quella dell’H+ per produrre HCl, non è direttamente modificata dagli inibitori della H+/K+-ATPasi. Il meccanismo della secrezione di Cl- resta ancora poco conosciuto. Sembra comunque essere legato a quella del potassio, che permette il riciclaggio di quest’ultimo. Una conseguenza dell’inibizione dell’H+/K+-ATPasi gastrico è l’aumento esponenziale della gastrinemia, molto importante nei topi, ma di scarso rilievo nell’uomo. L’ipergastrinemia potrebbe dare il via ad un’iperplasia delle cellule enterocromaffini.

Esempi di inibitori della pompa protonica

Alcuni esempi di tali farmaci, con i rispettivi nomi commerciali:

  • Omeprazolo (Omeprazen, Antra, Mepral, Losec, Logastric) disponibile sotto forma di medicinale equivalente, generalmente in capsule da 10 mg e da 20 mg, dal 2002;
  • Lansoprazolo (Dakar, Prevacid, Lansox) disponibile sotto forma di medicinale equivalente, generalmente in capsule da 15 mg e da 30 mg, dal 2007;
  • Esomeprazolo (Lucen, Axagon, Inexium, Nexium) nei dosaggi da 10 mg in bustina come granulato gastroresistente per sospensione orale, da 20 mg e da 40 mg come compresse in blister; disponibile sotto forma di medicinale equivalente, generalmente in capsule da 20 mg e da 40 mg, dal 2011;
  • Pantoprazolo (Pantoloc, Inipomp, Pantopan, Pantorc) disponibile sotto forma di medicinale equivalente, generalmente in capsule da 20 mg e da 40 mg, dal 2009;
  • Rabeprazolo sodico (Pariet, AcipHex) disponibile sotto forma di medicinale equivalente, generalmente in capsule da 10 mg e da 20 mg, dal 2012;
  • Ilaprazolo (Noltec) disponibile per il momento solo in Asia; in Europa e Nord America non è ancora stato approvato dalle rispettive agenzie, anche se è in lista;
  • Tenatoprazolo Molecola caratterizzata da un’emivita molto lunga, ancora in fase di studio clinico.
  • Dexlansoprazolo

Effetti collaterali

Gli IPP sono generalmente ben tollerati e la maggioranza degli effetti indesiderati sono transitori e poco gravi, tra cui:

  • diarrea;
  • cefalea;
  • flatulenza;
  • dolori addominali;
  • vertigini;
  • eruzioni cutanee;
  • tachicardia.

Nella maggioranza dei casi tali effetti collaterali spariscono con l’interruzione del trattamento.

I migliori prodotti per la salute dell’apparato digerente

Qui di seguito trovate una lista di prodotti di varie marche per il benessere del vostro apparato digerente, in grado di combattere stipsi, fecalomi, meteorismo, gonfiore addominale, acidità di stomaco, reflusso, cattiva digestione ed alitosi. Noi NON sponsorizziamo né siamo legati ad alcuna azienda produttrice: per ogni tipologia di prodotto, il nostro Staff seleziona solo il prodotto migliore, a prescindere dalla marca. Ogni prodotto viene inoltre periodicamente aggiornato ed è caratterizzato dal miglior rapporto qualità prezzo e dalla maggior efficacia possibile, oltre ad essere stato selezionato e testato ripetutamente dal nostro Staff di esperti:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dietologia, nutrizione e apparato digerente, Farmaci, terapie e sostanze d'abuso e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.