Come sedurre una donna o un uomo col gioco di sguardi

MEDICINA ONLINE Dott Emilio Alessio Loiacono Medico Chirurgo Roma COME SEDURRE DONNA UOMO GIOCO DI SGUARDI Riabilitazione Nutrizionista Medicina Estetica Cavitazione Radiofrequenza Ecografia Pulsata  Macchie Capillari Pene Vagina Ano Glutei.jpgIl miglior preliminare sessuale che conosca? Senza dubbio il gioco di sguardi.

Piacere ad una donna o ad un uomo è una cosa al tempo stesso facilissima e difficilissima. Fin dall’antichità l’essere umano ha cercato di sviluppare tecniche di seduzione sempre più sofisticate per avere successo con l’altro sesso, nella continua ricerca del valorizzare le proprie qualità individuali. Uno strabiliante aiuto da accostare alle tecniche più raffinate di seduzione è sempre stato costituito da linguaggi non verbali più o meno innati in ognuno di noi, cioè tutti quei comportamenti che non includono il parlare, come muoversi o assumere una certa posizione, che il nostro corpo compie, consciamente o inconsciamente, quando siamo attirati da una persona. Riuscire a controllare questo tipo di comportamenti del nostro corpo e riuscire ad interpretarli negli altri, ci permetterà di essere più interessanti per chi vogliamo sedurre e ci aiuterà a capire se dall’altra parte c’è un ritorno positivo al nostro approccio e massimizzare le possibilità di conquista.

Cos’è il gioco di sguardi e perché è importante?
Una delle tecniche migliori di seduzione, nel linguaggio non verbale, è il “gioco di sguardi”, cioè quella situazione in cui due persone, poste in un ambiente che gli permette una certa vicinanza, si “rincorrono” più o meno timidamente con lo sguardo. E’ una tecnica di seduzione molto intrigante, sia per l’uomo che per la donna, e contemporaneamente è un utile segnale che ci permette in maniera relativamente semplice di capire se abbiamo qualche possibilità con l’altra persona ed evitare il rischio di brutte figure.

Leggi anche:

I vantaggi e gli svantaggi del gioco di sguardi
I vantaggi nel giocare con lo sguardo sono molti:
1) permette di godere la vista di una persona che esteticamente ci piace;
2) determina un vero e proprio crescendo di desiderio ed emozioni (quando i vostri sguardi si incrociano vi sentite elettrici grazie alla dopamina che scorre a fiumi nel vostro cervello);
3) permette di mettersi in gioco senza rischiare molto;
4) ci regala autostima, ci fa sentire più belli;
5) essendo a noi sconosciuta, la persona che abbiamo di fronte acquista il carattere che più ci piace (certo questo può diventare un potenziale grosso svantaggio, perché ce la fa idealizzare e se poi scopriamo che il suo carattere non è come immaginavamo… la delusione è doppiamente forte).
6) è utile per cogliere lati psicologici che gli occhi riescono a comunicare: se lo sguardo dell’altra persona sarà intraprendente, avremo di fronte una persona sicura di sé e predatrice; se lo sguardo sarà timido, avremo di fronte una persona più sensibile. Sapere questa informazione, porta a due vantaggi fondamentali:

  • ci fa capire in anticipo, ancor prima di aprire bocca, se la persona che abbiamo di fronte ha un carattere che può piacerci o no;
  • ci permette di usare una tattica di approccio diversa a seconda se la persona è più timida/riservata o più aggressiva.

Il principale svantaggio è che, se il gioco di sguardi viene protratto per troppo tempo e nessuno dei due si fa avanti (magari per timidezza), non nasce nessun rapporto, tuttavia per alcuni il bello è proprio questo: avere l’emozione di un flirt (magari con diversi potenziali partner), senza alcune “complicazioni” legate ad un rapporto vero e proprio come ad esempio tradire “fisicamente” il proprio o la propria partner. Senza considerare che qualcuno può trarre piacere da un gioco di sguardi che non passa ad uno stadio successivo, perché è esso stesso fonte di autostima e gratificazione: “mi guarda, quindi sono bello/a”.

Leggi anche:

Dove giocare con lo sguardo?
Una ricerca ha dimostrato che troviamo più interessanti, piacevoli e rassicuranti i volti che abbiamo visto più volte, in un ambiente che conosciamo bene, anche se non conosciamo realmente l’altra persona. Casi tipici sono:

  • una sala universitaria,
  • una classe di liceo,
  • un’aula di studio,
  • una biblioteca,
  • una palestra,
  • un parco dove si va a correre,
  • un locale che frequenti spesso.

Tutti posti che tendono ad essere popolati più o meno sempre dalle stesse persone. Questo ti permetterà di giocare con lo sguardo più volte con l’altra persona e, col tempo, il vostro volto le piacerà sempre di più e le darà più sicurezza; inoltre quando la giornata sarà finita potrete “darvi un sensuale appuntamento al giorno dopo”, magari con uno sguardo di commiato un po’ più lungo degli altri.

Un punto in comune
La cosa interessante dei posti elencati nel paragrafo precedente è che vi permettono di avere subito un punto in comune con l’altra persona: un frequentatore abituale di una biblioteca avrà in comune con voi l’amore per la lettura, un frequentatore di una palestra condividerà con voi la passione per il fitness: questo vi avvicina e vi permette anche di avere un punto di partenza per l’eventuale conversazione che seguirà il gioco di sguardi.
Inoltre l’altro vantaggio di una osservazione continuata di un soggetto in un posto ristretto, vi permette di capire quali sono i suoi gusti specifici e questo vi da una marcia in più per piacergli/le. Ad esempio se siete in biblioteca e vedete che legge spesso libri di Platone, sapete che potete iniziare una conversazione parlando di come il vostro mito fin da bambini sia stato Socrate! Oppure se vedete che il soggetto che vi interessa in palestra fa sempre lo stepper, potete farlo anche voi accanto a lei/lui iniziando la conversazione relativamente a quanto sia bello per te fare quel particolare attrezzo.

