Iperandrogenismo femminile: significato, cause, sintomi e terapie

MEDICINA ONLINE OVAIO TUBE FALLOPPIO OVAIA OOCITA OVOCELLULA SPERMATOZOO UTERO VAGINA FONDO CERVICE TUMORA CANCRO POLICISTICO SALPINGOGRAFIA ECOGRAFIA STERILITA GRAVIDANZA INCINTA INFERTILEL’iperandrogenismo femminile si verifica quando in una donna si determina una una eccessiva produzione di ormoni sessuali maschili (specie testosterone) da parte delle ghiandole endocrine deposte alla sua produzione, cioè surrene e ovaio. Questa condizione può avere molteplici cause e conseguenze e va senza dubbio indagata perché può compromettere la fertilità femminile. Gli ormoni androgeni in piccola percentuale vengono prodotti anche dalle donne, ma quando il loro livello aumenti eccessivamente nel sangue, allora è sempre sintomo di una qualche disfunzione, in genere a livello ovarico. L’iperandrogenismo può essere:

  • primario: causato direttamente da patologie degli organi che producono testosterone, argomento di questo articolo;
  • secondario: da cause esterne agli organi che producono testosterone ad esempio da tumori ipofisari o da assunzione di sostanze dopanti nel body building.

Cause di iperandrogenismo

Tra le principali cause di iperandrogenismo femminile troviamo:

Sintomi

I sintomi dell’iperandrogenismo possono essere più o meno accentuati, a seconda della quantità di ormoni maschili in eccesso prodotti dalla donna, ma in genere sono i seguenti:

La “virilizzazione” può comportare:

  • abbassamento della voce;
  • comportamento più aggressivo;
  • aumento della massa muscolare;
  • riduzione della massa mammaria;
  • ipertrofia del clitoride.

Una caratteristica dell’irsutismo da iperandrogenismo (uno dei sintomi più chiari della disfunzione), è quella di manifestarsi con la comparsa di peli in zone di solito glabre nelle donne, come ad esempio il viso, la schiena, il petto, il dorso di mani e piedi. Non, quindi, un semplice eccesso di peluria (quello prende il nome di “ipertricosi” ed ha cause dermatologiche e non ormonali), ma una crescita di peluria in zone maschili (irsutismo).

Diagnosi

La diagnosi di iperandrogenismo si effettua attraverso la valutazione clinica dei sintomi e soprattutto attraverso i dosaggi ormonali, sia gli ormoni tiroidei che gli ormoni maschili e femminili. In particolare i valori da controllare sono: il testosterone libero e totale, androstenedione, DHEA-S, FSH e LH, 17-OH progesterone, PRL, e TSH.

Terapia

 

Le cure dell’iperandogenismo dipendono dalla causa scatenante e dalla rapidità dei tempi di insorgenza. Se, ad esempio, l’aumento di peso, la comparsa dell’irsutismo e l’acne sono improvvisi, si può sospettare l’accrescimento si un tumore surrenalico. Se, invece, il problema comincia a manifestarsi abbastanza precocemente in una ragazza, all’origine potrebbe essere una disfunzione ovarica. Tra le possibili opzioni terapeutiche, a parte quella chirurgica in caso di tumori, c’è al somministrazione della pillola o di altri dispositivi ormonali a base di ormoni femminili (il dosaggio deve essere attentamente calibrato e modulato in base all’andamento del disturbo). Talvolta un lieve iperandrogenismo funzionale nella giovanissime tende e regredire spontaneamente con la crescita. E’ molto importante, per ripristinare la funzionalità ovarica e quella endocrina, anche perdere peso: spesso una dieta mirata in cui siano ridotti i grassi saturi e gli zuccheri e aumentate le fonti di vitamine, grassi “buoni”, minerali e antiossidanti da sola permette il ritorno delle mestruazioni e un miglioramento generale dei sintomi.

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ginecologia, Ormoni ed endocrinologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.