Overdose: cosa fare nell’attesa dei soccorsi?

MEDICINA ONLINE AMBULANZA URGENZA EMERGENZA PRONTO SOCCORSO OSPEDALE INCIDENTE STRADALE MORTE CHIRURGIA AUTO MEDICA STRADACon il termine “overdose” in medicina si indica la dose di una sostanza (ad esempio farmaci come gli antidepressivi o droghe come cocaina o eroina) che risulta eccessiva in rapporto alle possibilità di tolleranza dell’organismo: tale dosaggio procura nel soggetto che l’ha assunta una intossicazione che si manifesta con una serie di sintomi e segni diversi in base al tipo di sostanza assunta in eccesso ed alla quantità di sostanza. Una overdose può essere rapidamente letale quindi è importante sapere cosa fare qualora lo sospettiate in qualcuno.

Cosa fare?

Cosa fare se un vostro conoscente è in overdose o temete che lo sia? Per prima cosa dovete chiamare immediatamente i soccorsi con il Numero Unico per le Emergenze 112 cercando di fornire all’operatore le maggiori informazioni possibili:

  • raccontare come si è verificato l’accaduto;
  • dire che si sospetta una overdose;
  • elencare le sostanze assunte dal soggetto (note o anche solo sospettate);
  • descrivere sintomi e segni.

Se avete un mezzo, conducete voi stessi il soggetto al Pronto Soccorso del più vicino ospedale. Ricordate: la rapidità è molto importante ed un minuto in più o in meno può letteralmente fare la differenza tra la vita e la morte della persona.

MEDICINA ONLINE posizione di SICUREZZA LATERALE anti-shock DECUBITO PRONO SUPINO LATERALE SICUREZZA SIGNIFICATO POSIZIONE LETTO STESI TERRA VISITA LETTINO SDRAIATO CHE SIGNIFICA DIFFEREN

Posizione laterale di sicurezza

Come comportarsi nell’attesa dei soccorsi?

Nell’attesa dei soccorsi, possono sopraggiungere complicanze in modo molto rapido, come arresto respiratorio o cardiaco, convulsioni, perdita di coscienza. Ecco come comportarsi:

  • non lasciare sola la persona;
  • cercare di mantenere il soggetto calmo e sveglio, ad esempio pizzicando le sue guance, bagnare il viso e i polsi, parlare e cercare di camminare;
  • se compaiono volto cianotico (bluastro), respirazione irregolare, incomunicabilità e polso debole, porre il soggetto in posizione laterale di sicurezza (vedi immagine in alto) per evitare che soffochi con il proprio vomito, che è una causa frequente di morte in caso di overdose;
  • controllare la frequenza respiratoria: se la persona non respira, procedere con la respirazione artificiale;
  • controllare la frequenza cardiaca: se la persona non ha polso, procedere con il massaggio cardiaco;
  • se il soggetto è molto caldo, raffreddarlo spogliandolo e sventolandolo;
  • evitare di dare cibo o bevande al soggetto;
  • non cercare di indurre il vomito;
  • se il soggetto vomita, controllare che le sue vie respiratorie rimangano libere;
  • se sopraggiunge convulsione, impedire al soggetto di farsi del male;
  • assicurarsi che la testa sia inclinata indietro e la lingua sia spostata in avanti e di lato, in modo che le vie respiratorie rimangano libere.

Anche qualora l’overdose non appaia grave o i sintomi stiano migliorando, è sempre buona norma chiamare soccorso medico e/o accompagnare la persona al Pronto Soccorso.

Leggi anche:

Cosa fare all’arrivo dell’ambulanza?

Una volta che i soccorsi sono arrivati, si deve:

  • raccontare al personale come si è verificato l’accaduto;
  • dire subito che si sospetta una overdose;
  • elencare le sostanze assunte dal soggetto (note o anche solo sospettate);
  • qualora si fosse ancora in possesso della sostanza assunta dal soggetto, consegnarla al personale medico.

Per approfondire:

Leggi anche:

Lo Staff di Medicina OnLine

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sui nostri nuovi post, metti like alla nostra pagina Facebook o unisciti al nostro gruppo Facebook o ancora seguici su Twitter, su Instagram o su Pinterest, grazie!

Questa voce è stata pubblicata in Farmaci, terapie e sostanze d'abuso, Medicina delle dipendenze e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.