Leggi anche:

Guardi una donna o un uomo negli occhi e…
Vediamo ora quello che può accadere quando guardi una persona negli occhi. Si possono verificare due situazioni: questa persona può distogliere lo sguardo o mantenerlo. Nel caso distolga lo sguardo le possibilità sono tre:
1) E’ attratta ma non vuole mostrartelo troppo, magari per timidezza. Questa persona continua a cercare il tuo sguardo varie volte, anche se tu cambi posizione nell’ambiente. Appena i vostri sguardi si incroceranno, abbasserà gli occhi. Spesso questo gioco può continuare per lunghi periodi ed essere comunque appagante per entrambi.
2) E’ attratta ma per qualche motivo non vuole che altri lo capiscano (se ci sono altre persone). Cercherà il tuo sguardo, ma solo quando il resto delle persone non la noterà.
3) Non è attratta: dopo due o tre tentativi non ricambiati meglio lasciare perdere.
Nel caso mantenga lo sguardo le possibilità sono queste tre:
1) E’ attratta da te, potresti pensare di passare ad un approccio più diretto.
2) Non necessariamente è attratta da te ma è una persona sicura di sé e vuole vedere fin dove vuoi arrivare: in questo caso lo sguardo è molto deciso, quasi di sfida.
3) Sta guardando un’altra persona dietro di te (non sottovalutate questa possibilità!).
Come vedete non è affatto facile capire cosa nasconde un gioco di sguardi, ma questo è probabilmente uno degli aspetti più affascinanti di questo gioco: l’incertezza.

Leggi anche:

Cosa fare dopo un gioco di sguardi?
Non c’è una vera e propria sequenza di eventi successivi al gioco di sguardi, che anzi a volte continua per lunghi periodi per poi esaurirsi nel tempo senza aver portato a nessuna fase successiva. Quando uno dei due ha intenzione di farsi avanti, la classica mossa è quella di abbinare uno sguardo ad un sorriso molto dolce che sarà sicuramente apprezzato dall’altra persona che potrà decidere se ricambiare il sorriso. Un altro sistema tipico è quello di lanciare una “domanda fatta con gli occhi“, ossia uno sguardo di richiesta, qualcosa di delicatamente esplicito che serve a capire se tutto finisce li essendo stato un semplice gioco malizioso, o se può andare avanti con la conoscenza reale, che dovrà assolutamente rispecchiare tutto quello che finora ci si è “detti” con gli occhi. Allo sguardo si può ovviamente anche associare un progressivo avvicinamento fisico ed un gesto, come aprire il palmo della mano in segno di saluto. Il passo successivo sarà ovviamente aprire bocca e… parlare!

Gli errori che fanno specie gli uomini
Le donne hanno una capacità migliore, a mio avviso, di portare avanti un gioco di sguardi veramente sensuale. Hanno più pazienza e traggono molto più piacere dal flirt, rispetto all’uomo che è solitamente molto più impaziente di “arrivare al sodo”: gli uomini che si cimentano in questo gioco, rischiano solo di risultare inquietanti agli occhi della donna. Per farvi un paragone: il gioco di sguardi di una donna tende all’erotismo, mentre quello dell’uomo alla pornografia! Ecco gli errori tipici di un uomo, da evitare per riuscire davvero a flirtare senza spaventare le donne.
1) Un gioco di sguardi viene spesso trasformato in uno sguardo fisso che fa pensare il peggio ad una donna. Molti uomini lo fanno e qual è il risultato? Riescono a spaventare l’altra persona. Un gioco di sguardi è fatto di “tanti” rapidi sguardi, un po’ timidi, sicuramente discreti. Non di un solo sguardo lungo un minuto! Ci deve essere desiderio ma anche timore che i vostri occhi si incontrino coi suoi.
2) Tra uno sguardo e l’altro si deve lasciar passare un po’ di tempo. Ammiccare dieci volte di fila una donna, a ripetizione, ti fa solo sembrare ossessivo e farla scappare! I periodi tra uno sguardo e l’altro devono aumentare l’incertezza e fare in modo che il desiderio della donna cresca.
3) L’uomo medio non riesce a giocare a guardare gli occhi di una donna per lunghi periodi. Quasi sempre il suo sguardo si sposterà dal viso della donna alle sue parti più “sessuali”. Ecco, guardare il seno di una donna durante il gioco di sguardi, è spesso (non sempre!) controproducente. Forse fatto con discrezione può essere intrigante per la donna, ma non si deve esagerare. Il gioco di sguardi è sensuale perché non prevede necessariamente step successivi e se l’uomo tradisce la sua voglia di fare sesso rapidamente, perde il suo senso.
Il troppo trasforma sempre la seduzione in ossessione, che è quello che loro vedranno nei tuoi occhi. Anche se non lo fai volontariamente, è sempre utile cercare di controllarsi altrimenti potresti rischiare molto di più che l’allontanamento della donna che ti piace.

Leggi anche:

Dott. Emilio Alessio Loiacono
Medico Chirurgo

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La medicina per tutti, Sessualità e storie d'amore e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...