Nervo genitofemorale: anatomia, decorso e territorio di innervazione

MEDICINA ONLINE PLESSO SACRALE NERVI DEGLI ARTI INFERIORI FEMORALE OTTURATORIO SCIATICO ISCHIATICO ILEOIPOGASTRICO ILEOINGUINALE GENITOFEMORALE PIRIFORME QUADRATO GLUTEO FORAME ISCHIATICO GEMELLO PUDENDO ELEVATORE ANOIl nervo genitofemorale (in inglese “genitofemoral nerve”) è un nervo misto che origina dal ramo anteriore del 2° nervo lombare del plesso lombare e comprende fibre provenienti da L1 e L2.

Territorio di innervazione

La componente muscolare innerva il muscolo cremastere; la parte cutanea innerva la cute dei genitali esterni e della parte anterosuperiore della coscia.

Decorso

Il nervo genitofemorale, dopo la sua origine, emerge sulla faccia anteriore del grande psoas e decorre verso il basso parallelamente all’uretere, lateralmente all’iliaca comune e poi all’iliaca esterna. A livello del legamento inguinale, il nervo genitofemorale si divide nei suoi rami terminali: quello  genitale e quello femorale.

  • ramo genitale: è misto; entra nel canale inguinale, dove nel maschio innerva il muscolo cremastere, e raggiunge la cute dei genitali esterni (scroto nel maschio e grandi labbra nella femmina). È responsabile del riflesso cremasterico;
  • ramo femorale: è esclusivamente cutaneo; costeggia l’iliaca esterna, con la quale attraversa la lacuna dei vasi al di sotto del legamento inguinale, e raggiunge il triangolo femorale di Scarpa, dove perfora la fascia cribrosa e va a innervare la cute anterosuperiore della coscia.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Anatomia, fisiologia e fisiopatologia, Neurologia, psichiatria, psicoterapia e riabilitazione cognitiva e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.